Followers

28/04/16

Piovono cazzate



 
Piovono cazzate, poco ma sicuro.
Qualche giorno fa mi arriva via mail una petizione per impedire la macellazione del cavallo.
Sono vegano, dunque la firmo senza problemi... ma tutto questo mi spinge come al solito a scavare un po’ di più dentro la questione.
E così scopro che decine e decine di persone che si definiscono “onnivore” firmano ogni giorno petizioni come questa.
Salvate il cavallo, salvate l’agnello, salvate il cinghiale.
Ma intanto mangiano conigli, polli, vitelli, maiali, tacchini, pesce (oh sì, perché anche il pesce è carne!), uova...
Ma che discorsi sono: certi animali sì e altri no?

Partiamo da una considerazione: l’uomo è per sua natura onnivoro ovvero può nutrirsi sia di animali che di vegetali.
Onnivoro, non carnivoro come qualche deficiente in giro per il web sostiene.
Se era onnivoro nasceva tigre, se era erbivoro nasceva giraffa, se era intelligente non nasceva coglione... ma questa è un’altra storia.
Mi dispiace da morire scriverlo ma è anche vero che per moda la dieta vegetariana, o addirittura vegana senza alcuna cognizione di causa sta spopolando.
Sempre più finto esperti della domenica scrivono fior di tesi che pullulano nel web escludendo qualsiasi ipotesi onnivora e anche questo non va bene.

Detto ciò il punto è un altro e scegliere quale dieta seguire è una decisione che non riguarda solo la salute ma abbraccia anche credenze etiche, filosofiche e a volte religiose.
Io sono vegano per mia scelta e sono per il vivi e lascia vivere, però mi sembra un po’ ipocrita tutto questo campanilismo selettivo.
Volete mangiare la carne?
Va benissimo ma allora piuttosto che fare discorsi classisti su chi salvare e chi mandare a morte, create allevamenti che non facciano soffrire gli animali, fateli morire in modo dignitoso e non immettete sul mercato quintali e quintali di carne come se non ci fosse un domani.
Cercate di promuovere un’alimentazione che oltre alla bistecca preveda qualcosa d’altro come una frittata, del pesce, dei legumi, una pizza... insomma, variate l’alimentazione onnivora e non nutritevi di sola carne per poi scadere in petizioni ipocrite.

E questo per quanto riguarda gli onnivori.
Ma anche nel mondo vegan tranquilli che non si scherza mica, pure qui abbiamo i militanti cospirazionisti che vedono male dappertutto e si lanciano in crociate inutili.
Una di queste mi è stata segnalata da Melinda e riguarda il tema del latte.
A dire il vero parte da molto prima, da un recente articolo di cronaca che ha visto come protagonista un bimbo di due anniricoverato in ospedale per gravissima malnutrizione a causa della dieta vegana imposta dai genitori.
Ecco a tal proposito vorrei dare concretamente dei coglioni a questi due individui che si definiscono “genitori”: il bambino ha bisogno di tutti i nutrienti possibili fintanto che si trova nell’età dello sviluppo.
Diventare vegetariano, vegano o restare onnivoro sarà poi una scelta dell’individuo una volta divenuto adulto.

Ora, che c’entra il latte?
Spunta da una discussione su facciadalibro dove una “gentilissima” (e anche un po’ analfarincobeta) signora se ne esce fuori con un commento riguardo il ricovero del bambino che non ha una mazza a che vedere con la notizia.
Pregasi allargare l’immagine per leggere il commento.


Ecco, io personalmente non consumo né latte né latticini perché sono vegano.
Ma se una persona vuole consumare questi prodotti e non ha problemi con la digestione del lattosio, chi può dirgli che sta sbagliando?
Per carità in rete di cagate sul latte se ne sparano a migliaia ma addirittura tirare in ballo le industrie farmaceutiche che “ci vogliono malati” sa molto di cospirazionista.

Se i nutrizionisti di tutto il mondo dicessero che il latte fa male, perché le linee guida di tutto il mondo direbbero che il latte è un alimento consigliato? Addirittura, ciò che è consigliato è un’assunzione di latte di 2 o 3 porzioni al giorno (mi raccomando, porzioni: una porzione vale 125 ml). Come in tutte le cose è vero però che esagerare fa male: se io prendo un litro di latte al giorno evidentemente prendo calorie da lì e non da altri nutrienti, il che finisce per squilibrare un’alimentazione. Nella misura di 2 o 3 porzioni al giorno posso avere tutti i benefici del latte senza rischio di alcun tipo; anzi, il consumo di latte è associato con un minor rischio di cancro al colon.

E alla fine di tutto questo ragionamento a me viene sempre e comunque da domandarmi...
MA UNA PIROFILA DI CAZZI PROPRI NON SE LA FA MAI NESSUNO?!

12 commenti:

S. ha detto...

finché la signora ha parlato di latte crudo di vacca (o pecora) ha ragione.Tutto il resto sono stronzate.
Il nostro stomaco non ha l'enzima per poter digerire la caseina animale, dunque provoca infiammazione, naturalmente preso in piccole dosi, non è allarmistico. Mentre ciò non vale nei formaggi, sopratutto stagionati, perchè la caseina subisce una trasformazione che la rende digeribile e non infiammatoria, ciò non vuole dire che possiamo mangiarci una forma di parmigiano intero, ovviamente.Parlo per cognizione di causa avendo avuto un figlio che aveva una forte allergia alle proteine del latte vaccino, per cui dopo lo svezzamento non ha ricevuto latte di nessuna specie, ed è cresciuto benissimo.Mangia i formaggi stagionati, il giusto e non ha alcuna complicanza.

cristiana2011 ha detto...

Non sono vegana. Sono decisamente carnivora e faccio delle discriminazioni, lo ammetto : non mangerei mai carne di cane perchè mi sembrerebbe di essere cannibale : li amo.
Cristiana

S. ha detto...

ma fammi capire, non gradisci i commenti in generale o solo i miei?
nel caso, esprimiti, così ti cancello proprio.

Xavier Queer ha detto...

In India le mucche sono sacre, se ne uccidi una sono cavoli amari. Io sono per il vivi e lascia vivere sempre nel rispetto degli altri.

Xavier Queer ha detto...

Tanto per cominciare tanta arroganza puoi anche... cerca di leggere tra le righe.
Io non vivo nel web, studio, lavoro, faccio le mie terapie e cerco di vivere anche la mia vita. I miei post sono programmati, escono a prescindere che io ci sia o non ci sia nel web e i commenti sono sottoposti a moderazione, quindi li pubblico quando posso. Se non ti sta bene prego lì è la porta!

Mariella ha detto...

Direi che presunzione e ignoranza vanno a braccetto eh.
Bacio ragazzo bello.

S. ha detto...

come tutti sai? solo che non è la prima volta
chiaro che ti cancello, se io sono arrogante, tu non sei da meno, visto che dopo un macello che hai fatto. sul mio blog, mi hai cancellata a prescindere.Dunque caro bimbo sfortunato, adesso pretendo anche la pubblicazione della mia replica.

Xavier Queer ha detto...

Appunto e si presentano sempre alla mia porta a rompere il cazzo (non mi riferisco a te).
Bacio grande donnina bella :)

Xavier Queer ha detto...

Ohi rinco, se per macello intendi il balletto fatto da Silver Silvan (ho sempre avuto il sospetto che foste la stessa persona) che tu hai organizzato ad hoc, ho semplicemente risposto per le rime, casomai tu hai tirato su un casino su un altro blog che purtroppo ha chiuso.
Ora vai a rompere il cazzo da un'altra parte!

Elsa March ha detto...

Bimbo, ma chi è codesta ringrullita cafona che ti prende a male parole?
Lasciala perdere, non devi abbassarti al suo livello.
Poi per il post... oh ma che palle, e che uno non può essere libero di scegliere cosa mangiare in pace?
E già di merdaiolate nel web ce ne sono tante, adesso anche il latte... ma preoccupiamoci delle fragole ananas invece e di tutti i cibi OGM che fanno male che qui in UK sono orribili solo a vedersi e spero non giungano in Italia.
Baci

Guerisoli Paola ha detto...

Il problema non sono i vegani...i vegetariani....gli allevamenti....le mucche...o i maiali.... il problema è nell'esagerazione di tutto questo.Come per le religioni,il tifo calcistico,la fede politica......prese a piccole dosi sono innocue, ma se esageri sono pericolosissime!!!

Xavier Queer ha detto...

Sarò anche come dici tu un "bimbo sfortunato" ma tu sei semplicemente patetica!