Followers

18/01/16

Di quest'unione l'orrendo foco...


La Germania è già in questo momento completamente pronta a ritornare al marco tedesco e penso che i marchi siano già stati stampati.
Non ha ancora preso la decisione, che sarà molto sofferta, di uscire dall’euro, ma teme di essere forzata a farlo dalle circostanze.
E, sia chiaro, sarà una mossa che non prenderà con leggerezza, ma alla fine la scelta per Berlino è una permanente instabilità dei prezzi oppure un temporaneo apprezzamento della moneta. Tra le due opzioni, sceglierà la seconda.
Se la Bce inizia a stampare moneta, ed è una possibilità, ciò significa inflazione.
E la Germania non può accettarlo per motivi storici.
Non è un’opzione contemplabile.
In un certo senso, sarebbe come tornare al 1923 e i tedeschi sanno qual è il risultato finale del dire «stampiamo ancora un po’ di moneta» per risolvere il problema del debito: enorme inflazione.
Il resto del mondo non ha paura dell’inflazione, ma per i tedeschi la paura è talmente profonda che diranno sempre «non si può stampare moneta».
Se la Bce farà la mossa, Berlino dovrà andarsene dall’Eurozona.

A parlare è Philippa Malmgren, dottorato alla London School of Economics, una carriera di spicco nel settore finanziario e bancario mondiale, “Special Assistant” in materia economica dell’ex presidente americano George W. Bush e co-fondatrice della Principalis Asset Management.

E dopo i fatti di Colonia e le accuse della Merkel verso i paesi del bacino mediterraneo “colpevoli” di non fare la loro parte nella questione immigrazione, la Germania pensa bene di attuare il piano nato nel 2012 dove progettava di uscire dall’Euro.
L’Euro, quella bella monetina che la Germania ha voluto tanto fortemente e per la quale ha persino creato lo spread, adesso è diventato scomodo.

Cosa posso dire?
Comincerei dalla questione immigrati.
Da quando in qua la Germania si occupa di immigrazione?
Rifiutando di prendere i vagoni dei treni che arrivano dall’est colmi di persone bisognose di aiuto, spaccando le palle a paesi come Italia e Francia che sono stracolmi di immigrati e vivono ogni giorno situazioni al limite?
Sembra proprio di sì, a meno che non esista una Germania parallela che si occupa di accogliere gli immigrati e risolvere tutti i problemi annessi.

E l’Euro?
Ma come, il paese che ha fatto fuoco e fiamme per avere la moneta unica adesso sguscia via alla chetichella.

Il richiamo continuo e ripetuto alla sacralità del pareggio di bilancio fino al suicidio italiota di inserire nella nostra bella Costituzione la costrizione del pareggio di bilancio mi ricorda i moniti dei nostri preti di campagna: fate quello che dico ma non fate quello che faccio.
Quello che viene intimato agli altri non vale per la Germania.
Agli altri paesi vengono imposti tagli allo stato sociale da un paese che ha un livello di assistenza sociale fra i più elevati di Europa.
Ma allora da dove nasce questa richiesta di austerità per gli altri?
La favoletta di una sorta di complesso psicologico originale che renderebbe la Germania estremamente sensibile, fino alla schizofrenia, alla paura di innestare un processo inflattivo è troppo ripetuta dai cronisti e commentatori per essere vera. 
(Mariano Leone)

Io la soluzione ce l’ho per risolvere la questione Germania.
Gli altri paesi UE tornano alle proprie monete, lasciando debiti e oneri alla grande Germania, e ogni convoglio di immigrati verrà mandato al Parlamento Tedesco con tanti auguri e senza libretto di istruzioni per gestire il problema.

Quanto resisterà il paese dei wurstel e krauti?
Si aprono le scommesse. 


12 commenti:

  1. Innanzitutto ben rientrato e ben ritrovato. Ad maiora, ragazzo d'oro.
    Adesso all'effetto devastante che dovrebbe fare questo post.
    Ma io allora che ci sto a fare qui in Germany se di tutto questo non mi sono accorto?
    Ma di che Marco parla sto qui?
    Oggi sono passato davanti a svariati distributori di carburante. Diesel a 0.91, Super a 1,14. Negozi pieni di gente che magari compra poco, ma compra. Eonomia leggermente rallentata nel mercato interno, strepitosa nel mercato esterno. Tutto questo avviene in Germany in virtù dell'euro. Oggi il cambio euro-dollaro è un 1,083 dollari per un euro, cambio favorevolissimo per le deutschen esportazioni. L'altra sera alla TV, primo canale, discutevano del pregio dell'euro sul vecchio marco. Un economista ha detto che in questo momento il marco sarebbe così forte da dare un cambio di 3 o 3,50 dollari per un marco. Il che significherebbe la FINE DELLE ESPORTAZIONI e contemporaneamente il crollo dell'economia tedesca. Quindi è assurdo.
    Con l'Euro la Germania può fare il buono e il cattivo tempo, tanto la BCE non stamperà mai moneta nuova. E come potrebbe fare ad avere un surplus del 7,5% superiore al massimo consentito del 6% del PIL, pari a circa 1500 miliardi di euro negli ultimi tre anni, senza che nessuno neanche l'ammonisca per lo sforamento? E finché avremo montagne politiche come Renzi ed Holland Angela Merkel, o meglio Schäuble, continuerà ad avere idee geniali come quella della supertassa sulla benzina e diesel per pagarsi gli emigranti che arrivano da ogni dove.
    Meglio far finta di essere scemi e non capire il perché di questa improvvisa misericordia nei confronti dei fuggiachi da guerre, il perché politico intendo.
    Non succederà niente, perché costerebbe troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, scusa se userò toni duri ma da cittadino italo francese mi sento di scrivere che la Germania sta facendo il bello e il cattivo tempo da un po' di tempo e forse non è ancora uscita dal trip del 1933.
      La politica della Merkel è poco trasparente e molto Quarto Reich, la Cancelliera si muove in acque torbide e la BCE non si sveglia di certo una mattina con l'idea di stampare marchi tedeschi se qualcuno non glielo ordina.
      Poi vogliamo parlare di UE?
      Noi non gli siamo gli States, non abbiamo una storia comune nè una lingua, nè un insieme di intenti sociali e politici.
      Non si può chiamare Unione un insieme di paesi diversi dove uno (la Germania) fa quel cazzo che vuole e deve imporre le sue regole.
      In merito agli immigrati ti lascio questo articolo, che è solo un esempio delle critiche giustamente mosse alla Germania.
      Poi ovviamente è normale che tu difenda il paese dove vivi, ma così come gli italiani e i francesi criticano i loro governi se sbagliano è giusto che anche i tedeschi aprano un po' gli occhi.
      Premettendo che questa è la mia opinione e non voglio offendere nessuno ti abbraccio!

      Elimina
    2. Guarda che io NON sto difendendo la Germania. Se la Merkel sta facendo il comodo suo la colpa è di Sarkosi che l'ha sempre protetta per pararsi il culo, di Renzi che non la sa prendere e di lei si fida e di chi pensa che lei sia tutto. No. Tutto è Schäuble. È lui il vero cancelliere. Fano il cazzo che vogliono perché nessuno gli sbatte in faccia le loro colpe. Ma la Germania fuori dall'Euro e dall'Europa va nella merda totale. Il mercato interno è sempre stato snobbato dai crucchi he si sono dedicati a quello esterno. Se però tornassero al marco chiuderebbero le esportazioni. Non credo che lo farebbero mai.
      Aprire incondizionatemente le frontiere agli immigrati, nell'ordine di oltre un milione all'anno, è stato un errore colossale, a prescindere da Colonia. Adesso stanno costruendo come matti case. Ecco il motivo, Xavier. Non c'entra niente la bontà e l'altruismo. Qui non si vedevano più gru. L'intero settore era in crisi fortissima. Adesso l'Europa paga alla Germania la costruzione di case, di migliaia di case dando lavoro a migliaia di imprese. Ti rendi conto di cosa significa? Che i prezzi degli appartamenti scenderanno di nuovo e si rimetterà in moto anche quel mercato. Gireranno più soldi e tutti ne beneficeranno. Perché Angela riesce a farsi dare tutti quei soldi e lo stronzo fiorentino no?

      Elimina
  2. Ma il trono della Merkel non sta pericolosamente barcollando già da un po'?
    Diciamo che questa è la sua ultima mossa per rimanere attaccata alla "catrega"?
    Io non vedo l'ora che vada in pensione lei e i suoi orribili completini.
    Che è ora.
    Ciao ragazzo bello, tutto a posto?
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto a Vincenzo, la Merkel si muove in acque torbide e prima o poi lo metterà in quel posto a tutti.
      Bacio

      Elimina
  3. Risposte
    1. Quando l'Italia uscirà dall'euro? Quando gli italiani daranno un calcio in culo ai politici che siedono su quelle poltrone rosse a Roma.
      Un abbraccio a te e Marco

      Elimina
  4. Amico bello sei tornato! Che gioia. sono proprio contenta.
    Riguardo al post, io ho sempre pensato una cosa, chiedo scusa se è sbagliata.
    Per fare un'europa unita, bisognava che noi cittadini di tutti gli stati, politici compresi, fossimo preparati a questa unine. Economicamente, spiritualmente, materialmente, mentalmente. Invece siamo andati tutti allo sbaraglio, un pò come pecore che seguono il gregge comandato da una caprona e il problema degli immigrati ce lo ha dimostrato ampiamente.
    Spero di non essere andata fuori tema
    Abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Farfalla, non sei andata fuori tema, l'UE è stata imposta, non c'erano i presupposti giusti e come sempre le scelte politiche sbagliate ricadono sui cittadini.
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Grazie per avermi capita. Mi dispiace dirlo perchè sa di qualunquismo, ma a pagare sono sempre i cittadini da che mondo è mondo. Il fatto tragico è che i cittadini si lamentano solo ma non si ribellano davvero.

      Elimina
  5. Qualcuno sognava una diversa Europa, adesso sembra solo un continente fatto di tanti interessi economici e serva delle grandi lobby.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. Mi torni così, alla carica, con un argomento tosto come questo? Bravo Xavi ;-)

    Innanzitutto, cado dal pero, letteralmente. Il tran-tran giornaliero mi fa evadere da certe questioni, e me le perdo.

    Insomma, dov'è finita la Germania cazzuta che tutto decide e tutto comanda? Non è stato forse uno degli stati che ha premuto di più per la moneta unica? Beh allora sì, vedrai che quando accadrà dopo si defileranno in molte, dall'euro... staremo a vedere, prevedo un bel casino!

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut