Followers

26/09/15

Beatrice Lorenzin: the illusionist!!!


«Si fanno solo le diagnosi che servono e non quelle che non sono realmente necessarie, l’eccesso costa 13 miliardi che invece potrebbero nel tempo essere redistribuiti nel Servizio sanitario»

Chi lo ha detto?
Sempre lei, ci risiamo, la cogliona colpisce ancora.
Beatrice Lorenzin, che ricordo a tutti i lettori non è medico né ha mai avuto a che fare col mondo della sanità ma si vanta di un bel diplomone di maturità classica (Lorenzin, se ancora rimembri il latino questa è tutta per te: cacat mentula) e nel suo passato lavorativo ha avuto esperienze con Sky, Wind e Alitalia (sarà per colpa sua che è andata a puttane?), eppure adesso fa il ministro della Sanità per volere di Shish.
Perché two cretins è meglio che one.

Allora, che combina l’imbecille?
Siccome secondo lei in Italia si spendono soldi inutilmente facendo esami clinici, perché si sa che curare i cittadini è una gran rottura di coglioni oltre che una spesa, decide di togliere 208 esami pubblici trasformandoli in esami a pagamento.
Ovvero fare l’America senza essere l’America e sulla pelle dei poveri.

Perché, laida testa di cazzo, non siamo quella “bella” confederazione di Stati dove si va avanti ad assicurazioni sanitarie private.
La sanità in Italia è pubblica e deve rimanere pubblica, perché tutti hanno il diritto a curarsi (tutti, italiani e non), mica solo te e la tua cricca di scrocconi di merda che campate sulle spalle degli italiani.
Italioti che secondo me sono proprio cretini perché continuano a mantenervi anche se non vi hanno votato anziché andare a Roma e prendervi a calci in culo.

So che adesso vi domanderete “scusa ma a te cosa ti interessa visto che abiti in Francia”?
Beh, io sono mezzo italiano e questa mia metà si incazza leggendo queste cose.
Non possono essere sempre i soliti a indignarsi mentre il 90% del popolo italiota si accontenta del calcio e della messa della domenica!
L’Italia sta andando avanti a volontariato, a collette alimentari e persino a raccolte punti dei supermercati per aiutare le scuole a comprare il necessario per gli studenti.
Ma dov’è finito il vero orgoglio italiano, quello alla Peppone e Don Camillo?

E così tornando alla Lorenzin, guardare la lista per credere, esami importanti come TAC, RMN, esami del sangue, cure odontoiatriche (e tantissimi altri) diventeranno appannaggio dei ricchi.
I poveri possono anche morire, se non avranno soldi per curarsi.

“Dieci milioni di italiani non possono curarsi come dovrebbero perché non possono permetterselo”. Parte da questo dato l’analisi che Gino Strada ha affidato ad un post pubblicato sul suo profilo Facebook nei giorni in cui impazza il dibattito sull’opportunità dei maxi tagli alla sanità annunciati per dare respiro ai conti dello Stato: “Quanto deve costare la sanità?” si chiede il fondatore di Emergency: “A mio avviso, l’unica risposta intelligente (e carica di giustizia) è: quanto serve, quanto serve per curare al meglio le persone che ne hanno bisogno. Tutte. Idealmente, non un euro in più, né un euro in meno”.

Ma Lorenzin la pensa diversamente da Gino Strada, perché lei è un’illuminata da God (e che ci aspettiamo da una che voleva riproporre le cure riparative per gli omosessuali?).
Quindi meglio un caccia F35 che costa centinaia di migliaia, meglio mantenere “parassiti” come lei e tutti gli altri “minestroni oni oni” piuttosto che garantire (faccio un esempio) a un bambino un esame che magari gli può salvare la vita.
Ma vogliamo scherzare?
Salvare un bambino con un esame, così poi magari cresce e quando è anziano bisogna dargli la pensione?
O aiutare un anziano? Meglio che muore, così si riprendono la pensione che gli davano.
E i disabili? Via anche loro così le misere e pochissime pensioni di invalidità erogate rientreranno nelle pingue tasche dei politicanti.

Brava Bea, o per meglio dire Babbea.
Facciamo così, io ti auguro un bell’accidente di quelli fatti come si deve e ti auguro di non avere un soldo per sottoporti agli esami e curarti.

Lo so che il male non si deve mai augurare a nessuno, ma ci sono sempre le eccezioni.


11 commenti:

Mariella ha detto...

Un'altra stronza che spara a caso. Sulla pelle della povera gente. Sarà che io sono estremamente sensibile da tempo, sul fronte della sanità pubblica per cause familiari, la prenderei e l'appiccicherei al muro con uno sputazzo a mo' di francobollo. E che non vorrei citare a sproposito un'era terribile della nostra storia, ma cosa ancora ci manca da sopportare per andare a prenderli tutti e fare un bel falò? Appena puoi ragazzo mio, passa da me. Buon sabato!

Melinda Santilli ha detto...

È ufficiale, i politiconi hanno finalmente trovato il modo per sbarazzarsi dei "cittadini superflui".
Rendendo tutti gli esami clinici più importanti a pagamento, in quanto "giustamente" superflui, la popolazione nel prossimo decennio subirà un drastico abbassamento.
Potrebbe essere la soluzione per aumentare il PIL e dare così nuovi posti di lavoro (a chi non si sa).
Sono d'accordo, a patto però che tutti quanti (stranieri che non pagano, politicanti e ricconi che vanno all'estero per farsi curare o hanno anche loro tutti gratis) paghino in base al reddito.
Più ricco sei, più paghi.
Mi sento di concludere citando un noto proverbio italiano: ogni mattina all'alba un medico si alza e dice che solo la prevenzione può contribuire a salvare la vita dei suoi pazienti. Ogni mattina una Lorenzin si alza e dice che la prevenzione è come il cervello per gli stupidi, inutile. Non importa che tu sia medico o Lorenzin, l'importante è che apri gli occhi e fai qualcosa per cambiare in meglio questo cazzo di paese!

Pino ha detto...

Madonna mia Xavier! Non dico nulla su quella tizia lì...stavolta sì che non lo pubblicheresti il mio commento per tutte le ingiurie, parolacce e offese che scriverei! mmmmmmhhhhhhhhh.... mi mordo la lingua quindi e sto zitto!
Ma tu guarda sta deficiente, ignorante, che non capisce un cazzo di sanità e che non capisce un cazzo di "umanità" soprattutto! che non capisce un cazzo di diritti umani come appunto al diritto di essere curati. Con tutti i soldi pubblici che si sprecano e che sprecano loro politici! Quelli lasciamo perdere..."Eh sì la legge dice che mi spettano!...la legge dice che ne ho diritto! Mica l'ho fatta io la legge che mi autorizzava a beneficiarne! E cazzo cambiamole ste leggi no? No quelle sulle cure ai cittadini, quelle sulle sovvenzioni alla ricerca, all'istruzione e...e... e...quelle sì dai! cambiatele che così "risparmiate" qualcosina; non importa se rimaniamo un paese retrogrado e la gente continua a morire...vedi? lo sapevo! alla fine qualche "cosina" gliela dovevo dire! Vabbè dai mi fermo qui. Primo perché ce ne sarebbe da scrivere! e poi...così almeno (forse) non mi censuri...ahah

Ciao ragazzo.
Un abbraccio.

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Ogni volta che appare la sua faccia come una coppia di chiappe sfaldate sul video io mi metto due cuscini dietro la schiena: adesso mi faccio due risate, mi dico. Sì, perché io da piccolissimo ridevo come un pazzo alle parole "puzza, cucuzza, cavolozzo, zozzo, pozzo" altro in "zzo" non mi dicevano, ma quella zeta raddoppiata mi mandava in delirio. E dove sta la zeta raddoppiata in de sta donna, vi chiederete voi Ma come non la sentite? Statte zzzitta brutta stronzza.
Io che vivo in Germania ( a proposito, sentita l'ultimissima stronzata del grande Matteo? In pochi anni l'Italia diventerà leader in Europa, più forte della Germania. Uau!), allora dicevo che io che vivo in Germany dove la sanità è gratuita e velocissima mi faccio tante tristissime risate quando ascolto la stronza numero uno del regime affermare che la sanità italiana è tra le migliori del mondo. Tanto per dirne una: io ho dovuto curarmi tutti i denti una volta rrivato quassù, mentre i miei figli hnno avuto gratis tutti e quattro le macchinette in bocca ed hanno denti perfetti. Io non ho pagato mai niente. Siamo tornati 15 giorni fa dalle ferie e in 15 giorni mia moglie ed io abbiamo fatto tutte le analisi di cui avevamo bisogno senza dover pagare un centesimo, per le stesse analisi in Italia avremmo dovuto attendere sei mesi nel nord Italia e un anno nel resto della penisola.

PS: Xavier, sei tu che scrivi?

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Aggiungi sotto, se vuoi: "ein Kommentar tut immer gut". Ciao

Elsa March ha detto...

Ma vedi, ragazzo, siamo noi che siamo poco fantasiosi.
Codesti cervelloni sono avanti, han capito che la salute è diventata obsoleta perchè la prossima generazione di abitanti della Terra saran solo toponi e scarafoni se andremo avanti così.
A che serve dunque la sanità?
In ogni caso non sono schifata, di più.
Anche a Londra hanno fatto tante riforme merdaiole e le tasse son cresciute, ma mai e poi mai tagli alla sanità.
Come si fa a mandare avanti l'Italia senza sanità, senza pensioni e con una scuola davvero bruttina?
Un abbraccio da parte mia e di Anna, ha detto che trova il tuo blog "puccioso" (la mi moglie parla come una ragazzina, a volte mi spaventa)

Xavier Queer ha detto...

Quell'era terribile viene in mente anche a me, il nonno me la ricorda troppo spesso.
Mi chiedo perchè la maggioranza dei cittadini italiani non dicono niente, ma hanno tutti le fette di salame sugli occhi?
Ciao donnina dai tacchi a spillo!

Xavier Queer ha detto...

Ecco perchè ti ho chiesto di fare l'opinionista, senza pietà!

Xavier Queer ha detto...

Censurarti?
Mai e poi mai, qui il libero pensiero è di casa e tu lo sai.
E personalmente sai benissimo cosa penso di queste leggi che vogliono privare i cittadini di diritti fondamentali, come quello alla salute.
L'Italia è in piena dittatura ma gran parte del popolo non reagisce, è una vergogna!
Un abbraccio!

Xavier Queer ha detto...

Puccioso mi mancava, lo metterò nella lista di aggettivi carini sul blog!
Tranquilla, anche il mio Etienne a volte sembra un bambino, penso sia insito nel partner quando si è la parte più matura della coppia :-)
E comunque manca poco, fra poco resteranno solo gli scarafaggi, sul serio.
Bacioni fanciulle!

Xavier Queer ha detto...

Ciao Vincenzo!
Allora sì, se i post non riportano la dicitura in alto "l'Opinionista, tubrica a cura di Melinda Santilli" sono tutti miei, altrimenti sono di Melinda.
Questo post è tutto mio, incazzatura compresa.
Posso dire che invidio la tua Germania?
Un abbraccio e danke per la frase da aggiungere sopra il modulo dei commenti!