Followers

05/07/15

Castori e Poiane nuocciono gravemente alla salute

Attenzione: questo post nuoce gravemente a cervelli poco funzionanti.
Astenersi poiane e castori.

Luglio, col bene che ti voglio le teste fai ammattir… ahi ahi ahi ahi…

Caro Luglio, se fossi un po’ meno caldo forse le cose andrebbero meglio.
Sai perché te lo dico?
Perché sul ramo dell’albero davanti camera mia in questi giorni si è posata una poiana molto fastidiosa che farnetica dicendo che è giusto che gay e lesbiche non abbiano nessun diritto perché il suo buon God non lo permette.
Non paga delle sue cinguettate continua dicendo che solo due etero dotati dei giusti gameti (che Mendel la fulmini qui) possono diventare genitori e che chi adotta (o in extremis ricorre all'inseminazione artificiale) non sarà mai un vero genitore, anzi gli dovrebbero pure togliere i figli sempre per volontà di God.


Insieme a lei c’è anche un castoro che non solo le dà ragione ma dice anche che mamma e papà sono e saranno sempre il modello giusto e perfetto di famiglia, facciano quello che facciano.

In che senso, caro Luglio?
Nel senso che, come è accaduto in Russia, due bravissimi genitori etero “gametati” correttamente possono scappare abbandonando in ospedale il loro bambino appena nato “reo” di essere imperfetto in quanto ustionato da un’incubatrice mal funzionante.

Nel senso che l’anno scorso, sempre sotto il tuo solleone, un bravo padre etero ha lasciato bollire il figlio in auto finché non è morto.
Ma si sa, era stressato. Per questo era tornato indietro a prendere il cellulare ma il figlio non lo ha visto.

Nel senso che due ottimi genitori etero e credenti dello Utah possono massacrare i loro figli temendo l’Apocalisse.
È God che lo vuole.

Nel senso che esiste in rete una petizione dove si chiede a gran voce di riconoscere nel giorno del 25 febbraio la “Giornata contro il figlicidio”, per cercare di fermare questa piaga perpetrata dai bravissimi genitori etero “gametati” correttamente e timorati di God.
Sai chi ha indetto questa petizione?
Una mamma il cui bambino è stato massacrato dal bravo papino gametato durante un incontro “in ambiente protetto e sorvegliato dalle autorità”.
Ammazza.

Leggete qui e se ritenete giusto firmate.

Ma sia mai, meglio un figlio violentato, abusato, ferito, umiliato, picchiato e magari ucciso purchè l’abbiano fatto mammina e papino coi gameti giusti e timorati di God.

Mammina e papino, non genitore 1 e genitore 2 che poi magari il povero docente (magari lo stronzo che si volta davanti a un atto di bullismo o di omofobia, come fanno il 99,9% dei docenti italiani) si confonde.
Giusto, con certe ottime famiglie etero composte da 1 madre, 1 padre, 350 amanti, 200 figli diversi invece non si fa casino.

Però, Luglio caro, il casino c’è anche per un altro motivo.
Hai presente la diversamente intelligente Giorgia Meloni? No?
Ma sì dai, quella che sta al Governo senza un vero motivo (o meglio, il motivo c’è ma è sotto scrivania, se capisci cosa intendo).
Ecco, siccome non sa apprezzare il valore del silenzio e deve dare aria a quella fogna di bocca se ne esce con questa frase: no al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Sarebbe una spesa enorme per lo Stato e una inaccettabile apertura alle adozioni gay. 

Ma Luglio mio, tu non sai quanto ha ragione questa inversamente senziente.
Non sono i bunga bunga, le igieniste e i diversamenti intelligenti che stanno in Parlamento, le case regalate, le auto blu, le tangenti, la corruzione, il Vaticano (e tanto altro) che fanno colare a picco il PIL dell’Italia.
No, certo che no.
Sono le nozze e le adozioni omosessuali, che ancora non sono state concesse.

Ma che ti aspetti, Luglio, questo è un paese dove si usano la Costituzione e la CEDU come carta igienica!
Riconoscere a tutti gli stessi diritti?
Ma no, poi come fanno i timorati di God “gameticamente corretti” a continuare la loro supremazia?

Ma ti immagini? Due gay o due lesbiche che si sposano, hanno dei figli, vivono felicemente, lavorano, pagano le tasse, si tutelano come famiglia.
Un po' come hanno fatto due padri americani che hanno adottato due bambini che nessun bravo etero voleva perchè il fratello maggiore ha problemi di salute un po' gravi.
Sai cosa fanno di male?
Crescono questi figli con amore e insegnano loro valori come rispetto, umiltà, fiducia, amicizia...
Cazzo, che brutta cosa l'amore.
Forza Poiana, magari col tuo cervello limitato riesci a imparare qualcosa.


Comunque secondo Poiana e Castoro non è bene essere genitori omosessuali, meglio essere etero e:
-tradire il/la coniuge con 12 amanti diversi (uno per segno dello zodiaco);
-picchiare la moglie e magari ammazzarla;
-picchiare, ferire e umiliare i figli e se sono pure omosessuali buttarli fuori di casa;
-andare in chiesa la domenica e fare servizio sociale a pagamento il resto della settimana;
-vantarsi di credere in God ma insegnare che tutte le persone diverse (gay, extracomunitari, invalidi...) vanno offesi e magari pure bastonati un po’ in nome del sacro credo cattobigotto.


E intanto, guarda questi bambini statunitensi.
Sono sconvoltissimi nel sapere che finalmente potranno avere due mamme o due papà regolarmente sposati e che nessuno potrà strapparli da loro in nome di God.
Eh già, sono proprio scioccati.

Ma ora ti giro un quesito che mi preme di più.
Tu Luglio sei maschio, giusto?
Adesso mi spieghi perché nei calendari ti raffigurano quasi sempre con signorine in bikini?
Non va bene perché le signorine sono femmine e tu sei maschio, poi ti confondi le idee e cresci male.

Di che parlo?
Ma di quel castoro e quella poiana che vagheggiano sul gender.
Dicono che se nasci maschio ma ti piacciono “le cose da femmina” (tipo cucinare, mettere in ordine camera tua, lavarti, essere educato, ballare e cucirti un paio di calzini) cresci male e magari diventi pure gay! (eh già, perché secondo loro gay si diventa, non si nasce).
E la stessa cosa per le femmine: non devono giocare a calcio, imparare a montare un comodino, indossare jeans e scarpe da ginnastica, sostituire una ruota... no, che poi crescono confuse e magari diventano pure lesbiche!

E infine, un’ultima notizia.
Una ragazza belga, gravemente malata, ha chiesto e ottenuto dallo Stato il permesso di eseguire l’eutanasia.
Laura non ha il cancro né nessun’altra malattia del corpo, ne ha una che colpisce il corpo e l’anima e si chiama depressione.
Si ferisce ogni giorno, non vive più e nessuna medicina funziona.
Laura chiede di morire e lo ottiene.
E le poiane? E i castori?
Leggi qui:
Mentre in tanti sperano che Laura possa improvvisamente sentirsi meglio, tornare a credere nei suoi amici, nelle foto, nel teatro, nel caffè. Dare un’ultima chance alla vita. Prima che sia troppo tardi. 

Che strano, improvvisamente la vita di Laura diventa la vita di tutte le poiane e i castori.
Non c’è nemmeno il diritto di vivere e morire senza che qualche sostenitore di God debba dire la sua.

Ma non sono loro, poiane e castori, che dicono sempre che God vede e provvede?
Ecco, che provveda a regalargli una raucedine perenne e una paresi alle mani, così non c’è il rischio che dicano o scrivano cazzate nemmeno col tuo solleone.

Chissà, forse fanno così perché vogliono il premio Nobel per l’umanità.

Ti saluto, Luglio, con questa bella canzone.
Non metto nemmeno il testo, lo conosco a memoria! Alla prossima e per favore, dà un calcio nel sedere a Flegetonte.
Per inciso, quando finiranno i nomi della Divina Commedia useranno quelli dei Promessi Sposi?
Ai posteri l’ardua sentenza!


Ringrazio MesserMalanova sempre per il suo valido aiuto!

18 commenti:

Stella Paola ha detto...

La cosa che mi fa più incacchiare è che tutte queste sciocchezze vengono portate avanti in nome di un "God" che con la stupidità umana non ha nulla a che vedere. Io in Dio credo, eppure non sono una bigotta ignorante; dovrebbero smetterla di usarLo come alibi. La verità è che AMMESSO che un ragazzo possa non crescere benissimo con una famiglia i cui genitori sono dello stesso sesso, la causa sarebbe SICURAMENTE SOLO la società ignorante che lo circonda, non certamente l'amore di due uomini o due donne!

Ad ogni modo, buon inizio Luglio Xav, nonostante il caldo pazzesco e fastidioso :-*

Melinda Santilli ha detto...

Proprio di oggi la notizia che altre poiane e altri castori si sono incazzati perchè una giocatrice inglese vincitrice del mondiale femminile è stata baciata dalla moglie.
Oh mamma saura, che scandalo!

E che parole, che concetti scientifici che sono volati dalla bocca di Poiana (sì, ho letto tutto anche sull'altro blog, quello di Castoro): "non me ne frega niente della giuridicità, io intendo solo quello che voglio intendere".
Intendi che te ne vai a fanculo, Poiana mia?
Intendi che oltre a essere una velata di merda sei anche una figa acida e magari necessiti una ripassata? (Xav scusa, fammela passare).

Io certe cose non le tollero, specie quando si tratta di diritti delle persone e soprattutto di bambini.
Questo paese deve cambiare, io mi vergogno di essere italiana e mi incazzo per tutte queste persone come Poiana e Castoro che pensano di essere superiori e usano Dio per sputare tutto il loro odio contro gli altri.
Siamo omosessuali ma in primis siamo persone, perchè non dobbiamo avere diritti?
Perchè non possiamo diventare genitori?
Ma cazzo, meglio un bambino sfruttato e maltrattato da due genitori etero stronzi o in orfanotrofio piuttosto che amato da due gay o due lesbiche?

Per chiudere, sull'eutanasia sono d'accordo col Belgio.
Morire dignitosamente deve essere un diritto di tutti: se questa Laura non vuole più vivere perchè negarle una morte dolce e pulita.
Ah già, ma gli stronzi cattolici preferiscono il suicidio così poi possono sparlare di queste persone anche dopo la loro morte.

Bacioni

sinforosa c ha detto...

Caro Xavier solo perché difendo il diritto di un bambino/a pretendere un papà e una mamma non vuol dire che giustifico le nefandezze che tu racconti in questi esempi: il male è male, da qualunque parte arrivi, e soprattutto il male fa male, da qualunque parte arrivi.
Rispetto il tuo pensiero e penso di avertelo dimostrato pazientemente nelle risposte ai tuoi commenti al mio post - cosa del resto che non hai fatto e non fai tu, pazienza -, ma non puoi pretendere che tutti la pensino come te. Soprattutto non mi sembra corretto che proprio tu, che ti dichiari vittima della prepotenza altrui, ti dimostri prepotente con chi non la pensa come te usando un linguaggio ironico-volgare-supponente.
Ciao
sinforosa

Fioredicollina ha detto...

I bravi e i cattivi ci sono e ci saranno sempre per cui non sta a noi giudicare le scelte altrui , io dico solo che il rispetto e l amore valga su tutto e su tutti e con questo ti saluto carissimo saggio amico

Xavier Queer ha detto...

Grazie Stella, sono contento di sentire anche l'opinione di persone credenti sul serio perchè per fortuna non sono tutte cattobigotte e false.
Lo dico anche io: non è il sesso dei genitori a fare la differenza, ma la capacità di amare e questa cosa Poiana e Castoro non la vogliono proprio capire.

Buon Luglio e speriamo vada via il caldo in fretta!

Xavier Queer ha detto...

Mel passa tutto il tuo pensiero perchè è esattamente come quello che ho scritto io.
C'è chi viene a dire "chi adotta non è genitore" oppure "due gay e due lesbiche non possono avere figli nemmeno naturalmente " (le ho spiegato che anche se siamo omosessuali, possiamo fare sesso etero in quanto il sesso è meccanico. Si attendono risposte che vadano oltre i gameti) o anche "gay e lesbiche non devono avere diritti" e poi si lamenta se qualcun altro si incazza e risponde "scusa, ma tu chi sei per permetterti di dire che io non posso avere i tuoi stessi diritti?".

Xavier Queer ha detto...

Rispetto e amore, dici bene.
Ma qualcuno (non tu, tranquilla) mi ha detto che l'amore non serve per crescere un figlio.
Chissà che ci vuole!
Un saluto.

Xavier Queer ha detto...

Partiamo da un concetto, che la tua libertà finisce dove inizia la mia.
Se tu ritieni giusto negare i miei diritti perchè sono omosessuale, se continui a scrivere insieme a Poiana che gli omosessuali non devono sposarsi, avere figli, adottarli ed essere riconosciuti con gli stessi diritti tuoi e di Poiana solo perchè sono omosessuali allora guarda, siete tu e Poiana a stare nel torto marcio.
Non è un pensiero, è discriminazione e la discriminazione è odio, è violenza e ipocrisia e queste cose io non le rispetto.

Quindi tu che dici tanto di essere credente forse hai dimenticato Dio in favore del tuo personale pensiero.
Il tuo Dio insegnava amore, rispetto, uguaglianza: tu invece cosa insegni ai tuoi bambini?
Parole tue, tu hai scritto che anche se maltrattato è meglio che un bambino resti con mamma e papà perchè solo due genitori di sesso diverso sono i migliori genitori.
Certo, infatti con genitori di quel tipo si vedono i risultati.

Sai cos'è la cosa divertente? E' che quando i prepotenti vengono presi a pesci in faccia e qualcuno gli dice "che cosa stai dicendo?" allora questi prepotenti si incazzano e cominciano a fare le vittime.
Hai trovato il mio linguaggio ironico-volgare-supponente?
Allora ho raggiunto l'obiettivo, volevo far capire a te e Poaiana come si sente una persona omosessuale come me che viene discriminata da voi ogni giorno.
Non ti è piaciuto?
Forse devi rivedere i tuoi concetti e magari mettere in pratica quello che il tuo Gesù andava predicando e se fossi in lui verrei giù e vi fulminerei tutti quanti.
Detto fra noi: dovessi avere un figlio, nelle mani di una come te non lo metterei mai.
Mio figlio dovrà imparare ad amare a 360 gradi, non a odiare.

sinforosa c ha detto...

Caro Xavier mi attribuisci parole che non ho né pensato né scritto, mi domando se sai davvero ascoltare ciò che ti si dice, è evidente che no.
Ripeto: pazienza.
Ciao
sinforosa

Xavier Queer ha detto...

Tu certe cose le hai scritte insieme a Poiana nero su bianco, a meno che come fanno tanti non modifichi poi quello che hai scritto: ma lì è un problema tuo e della tua coscienza, non mio.
Sono sordomuto, mi viene difficile ascoltare però verba volant e scripta manent.
E ora basta, su questo blog non sei più accettata nè gradita.

RainMan ha detto...

Ciao Bischerino, ho letto molto bene tutti i post riguardanti questa storia e maremma maiala se ho letto tante di quelle grullate!
Dio tollera Etienne nonostante la sua diversità? Ma essere omosessuale l’è mica una malattia.
Dio semmai tollera chi fa lo sciopero continuato del cervello come Poiana e sta Castora!
Discriminare non l’è mica esprimere un pensiero, è impedire senza un vero motivo (al di là del puro odio) a qualcuno di avere rispetto, diritti e libertà.
Insomma, significa essere dei gran merdaioli.
E a Poiana vorrei far presente che prima di sposare il mi compagno, sono stato anche con una figliola e si trombava di brutto.
Codesti etero come Poiana e Castora a me mi fanno veramente incazzare.
Sapessero loro quanto l’è brutto vivere senza un cazzo di diritto in un paese dove puoi essere insultato, picchiato e ucciso e solo grazie a gente stronza e merdaiola come questa che scrive certe stronzate.
Sulla storia del livello giuridico vorrei dire a Poiana che se te ti sposi in Comune il tuo matrimonio l’è riconosciuto, se te ti sposi solo in Chiesa ‘tte tu puoi andare a sciacquarti le palle in Arno che il ‘tu matrimonio senza riconoscimento civile non vale una fava: l’è chiaro sposa?
Ciao Bischerino, alla prossima!

Ps: ripassando proprio da Castora, ho visto che la signora ha cambiato post e commenti a suo piacimento, sicchè ora sembra una santerellina.
Bravina, a Firenze una così si chiama merdaiola.
E si chiama anche stronza dal momento che a te dice di non avere mai scritto che i bambini devono solo avere genitori etero ma poi nei suoi bei commentini merdaioli riaggiustati sta sposa scrive: “no ai bambini a coppie gay, non perché queste coppie non saprebbero amarli, ma perché i bambini avranno anche loro il "loro" diritto ad avere un papà e una mamma.”

E a Poiana che dopo aver insultato e discriminato come se non esistesse un domani di fronte alla tua reazione scrive “con i muri, gli animalisti estremisti e gli affetti da vittimismo, è inutile perdere tempo a discutere” io dico: manco le palle per sostenere quello che scrivi ‘tte tu hai.
Prima sputi merda come un drago sputa fuoco, poi ti ritiri e gridi al lupo al lupo.

A tutte e due ste merdaiole da bravo toscanaccio io dico che se le trovo gliele lèo io a ste belline le zecche di dosso!

Dream Teller ha detto...

La situazione è sconfortante, spero tanto che tutto ciò cambi perché non è giusto che coppie Gay desiderose davvero di amare delle creature e prendersene cura non possano solo perché sono Gay e invece come come gli esempi che hai postato altre coppie etero fanno di tutto e di più. Chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane purtroppo.
Siamo troppo indietro.
A presto .. Dream Teller

Xavier Queer ha detto...

Hai ragione, l'Italia è troppo indietro.
D'altronde se c'è chi sostiene che l'amore non serve a crescere un figlio perchè non basta, dimmi tu dove andremo a finire.
Forse chi ha scritto questo (Castoro) lo ha scritto perchè non è stata amata abbastanza o forse perchè l'amore non avendo barriere diventa un po' difficile da far sposare con l'ideologia della supremazia eterosessuale.
Un abbraccio.

Xavier Queer ha detto...

Fiorentino irriverente, e dai che già mi hanno accusato di essere maleducato, adesso che diranno? :-)
Immaginavo che post e commenti fossero stati modificati, non è certo la prima volta che lo vedo fare: certi blogger (grazie al cielo sono pochissimi) modificano le cose scritte pur di darsi ragione.
La frase che hai riportato di Sinforosa è l'ennesima riprova del suo pensiero discriminante: i bambini hanno diritto a essere amati e cresciuti nell'amore, non importa il sesso delle persone che li crescono.
Non è stato provato in nessun modo che i figli cresciuti da genitori etero siano migliori dei figli cresciuti da genitori omosessuali (anzi, secondo uno studio inglese l'ago della bilancia tendeva favorevolmente verso i genitori omosessuali proprio perchè non insegnano a discriminare).

Poi di Poiana che dire: guerrafondaia, odia gli animali, odia gli omosessuali... a fare due più due sarà anche razzista e poi ce l'ha persino coi muri.
Io dico che è inutile perdere tempo a discutere con le persone stupide come lei, malate di ottustità e di odio.

Salutami Lago, un abbraccio a tutti e due!

maris ha detto...

Xavier tu sai che sono credente e credere in Dio significa per me innanzitutto: amare, rispettare tutti, promuovere i diritti fondamentali, portare concordia, aprire il cuore al dialogo e non fare alcuna discriminazione.
I maltrattamenti e le violenze sui bambini sono la cosa che più mi fa orrore in questo mondo: è letteralmente assurdo che qualcuno possa sostenere che è meglio un bambino maltrattato ma con genitori etero che un bambino amato ma con genitori omosessuali!
Ovviamente nulla toglie che possano esserci omosessuali con comportamenti criminali, esattamente come esistono eterosessuali con comportamenti criminali. Perchè è questo il fatto che i bigotti (da cui come credente prendo ampiamente le distanze) dovrebbero comprendere e ammettere: bene e male non sono separati per definizione tra etero e gay, sono ovunque. E quindi le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale sono da aborrire, così come ogni altro tipo di discriminazioni! Punto. Non ci sono nè se nè ma.

Un abbraccio, ciao Xavier!

Xavier Queer ha detto...

È proprio quello che non vogliono capire tutti quei credenti che pensano di essere portavoci di Dio e portatori di verità assolute.
Nel loro farneticare "no adozioni, no diritti, no no no" non portano argomentazioni valide se non quelle infarcite di ipocrisia perchè credono di essere i "giusti".

Un abbraccio a te e un bacio ai monelli, buona estate :-)

Mariella ha detto...

Un po' in ritardo ho letto tutto.
Mi spiace si possa pensare delle persone credenti che siano tutte ottuse e ipocrite.
Soprattutto che non sappiano cosa vuol dire amare. Quando questo è stato l'insegnamento primario. Fondamentale. Ma è ciò che è passato attraverso le parole lasciate qui e altrove.
Francesco d'Assisi il visionario, amava indistintamente ogni essere umano. Perfino messer lo foco, la luna e il sole, le stelle.
Chi ama così intensamente e profondamente ogni creatura, vuole per il proprio prossimo solo il bene.
E il bene universale è quello che ognuno di noi desidera.
In tutte le declinazioni e colorazioni.
Il resto è fuffa. Egoismo, Violenza.
Ti voglio bene.


Xavier Queer ha detto...

San Francesco, Gandhi, Madre Teresa di Calcutta, Santa Chiara, Martin Luther King (e potrei fare altri milioni di esempi) amavano il prossimo senza distinzione di colore, ceto, credo, sesso... Amavano il prossimo perchè credevano fermamente nella potenza dell'amore.
Quando io scrivo di queste cose mi riferisco sempre a quei cattobigotti del cazzo che sono convinti di essere i portavoce di God, che credono di essere portatori di verità assolute, che sono così meschini, ipocriti e falsi da credere che l'unico modo giusto di vivere e amare sia il loro. A queste stronzi del bene universale non frega proprio niente.

TVB donnina dai tacchi a spillo :-)