Followers

08/05/15

Versa il tuo 5x1000 a Orietta Berti...

Adesso anche Orietta Berti.
Non so se ve ne siete accorti ma in quest’ultimo periodo il web si è riempito di “povera” gente che piange per le pensioni basse.
Si tratta di persone normali, di poveracci che arrancano e spesso non arrivano a fine mese?
No, si tratta di attori, sportivi, showman, cantanti e artisti come appunto Orietta Berti.


"Ho versato contributi per cinquant'anni ma ho una pensione di 900 euro. È mai possibile aver dato tanto e ritrovarsi con così poco in mano?". A sfogarsi è Orietta Berti, la cantante con mezzo secolo di carriera alle spalle che ha raccontato la sua condizione di pensionata al "Settimanale Nuovo".
Orietta, che conserva la sua passione per il canto ed è in uscita con uno speciale in quattro cd, ha spiegato come sia possibile ritrovarsi in una condizione del genere: "Molti contributi non mi sono stati versati. Sono andati perduti quelli dal 1965, quando ho cominciato a cantare professionalmente, fino a quelli dei primi Anni Ottanta. Quando facevi le serate quasi nessuno ti versava i contributi: era prassi. La tv, per fortuna, si comportava diversamente quindi quelli non li ho persi". 
Nonostante la pensione più bassa del previsto, comunque, la Berti non ha di che lamentarsi: "Per fortuna ho lavorato molto e ho messo da parte tanto.”
(Leggo.it)

Parliamo chiaro, dal momento che gli artisti italiani (ma anche quelli degli altri stati, se escludiamo quei pochi paesi come Cina e Giappone che stipendiano i divi come tutti i comuni mortali) non prendono 600 euro al mese ma molto di più la domanda è una: a che cazzo serve la pensione a questa gente?

Non stiamo parlando di artisti della domenica come possiamo esserlo noi, persone che si dedicano all’arte per hobby e che lavorano sodo per portare una miseria di stipendio a casa.
Parliamo di persone che prendono compensi a sei zeri per una serata.
Esempi?
Limitandoci agli artisti, perché le cifre percepite dagli sportivi le conosciamo tutti, ecco alcuni nomi illustri.
Vasco Rossi ha preso 100mila euro solo il primo maggio, chissà tutte le altre sere.
Ezio Greggio prende 24mila euro per ogni puntata di Striscia la notizia (per un totale di 160mila puntate annue)
Paolo Bonolis prende oltre 1 milione di euro, più o meno il prezzo della farfalla di Belen.

Secondo voi queste persone, Orietta Berti compresa, hanno il diritto di percepire una pensione?
Hanno il diritto di lamentarsi perché la pensione è bassa e non corrisponde alle loro aspettative?

Mi suona falso come Shish che va in giro a dire “mi dispiace che gli italiani debbano sacrificarsi anche per tappare il buco del’Inps” o come le lacrime della Fornero quando inculava tutti quanti con la sua riforma del lavoro.

Farei vivere queste persone (politici, sportivi, artisti) con solo 600 euro al mese dando loro tutte le tasse, le bollette e le spese che gli italiani devono pagare.
Secondo voi dopo un anno di questo “stile di vita alternativo” troverebbero ancora il coraggio di lamentarsi come Orietta Berti?



17 commenti:

  1. Sono sempre più convinta che gli italiani debbano ribellarsi e non solo a parole di queste ingiustizie e disparità
    Abbraccio caro e ancora bentornato ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali italiani, quelli che per primi evadono le tasse, che si turano il naso per non sentire la puzza di merda e che preferiscono il campionato di calcio a una seria manifestazione in piazza?
      Il problema è sapere quali sono gli italiani che si vogliono impegnare.
      Ricambio l'abbraccio e grazie per il bentornato!

      Elimina
  2. È una di quelli che "a Roma con dodicimila euro al mese non si vive". Io a tutti costoro manderei l'invito a provarci con lo stipendio di un operaio medio in posti come la Valle d'Aosta, notoriamente la regione più cara d'Italia; le volte che ci sono stato ho sempre trovato prezzi dei beni di prima necessità allineati con quelli della Svizzera, più o meno - ecco, 'sti riccastri che si lamentano facciano questa prova: vivere un mese con mille euro in Valle d'Aosta, pagandosi affitto e bollette oltre a mangiare. E ovviamente senza farsi invitare a serate o concerti a centomila al colpo. Vediamo, poi, se hanno ancora il coraggio di lamentarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che Val D'Aosta è cara, ci vive la mia famiglia!
      Ma guarda, io li farei vivere anche con 600 euro al mese o con lo stipendio di un precario o meglio ancora da disoccupati senza sussidi e senza aiuti.
      Secondo te se la caveranno?

      Elimina
  3. Devono avere almeno la decenza di non lamentarsi...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz ti cito Cicerone che disse tutto con questa frase "oh tempora, oh mores".
      Questi cretini credono che "esternando" il loro disagio gli italiani li appoggeranno.
      In questo momento il mio appoggio sta nell'alzare il dito medio, forse Orietta Berti riuscirà a cogliere il significato.
      Miao!

      Elimina
  4. E' indecente, come ha giustamente scritto Miki prima di me.
    Indecente anzi è dir poco! Ci vuole un coraggio a dire queste cose, a lamentarsi pure!!
    Uno schiaffo alla miseria, quella vera, che è molto più diffusa di quello che si pensi purtroppo.


    Un abbraccio Xavier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene. uno schiaffo alla miseria vera che chi governa l'Italia finge di non vedere.
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. .. si lamentano pure i condannati senza più il loro vitalizio.. mortacci loro!! .. e tu vuoi fa fuori la pensioncina a Orietta?!? Ma una "pensioncina" a Chianciano terme sepolta da terapeutici fanghi, no eh?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche in Sicilia sepolta da terapeutica malta farebbe bene alla signora Berti, nelle fondamenta di una bella SPA.
      Li mortacci!

      Elimina
  6. Pensa che io non sopporto le persone che si lamentano in generale. Da quelli che cercano il pietismo altrui raccontando delle loro disgrazie a destra e a manca (non parliamo poi di quelli che ne hanno fatto la loro fortuna sul web) a quelli che si lamentano per il troppo sole preso (ma cazzo lo sapevi che se ti esponevi al sole senza protezione ti saresti beccato un'insolazione coglione, di che cazzo ti lamenti?) per finire a chi dovrebbe solo ringraziare per la fortuna avuta nella vita e guardare un po' in casa d'altri prima di parlare a vanvera.
    Per cui che "si fotta" Orietta Berti e quelli come lei.
    Scusa se ho esagerato con le parole ma 'ste cose mi fanno imbufalire...
    Ciao ragazzo bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che qui puoi esprimerti senza censure :)
      Io cito solo una canzone di Masini per Orietta Berti: vaffanculo.
      Dice tutto.
      Ciao donnina dai tacchi a spillo.

      Elimina
  7. Ma poverini, mi fanno quasi tenerezza.
    Gente che gli regalano le case e non lo sanno, gente che guadagna senza dichiarare cifre da paura ma ha solo 900 euro di pensione, gente che sente la necessità di alzarsi ogni anno lo stipendio del 10% sennò non sa come pagare le ragazze per i party...
    Mi chiedo come io, disoccupata e invalida, possa contribuire ad aiutare queste povere anime belle.
    Un modo c'è... Wendy, tesoro, sono a casa!
    Baci

    RispondiElimina
  8. guarda nn ho parole....ste cose mi fanno proprio girare!!! Vergogna!!! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste persone non conoscono la vergogna.
      Miss tortellino emiliano la decenza di stare zitta non ce l'ha.
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Ciao Xavier, ti rinnovo il bentornato, sentivo la tua mancanza, grande ragazzo!
    Che dire?!
    Io ne ho sentita un'altra, che la "povera" Barbarella D'Urso, in un'intervista, disse che a confronto di tanti suoi colleghi, prende poco come conduttrice...solo 35000 euro al mese @@!!
    Io mi chiedo, lei che fa tutti sti cazzi di programmi strappalacrime, per questi poveri, senza lavoro, senza una casa ecc, un po' di vergogna no eh!!
    Il dito medio alzato anche in questo caso e' d'obbligo!
    Ti abbraccio fortissimamente.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut