Followers

08/03/15

Sei ottavi

A voi donne auguro tante notti stellate

grazie nonna Bea

Mentre la notte scendeva stellata stellata
lei affusolata nel buio sognava incantata
e chi mi prende la mano stanotte mio Dio
forse un ragazzo il mio uomo o forse io. 

Lontana la quiete e montagne imbiancate di neve
e il vento che soffia che fischia più forte più greve
e che mi sfiora le labbra chi mi consola
forse un bambino già grande o io da sola.

Passava la notte passavano in fretta le ore
la camera fredda già si scaldava d'amore
chi troverà i miei seni avrà in premio il mio cuore
chi incontrerà i miei semi avrà tutto il mio amore.

La luce discreta spiava e le ombre inventava
mentre sul mare una luna dipinta danzava
chi coglierà il mio fiore bagnato di brina
un principe azzurro o forse io adulta io bambina.

Mentre la notte scendeva stellata stellata
lei affusolata nel buio dormiva incantata
chi mi dirà buonanotte stanotte mio Dio
la notte le stelle la luna o forse io.



6 commenti:

franco battaglia ha detto...

Tutto un forse a segnarci la vita, mio caro.. ;)

RobbyRoby ha detto...

grazie e buona domenica.

S. ha detto...

grazie Xavier, bella la canzone di Rino, grande la tua nonna ;)
ciao

MikiMoz ha detto...

W le signore! A essere banali donne son capaci tutte ;)

Moz-

Melinda Santilli ha detto...

Grazie Xavier, spero proprio che un giorno non ci sarà più bisogno di una festa per ricordare che noi donne esistiamo e siamo importanti tanto quanto gli uomini.
Ti mando tanti baciotti, fa gli auguri a tutte le donne della tua famiglia :-)

Claudia♥ ha detto...

Ciao Xavier!
Grazie infinite,questo tuo augurio me lo appiccico al cuore
Ti abbraccio tanto