Followers

25/02/15

Saremo tutti censurati... Stop alla libertà di espressione!


Nuovo anno, nuova censura.

A partire dal 23 marzo 2015 non sarà possibile condividere pubblicamente immagini e video sessualmente espliciti o che mostrano nudità su Blogger.
Nota. Le immagini di nudità sono consentite se il contenuto è di pubblica utilità, ad esempio in un contesto artistico, didattico, documentario o scientifico.
Le modifiche che vedrai sui blog già esistenti
Se il blog già esistente non contiene immagini o video di nudo sessualmente espliciti, non noterai alcuna modifica.

Se il tuo blog contiene immagini o video di nudo sessualmente espliciti, diventerà privato dopo il 23 marzo 2015.
Non verrà cancellato alcun contenuto, ma il contenuto privato potrà essere visto solo dal proprietario o dagli amministratori del blog e dalle persone con cui il proprietario ha condiviso il blog.

Impostazioni che puoi aggiornare per i blog già esistenti.
Se il tuo blog è stato creato prima del 23 marzo 2015 e contiene contenuti che violano le nostre nuove norme, hai due possibilità per modificare il blog prima che le norme entrino in vigore:
-rimuovere le immagini o i video di nudo sessualmente espliciti dal blog.
-contrassegnare il blog come privato.

Il messaggio proviene direttamente da Google che ora sottoporrà anche i blog italiani a un ennesimo giro di vite, come se tutti i blogger postassero scene o immagini sessualmente esplicite ben sapendo che da un sacco di tempo è in atto una feroce censura.
Censura che peraltro non si limita al web (sì perché oltre alle mail controllate anche youtube, siti, forum, community e tutto quello che concerne la rete è sottoposto al pettine della censura che non è più tanto invisibile) ma si estende alla cinematografia, all’editoria, al giornalismo.
Provate a cercare qualcosa sulla libertà di stampa come ho fatto io su Google.
Il primo risultato esce dritto dritto da Wikipedia che scrive l’Italia è a uno dei livelli più bassi per quanto concerne la censura della libertà di stampa (c'è troppa censura).


Risultato confermato subito da altri post, uno dei quali appartiene al Fatto Quotidiano che presenta il libro scritto da Alessandro Gilioli e dall’avvocato Guido Scorza “Meglio se taci”: un’inchiesta che attraverso esempi di cronaca mostra come spesso l’interpretazione delle norme si traduca in censura, obiettivo condiviso da disegni di legge presentati in Parlamento che puntano a imbavagliare il web, ignorando che i provvedimenti validi nel mondo reale sono già estesi anche in ambito digitale.
Molto lontano dal “far west” immaginato da deputati e senatori, tra i quali prevale “spesso una radicata subcultura nemica della libertà della rete“.
(vi lascio il link così se volete potete leggere per bene l’articolo) 



Ma sapete qual è la cosa più interessante?
Che mentre cresce la censura portandoci ai livelli più bassi in Europa (e temo anche nel mondo) per quello che riguarda la libertà di pensiero, espressione, opinione e stampa aumenta uno strano fenomeno: la vendita dei VPN.
Cosa sono?
I VPN (virtual private network) sono un tipo di connessione pubblica che si legano ai DNS e quindi all’IP del computer di un utente.
Grazie ai VPN lo Stato italiano blocca a suo piacimento tutti i siti e i video che vuole, senza possibilità di appello.
Ma siti come Avast, Avira, Hamachi, Astrill e tanti altri al prezzo “modico” di 120 euro l’anno (oppure 70 se paghi per due anni) vendono i VPN in modo che il tuo computer cambi sempre DNS e quindi IP e non solo condivida i tuoi dati on line ma ti consente anche di vedere tutti i siti oscurati perché il computer risulta connesso da tutti i paesi del mondo eccetto il tuo. (a rischio concreto di mandare a quel paese il computer facendo entrare santi, madonne e virus)

Tutto questo è legale?
No, certo che no!
Però se paghi e paghi anche tanto improvvisamente può diventare legale e nessuno verrà a romperti le palle in quanto hai pagato la tua quota al programma dispensatore di VPN, a Google e anche allo Stato italiano per fare qualcosa di assolutamente illegale.

Quindi, tirando le somme, piuttosto che smetterla con tutta questa censura stupida e senza senso in Italia si spinge sempre l’acceleratore sull’illegalità e sul guadagno facile.
Mi viene da concludere affidandomi a Bastianich, ditemi voi se non ha ragione.





25 commenti:

  1. Evviva l'Italia finta puritana che poi si vende come una pu"ri"ttana!
    I nostri parlamentari spaventati dal web, gli stessi delle Olgettine e dei trans? Ma chi crede più a quei buffoni e anche ai finti paladini della moralità come Google!
    La rete non è il covo di perdizione che tutti pensano e per fortuna c'è già chi ci tutela (vedere per esempio la Polizia Postale).
    Diciamola tutta, è un altro modo per guadagnare ancora più soldi e per controllare la libertà di espressione.
    Scommetti che presto verrà fuori un motore di ricerca libero che darà un bel calcio nel sedere a Google?
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, uno molto valido c'è già ed è DuckDuckGo https://duckduckgo.com/

      Elimina
  2. oh beh, vedo che allora la notiziola vi è arrivata a tutti...ieri sembravate tutti zombi, che mi sentivo abbastanza paranoica contro blogger :) cmq a parte gli scherzi, non penso che sia solo un problema
    VPN, penso che il giro di vita, con la scusa del "sesso esplicito" in questo caso, nasconda qualcosa di più subdolo, legata anche agli ultimi avvenimenti terroristici. Devo capirci ancora qualcosa, chiederò nel merito, ad un amico esperto del settore...vi farò sapere. ciao Xavier :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ovvio che questa notizia è stata data ad hoc, per distogliere l'attenzione degli italiani da fatti ben più seri che in questi giorni coinvolgono la politica e l'economia del paese... accade ogni volta se ci hai fatto caso.
      Comunque questo è l'unico paese che esporta la democrazia per importare la dittatura!
      In attesa di ulteriori notizie ti saluto!

      Elimina
  3. Ciao,
    Sono d'accordissimo sulla libertà d'espressione e sulla censura sottile ma concreta vigente in Italia.
    Personalmente dubito di aver mai letto un blog porno, se proprio ne avessi voglia andrei ( vado ) su siti più specifici, ma credo che per chi comunque recensisca opere dove ci sono nudità ed altro ( tipo narrativa o manga hentai ) credo cambi poco o nulla.
    Fermo restando che è comunque un passo ulteriore verso una censura sempre più massiccia del pensiero.
    Invece di andare avanti, qui si va indietro,mah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia è un paese che assimila il peggio degli altri paesi.

      Elimina
  4. E mo' co' la foto della Lola tutta nuda che ce faccio?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quente volte ti ho detto di coprire quella scostumata? Falle indossare almeno un reggiseno :-)

      Elimina
  5. Mi sento un po' confusa da tutto questo....pero' i soldi, come ben sai, aprono sempre le porte al paradiso....Cmq, vedremo come si metteranno le cose....
    un abbraccio e grazie sempre per i tuoi post interessanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sa mi raccomando fai indossare il costume da bagnano al tuo peloso :-)

      Elimina
  6. Blogger sta perdendo tanti utenti già da qualche anno e con questa mossa ne perderà a migliaia. Vuol dire che posteremo tutti foto di fiori e garze sterili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non dimentichiamoci le foto di Papa Francy.

      Elimina
  7. É una sporca censura finanziaria di Pirro. Sai che calo di utenti però. Vorrà dire che torneremo ai cari e vecchi giornaletti porno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giornaletti porno salvano molte vite...

      Elimina
  8. Da un lato, questa censura mette fine al giro di blog gestiti da trans e ragazze squillo che personalmente mi faceva ribrezzo. Troveranno altri lidi certo, ma almeno Blogger sarà più vivibile.
    Dall'altro invece ho una paura matta che questo sia solo il primo sintomo dell'imminente chiusura di Blogger: nasco nei Windows Live Space, dove se pubblicavi una tetta rischiavi la chiusura dell'intero spazio (anche se era nudo artistico), e non mi piacerebbe traslocare un'altra volta.
    Spero non sia così ma lo temo, e come nel caso dei desideri bisogna far attenzione alla paura... può avverarsi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lumi ma i blog che dici tu sono già privatizzato e segnalati, tanto è vero che per entrare devi dichiarare di essere maggiorenne: che blog frequenti?!
      No Blogger non chiuderà, almeno non lo ha mai comunicato e se accade c'è sempre wordpress o mal che vada qualche altra cosa.
      Il punto della situazione è un altro: la farfallina mostrata da Belen viene considerata nudo artistico perchè era nel contesto di Sanremo, se però un blogger mette una foto di un ragazzo a torso nudo o di una ragazza in topless rischia la chiusura perchè allora non è nudo artistico.
      Non è assurdo?

      Elimina
    2. Non è colpa mia se dal cerca immagini di google finisci in determinati blog o.o che non sono privati forse perchè la maggior parte sono gestiti da stranieri. E non vado a cercare chissà che cosa, spesso basta una ragazza con su le ali da angioletto per incapparci.
      Sul resto non posso che essere d'accordo.

      Elimina
  9. Per aggirare la censura italiana è sufficiente, nella maggior parte dei casi, cambiare i propri server DNS, ad esempio impostando quelli dell'OpenNIC Project (http://www.opennicproject.org/).
    Un'altra possibilità è offerta da Tor (https://www.torproject.org/); per utilizzarlo agevolmente, consiglio Tro Browser (https://www.torproject.org/projects/torbrowser.html.en), una versione di Firefox ottimizzata e preconfigurata per l'utilizzo della rete Tor.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccolo refuso: è "Tor Browser", non "Tro Browser".
      Dicesi dislessia da tastiera ;)

      Elimina
    2. Grazie Franz, i tuoi consigli sono sempre molto utili.
      Abbraccione :-)

      Elimina
  10. Xavieri,
    sono molto preoccupato; credi che un blog come l'Angolo, così dissoluto e peccaminoso, potrà cntinuare la sua strada? Non è che, in caso negativo, conosci un CENSORE COMPIACENTE, disposto a chiudere un occhio sui nostri peccati?
    Amen.
    .
    .

    ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Angolo sarà il primo ad essere chiuso, è un luogo di perdizione... Sodoma e Gomorra. Per il censore compiacente rivolgersi a God nei giorni di Lunedì, Mercoledì, Venerdì solo su appuntamento :-)

      Elimina
  11. Della serie con i soldi, e...mazzette...per intenderci....tutto diventa legale...bell'esempio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I soldi aprono anche le porte del "paradiso"

      Elimina
  12. Ciao Xavier, come hai letto nel mio blog, Google ha fatto dietrofront. In pochi giorni ci sono state enormi proteste e d'altronde bastava un dipinto per essere censurato.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut