Followers

17/01/15

Caro Francy mi perplessi...

Benvenuti a un nuovo appuntamento con Queer per il sociale, che oggi vuole proporvi la lettura di un interessante brano che proviene da God o meglio dal suo vice che se ne sta bello tranquillo in Vaticano.

Stiamo attenti alle nuove colonizzazioni ideologiche. Esistono colonizzazioni ideologiche che cercano di distruggere la famiglia. Non nascono dal sogno, dalla preghiera, dall’incontro con Dio, dalla missione che Dio ci dà, vengono da fuori e per questo dico che sono colonizzazioni.
Non perdiamo la libertà della missione che Dio ci dà, la missione della famiglia.

E così come i nostri popoli, in un momento della loro storia, arrivarono alla maturità di dire “no” a qualsiasi colonizzazione politica, come famiglie dobbiamo essere molto molto sagaci, molto abili, molto forti, per dire “no” a qualsiasi tentativo di colonizzazione ideologica della famiglia, e chiedere a san Giuseppe, che è amico dell’Angelo, che ci mandi l’ispirazione di sapere quando possiamo dire “sì” e quando dobbiamo dire “no”.
La famiglia è anche minacciata dai crescenti tentativi da parte di alcuni per ridefinire la stessa istituzione del matrimonio mediante il relativismo, la cultura dell’effimero, una mancanza di apertura alla vita.

Caro Francy, partiamo da una questione che sembra irrisoria ma tanto irrisoria non è.
Tu sei il Papa e il Papa fino a prova contraria è un prete cattolico e si sa che nessun prete cattolico può sposarsi né con una donna né con un uomo e tanto meno mettere su famiglia.
Perciò mi spieghi come riesci a parlare di famiglia tu che non sai nemmeno cos’è una famiglia?
E da quando in qua God si occupa anche di famiglie?

Aspetta, da un certo punto di vista hai ragione.
God la sua famiglia ce l’ha. Aveva una compagna di nome Mary che non ha mai sposato ma con cui ha avuto un figlio, Jesus, e poi Mary si è sposata con Joseph che però a sua volta stava con Gabriel (e questo l’hai sottolineato anche tu dicendo chiedere a san Giuseppe, che è amico dell’Angelo).
Risultato? Una gran bella famiglia allargata e anche gaya.

Non mi sembra che God fosse contro la famiglia arcobaleno e a favore della famiglia Barilla, fino a prova contraria (ma la prova contraria non c’è altrimenti dovresti negare ciò che God dice nei Vangeli e nella Bibbia).

Altra questione: Francy, per piacere, parla come mangi e non infilare paroloni inutili come colonizzazione ideologica nei tuoi discorsi.
Ci sono già abbastanza cretini che vanno in giro cercando i sottotesti omofobi, adesso non fare il difficile e non metterti anche tu a parlare come uno Zingarelli al contrario.

Ultimo punto ma non per questo meno importante.
Il relativismo e l’effimero di alcuni.
Qui ti do ragione: c’è gente che si sposa a prima vista, gente che divorzia dopo un mese, gente che si sposa ma va a puttane o a trans perché si sente sola, gente che per mettere un po’ di pepe nel matrimonio prende la moglie a pugni.
È tutto così relativo.
Meglio stare fermi su alcuni capisaldi, come quello di impedire a due persone dello stesso sesso di vedere riconosciuti i loro diritti e il loro amore prima che i relativisti si incazzino e poi magari fanno la marcia su Roma con le Focaccelle della Mulino Bianco in una mano e Rosita la gallina nell’altra.
Te li immagini?

Perciò che posso dirti?
Vado a festeggiare con Etienne la giornata della famiglia, ti saluterò God e compagnia bella se li incontro per strada.
Sempre tuo, Queer per il sociale.


7 commenti:

°°valeria°° ha detto...

la famiglia si costruisce con l'amore...
un abbraccio valeria

Melinda Santilli ha detto...

Francy perplessa anche me, dal momento che deve avere scordato che Gesù ha avuto una bella storia sia con Giuda che con Maddalena che era una ragazza dalla vita molto allegra.
Va beh, che dire, lasciamoli a riflettere sulla famiglia ma se marceranno su Roma avranno in dotazione anche un Flauti da mettersi nel sedere così quando spareranno cazzate lo faranno a suon di musica!
Bacioni

MikiMoz ha detto...

Il problema non è tanto che il Papa dica queste cose (dopotutto è IL PAPA, DEVE dire queste cose). Il problema è il catto-centrismo elevato a condizione universale, sembra che il Papa debba parlare per tutti. Invece deve rivolgersi solo a chi crede nella sua figura e nelle cose che dice.
I cattolici hanno sempre avuto il vizio di parlare per tutti...

Moz-

Farfalla Leggera ha detto...

Perfettamente d'accordo con te. Nonostante che sia cattolica ritengo che sto Papa parla troppo e troppo in televisione. Forse sbaglio?
Ciao un abbraccio

RainMan ha detto...

Maremma maiala, Francy perplessa anche! 'tte tu s'è presentato bellino bellino... sto bischero è come la sorpresa nell'uovo di pasqua: tarocca.
Non so a quale colonizzazione ideologia si riferisce codesto papa, ma la mia l'è una famiglia a tutti gli effetti, io e Lago siamo LEGALMENTE sposati, ovvio non Italia ma in un paese civile come il Regno Unito.

Zio Scriba ha detto...

L'ho già detto ma lo ripeto: io continuo a non capire questi familisti omofobi che mettono sempre nella stessa frase "Cristo" e la famiglia. Qualcuno gli dovrebbe spiegare una volta per tutte che Gesù non ebbe né mogliettina né bambini, che disse di essere venuto per mettere i figli contro i padri, e che stava sempre circondato da maschi (uno dei quali si dice addirittura "amasse": si chiamava Giovanni).
Ma costoro, nel dichiarare al mondo che stanno seguendo "il Suo Esempio", si comportano sempre come se Lui avesse amato una Clotilde, e le avesse fatto sfornare sei o sette marmocchi. :)
C'è evidentemente qualcosa che mi sfugge... :)

Fiorella ha detto...

Posso firmare anche io la tua lettera a Francy?
E auguro a te e Etienne, una fine felice giornata, in barba a tutte quelle "famiglie" del mulino, che dentro di esso non si macina il grano dell'amore, ma dell'ipocrisia e del finto amore.
Abbraccio a tutti e due.