Followers

23/12/14

Lettera a Babbo Natale 2

Caro Babbo Natale, so che la letterina te l’ho già spedita ma volevo lo stesso scriverti ancora per condividere con te una notizia che in questi giorni ha sconvolto gli abitanti di una piccola città in Italia (grazie Mel per la segnalazione!).

Questa città si chiama Piacenza, so che sai dove si trova perché porti spesso del carbone a tutti quegli adultoidi bigotti che vi abitano, non per niente Piacenza è detta la città delle cento chiese e delle cento put…tine (vedi che sono bravo? Non scrivo nemmeno quella parola lì!)


La storia è più o meno questa:
Un presepe con due San Giuseppe (ma senza Maria) che vegliano il Bambin Gesù, esposto in un centro commerciale della prima periferia di Piacenza, ha fatto arrabbiare il neo consigliere regionale piacentino della Lega Nord, Matteo Rancan che, dopo che gli era stato segnalato da cittadini, ha pubblicato la foto sulla sua pagina di Facebook con una riflessione: “Sicuramente è stato un disguido, vero? Mi dicono anche che è stato prontamente rimosso dopo aver ricevuto alcune segnalazioni da parte di seri cittadini. Bene così! La tradizione deve rimanere viva! Manteniamola tale”.

Indignati alcuni commenti al post del consigliere del Carroccioche parlano di “presepe gay con il bambinello adottato” e di una “provocazione inaccettabile”. Nel centro commerciale ci sono diversi negozi, ma non è stato possibile ricostruire in quale fosse stato allestito il presepe. “Ho ricevuto due segnalazioni da cittadini – spiega Rancan all’agenzia Ansa – che mi hanno riferito che il presepe con i due San Giuseppe era in vendita. Hanno protestato con l’addetto alle vendita, ed è stato rimosso. Quindi ho riportato la vicenda su Facebook ed ha suscitato molto interesse e molti commenti”.
(il Fatto quotidiano)

Hai letto, Babbo?
Mamma mia che cosa terribile, pazzesca, inaccettabile!
Due san Giuseppi che fanno come ha fatto Ricky Martin a suo tempo: trovano una mamma surrogata (in tal caso la mamma si chiama Maria) per avere un bel bambino (Gesù) da crescere con tanto amore.
Lo so, Matteo Rancan ha detto che Gesù è stato adottato ma Babbo, perdona la sua immensa ignoranza: è un leghista, non sa leggere e non è mica colpa sua se non sa che Gesù è nato da Maria e non è mica stato adottato in una casa famiglia a Betlemme.

E poi, Babbo, che ti aspetti da un leghista?
Lui e i suoi amici seri cittadini ce l’hanno duro e basta, hanno un’autentica venerazione per il batacchio e nella vita non pensano ad altro: sai che casino, vedere due san Giuseppi che fanno coming out nella mangiatoia col loro bambinello?
Si saranno detti: oh cazzo, e ora come lo dico a mia moglie che anche io amo il batacchio dei Giuseppi perché ce l’hanno duro ed essendo leghisti devono condividere il fatto di averlo duro?

Rancan ha anche detto un’altra cosa giusta: è stato un disguido.
In effetti sì, il centro commerciale in questione ha sbagliato ad esporre subito i san Giuseppi perché intanto doveva arrivare anche la mamma Maria con la sua compagna.
Rancan non lo sapeva che quel bambinello ha due papà e due mamme e crescerà amato come nessun altro: è leghista, perdonalo.

E per la tradizione?
Ah sì, è vero, Rancan ha detto dopo un giro di post su facciadalibro (e dopo la rimozione dei san Giuseppi) la tradizione deve rimanere viva! Manteniamola tale.
Ma Babbo, non si riferiva mica alla famiglia etero Barilla del presepe, si riferiva alla bella tradizione piacentina.
Sei mai stato sulla via Emilia, diciamo a tutte le ore del giorno?
Ecco, ci sono tante signorine e tanti transessuali che camminano avanti e indietro a bordo strada per mantenersi in forma (la camminata veloce, è risaputo, fa bene al corpo e alla mente) e tanta gente si ferma con le loro auto, offrono un caffè a questi sportivi e poi li lasciano di nuovo a camminare a bordo strada.
Rancan intendeva questo genere di tradizione, altrimenti come fanno lui e i suoi amici seri cittadini a passare il tempo e mantenere vivi i veri valori?

Babbo, vado a risposare un po’ con il mio Etienne: spero che un giorno saremo anche noi due san Giuseppi felici alla faccia di un mondo stile Rancan che preferisce mantenere viva la tradizione dell’ignoranza, dell’omofobia e dell’intolleranza.

Buon lavoro per domani notte,

Xavier


34 commenti:

  1. Forse era il contesto ad essere sbagliato, magari in una mostra puoi metterci tranquillamente due SanGiuseppi, o una pecora al posto del bambinello e via dicendo. Ma la tradizione comunque è giusto rispettarla.
    Oppure ancora, il vero sbaglio sta nel fatto che avrebbero dovuto mettere San Giuseppe e l'Arcangelo Gabriele a fare da genitori. E' quella la verità :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contesto era fuori luogo, forse era meglio in chiesa, a San Pietro o al concorso nazionale fotografico dei presepi così aveva più risonanza.
      E concordo anche sulla coppia, forse Giuseppe stava meglio con Gabriele.

      Ma poi sai com'è, qui si discute con gente che crede in un dio che condivide il compleanno con altre 3000 divinità antiche (nemmeno un evento su facciadalibro!) nato da una madre vergine che è stata "conosciuta intimamente" dallo spirito santo (che però era sempre dio) e poi per riparare si è sposata col fidanzato cornuto e mazziato che ha dovuto digerire la pappardella che nonostante lei era incinta fosse ancora vergine.
      Morale: Gesù è cresciuto come i bambini della serie Modern family, in una famiglia iper moderna con genitori divorziati (infatti, chi l'ha mai visto dio dopo la conoscenza intima? E non pagava neanche gli alimenti) e il patrigno.
      Eppure Gesù tante menate non se le faceva: secondo il vangelo apocrifo di Giuda Jesus aveva avuto un menage a trois con Juda e con Mary la Maddalena.
      E ora smentitemi Giuda!

      Miaooooo!!!!!

      Elimina
  2. Ahahah, però che cosa geniale... peccato che non faccio il presepe altrimenti ci avrei fatto un pensierino. :p

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il prossimo anno ti verrà voglia di farlo...

      Elimina
  3. Serene festività!
    Un forte abbraccio pieno di auguri!
    Beatris

    RispondiElimina
  4. Bè l'idea di per sé è geniale, chissà se il gestore del negozio o il commesso sono gay? Sarebbe fantastico. In ogni caso, secondo me, dovremmo limitarci a alla rivendicazione dei nostri diritti solo sul piano civile, ignorando il più possibile la religione ed i cattolici. Giuste o sbagliate che siano sono le loro idee, meritano rispetto quanto le nostre. Lo dico da anticlericale sia chiaro. Auguri a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con me sfondi un portone dal momento che sono ateo, però mi stanno sul cazzo tutte quelle persone come Rencan pensano in base non so a quale investitura divina di ritenere il loro modo di pensare giusto e di imporlo agli altri.
      Quindi ben vengano i presepi con i Giuseppi, con il bambinello nero, con le Marie... ognuno deve essere libero di esprimersi come vuole e come ritiene giusto, sempre nel rispetto reciproco. Nel frattempo portiamo avanti le nostre battaglie sul piano civile e giuridico.
      Auguri anche a te!

      Elimina
  5. Beh, non c'è che dire: come provocazione lascia il segno eccome :-P
    Anche se da un lato sono d'accordo con Moz, dall'altro capisco anche che comunque non sono di certo queste le cose sbagliate al mondo; magari i problemi fossero davvero solo questi.

    Comunque, domani è la Vigilia di Natale, ho letto che non ami questa festività ma non potevo fare a meno di farvi gli auguri quindi quando e se vuoi passa da me a dare un'occhiata all'ultimo post. Spero apprezzerai, tu e gli altri. Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti i problemi se li sono fatti il leghista Matteo Rancan e i pii cittadini che prontamente lo hanno avvisato del "disguido".
      Passerò da te e grazie per gli auguri!

      Elimina
  6. Ciao Xav, sono felicissima che la mia segnalazione ti sia tornata utile per questo post: hai visto un pò che si combina nella ridente Piacenza? (se non avevo la febbre compravo quel presepe!)
    Matteo Rancan ha molto tempo da perdere, a quanto pare e non è il solo visto che questa città cade a pezzi e fa schifo grazie a una giunta comunale e una provincia che pensano a "oddio, aiuto, ci sono gay, lesbiche e trans" e intascano i soldi, piuttosto che pensare a come migliorare le cose.
    E secondo te dov'è la finta associazione LGBT di Piacenza (quella che si fa chiamare L.'A.T.OMO. tanto per capirci? Sta zitta e buona, perchè sono troppo vigliacchi per fare qualcosa.

    Ma parliamo di Gesù: mi chiedo dove sia la tradizione visto che nell'iconografia è rappresentato come il perfetto figlio della razza ariana (e così pure la madre, mentre Giuseppe no ma tant'è, lui è il patrigno e non conta un cazzo) ed è nato in un paese dove la gente è un tantino ambrata.

    E soprattutto, non era Gesù a dire "non giudicare il prossimo"? Come mai Rancan e i pii cittadini ci giudicano?
    Mi sento in dovere di prendere la trave che sta nel loro occhio e cacciargliela nel culo, magari gli piace.

    Sono stata cattiva?
    Sì e visto che sono nei miei giorni ti dirò di più: il prossimo presepe lo farò rainbow w guai a chi mi rompe le palle!
    Tanti baci e se non ci sentiamo via mail augurissimi!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cattiva? Non credo proprio, e visto che sei in quei giorni "felici" puoi dire ciò che vuoi!
      Abbraccio :-)

      Elimina
  7. Xavier, lo sai che sono cattolica e per me la Sacra Famiglia non si tocca
    ha un grande valore per me
    anche se tu sai che ci sono dei principi della mia religione che vorrei cambiassero, ma non la Sacra Famiglia
    un abbraccio VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è il concetto di famiglia che è cambiato, adesso ci sono le famiglie allargate, omogenitoriali, monogenitoriali... sono tutte sacre ed è giusto che vengano rappresentate in egual misura.
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Ciao Xavier!
    Sono cattolica e poco praticante..ma il Natale per me è festa grande,il presepe rappresenta la famiglia e io ci sono dentro fino al collo con immensa felicità,appunto perché è famiglia rispetto qualsiasi sia la componente da essa composta,tutti uguali oppure differentemente uguali poco importa,detesto coloro che fanno distinzioni e hanno la pretesa di imporre la loro ideologia creando parabole basate su eventi "accaduti" secoli fa che nell'arco del tempo sono stati ricamati a dovere,credere o non credere in Dio è una scelta,i parlatori blasonati che lo rappresentano portando a destra e manca la sua parola,tra l'altro discutibile,in alcuni casi si sono individui che per esercitare a piede libero il loro luridume si camuffano da religiosi..uno schifo fotonico
    Ti abbraccio forte.Buon Natale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invito tutti a leggere la tua risposta.
      Un abbraccio :-)

      Elimina
  9. Ciao Xavier, buone feste a te e a tutti i tuoi cari.
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  10. Ti lascio solo un grande abbraccio...nell'attesa che il Natale sia passato!!

    RispondiElimina
  11. Caro Xavier,
    io dico solo che ...ci sono i cattolici e ci sono i ..."RANCAN"! ..E non credo possano coesistere nella stessa considerazione.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Pino, ma non tutti sono come te o Claudia!
      Un abbraccio

      Elimina
  12. La cosa peggiore e' sempre la stessa, ha ragione Mel. Che gli stessi omosessuali non abbiamo fatto sentire forte e chiaro la loro voce. Io che sono pro diritti di tutti, resto sempre basita. Ti abbraccio ragazzo, per fortuna qualcuno ha fatto tesoro del più grande insegnamento del piccoletto ebreo: ama il prossimo tuo come te stesso. Lo so: siamo ancora troppo pochi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariella putroppo la stupidità e la vigliaccheria colpiscono anche i gay.
      Un abbraccio :-)

      Elimina
  13. Auguroni..Xavier..Buone Feste. :)

    RispondiElimina
  14. Ci sono provocazioni intelligenti e provocazioni stupide, o più semplicemente di cattivo gusto.
    Questa fa parte, secondo me, della seconda categoria.
    No, non mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiegami il perchè? Non esiste uno standard di famiglia, tutte le famiglie sono giuste.
      Da ateo sinceramente della sacra famiglia non mi frega niente, la favoletta che continuano a raccontarsi ogni anno è di una palla mortale, però anche tra gli omosessuali ci sono dei fervidi cattolici, perchè loro non possono rappresentare nel presepe la loro famiglia? Non deve piacere a te o a me, deve piacere a chi lo sente nel proprio cuore!

      Elimina
  15. La famiglia -a mio parere- è il posto dove ci si sente a casa. dove ci sono i nostri affetti.
    Per esprimere questo concetto ci sono mille modi, perchè usarne uno decisamente dissacrante nei confronti di una religione? Il fatto di non essere credente non ti esime dal rispetto delle convinzioni altrui, non credi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè mettere due padri a rappresentare la sacra famiglia è dissacrante? Prima di tutto io personalmente non ho mai mancato di rispetto nei confronti di chi è credente, il più delle volte siete proprio voi credenti a mancare di rispetto a chi non crede.
      Se una famiglia omogenitoriale vuole rappresentare la sacra famiglia con due padri non manca di rispetto a nessuno. E ora di uscire da certi stereotipi. Ti invito a leggere il commento di Claudia!

      Elimina
  16. "voi credenti" ... e chi ti ha detto che io lo sia?
    non credo sia giusto interpretare il fatto come una diatriba tra credenti e non credenti, e nemmeno mi interessa l'intervento del leghista. per me il presepe poteva pure stare dov'era.
    tuttavia, la libertà della comunità gay di rappresentare la famiglia con due padri o due madri in questo caso cozza contro la libertà della comunità cattolica di veder rispettato un simbolo chiave della loro religione.
    il commento di claudia l'ho letto, ma non ci ho capito niente; sarà che la scrivente non ha il dono della chiarezza, o più probabilmente sarà la lettrice che è limitata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi mi hai preso proprio nella giornata giusta, sono appena tornato da una seduta di radioterapia e devo ancora leggere le tue polemiche.
      Che tu sia credente o meno, la cosa non mi riguarda.
      Mi interessano due cose, in primis il tuo insulto gratuito e non richiesto verso Claudia che non conosci nemmeno.
      Sei stata una grandissima cafona e chiedo scusa a Claudia da parte tua e la faccina sorridente non mi fa sorridere.

      Parliamo del secondo punto, i diritti delle persone.
      La comunità cattolica esercita tutti i suoi diritti come e quando le pare, rompendo anche i coglioni alla grande sprattutto a chi non è credente, ma si inalbera di fronte a un presepe omosessuale.
      Anche gli omosessuali sono persone e come tali è giusto che manifestino i loro diritti.
      Sai, il dio dei cattolici ha creto le persone "a sua immagine e somiglianza" il che significa che il dio dei cattolici è pansessuale (se sai cosa significa): perchè dunque quattro credenti della domenica devono permettersi di offendersi?
      Il simbolo? Ma simbolo di cosa, che in teoria non dovrebbero esserci simboli dal momento che la vera fede non ha bisogno di simboli: o credi o non credi, senza tante palle in mezzo.

      Sai cosa ci vedo nel tuo comportamento e nella reazione di questi credenti?
      Tanta ipocrisia.
      Dovresti scusarti con Claudia, il cui messaggio era semplice: rispettare le persone e le famiglie, perchè una vera famiglia non dipende dal sesso dei coniugi, cosa che non a tutti sembra chiara (a te in primis).

      Non tollero che nel mio blog non si rispettino gli altri lettori, quindi a non più rileggerti.

      Elimina
  17. Ho letto Claudia ed ho capito benissimo il suo limpido messaggio, e poi conosco te molto bene e so quanto tu sia intellettualmente onesto, tu ateo convinto ed io ateo obtorto collo, cioè vorrei poter credere ma non ci riesco. L'idea dei due padri è assolutamente formidabile in una città piuttosto bigotta come Piacenza poi. Comunque penso che abbia ragione Moz: ci voleva un solo Giuseppe e l'altro doveva essere l'Arcangelo Gabriele....
    Una parola su Silvia, che conosco ahimé assai bene da cinque anni. Perdonala. Silvia non è cattiva, è credente ma ha un difetto grave: vuole avere ragione sempre lei e allora dice tutto e il contrario di tutto pur di prendersela la ragione. Abbiamo fatto assai spesso a zuccate. Quando prende una strada va avanti senza nemmeno curarsi dei danni che provoca a se stessa. Un atteggiamento stupido che no le si addice, perché è abbastanza intelligente. Peccato, ma nessuno è perfetto.
    Un abbraccio Xavier e vivi bene questo fine d'anno e l'inizio del prossimo ancora meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, il pensiero di Claudia come hai scritto tu è limpido, chiaro, basta leggere per capire... leggere e non come ha fatto Silvia che ha finto di leggere.
      A me non importa che Silvia sia o non sia credente, quando esprimo il mio pensiero di ateo non attacco i credenti ma gli ipocriti, anzi, rispetto molto chi crede e chi nel nome del suo credo fa del bene, ho sempre ammirato persone come Madre Teresa di Calcutta o Padre Pio mentre non sopporto le Silvie di turno che non solo non sono capaci di confrontarsi civilmente, ma sbandierano la loro stupida arroganza come uno scudo arrivando ad offendere persone come Claudia che hanno sempre parole gentili per tutti, per questo non posso tollerare il comportamento di Silvia che non si è neppure scusata con Claudia, perdonami ma è un mio limite (come vedi neppure io sono perfetto).
      Per quanto riguarda la moderna sacra famiglia devo rendere partecipi te e Moz di una amara verità, l'Arcangelo Grabriele è l'amante di Giuda, ecco il prechè dei due Giuseppi :-)
      Ricambio l'abbraccio!

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut