Followers

08/08/14

Pina: ma che cazzo dici!!!!!


grazie nonna Bea

L’estate è una stagione che mi rende cattivo, non c’è niente da fare: vuoi anche che un po’ stronzo lo sono, vuoi che mi sono rotto le palle di leggere i commenti e i post di certi ipocriti dell’ultima ora, vuoi che sono snob e non sopporto gli imbecilli, vuoi tutto oggi vi parlo di  una blogger.
Niente nomi, è già in disgrazia per conto suo, infierire mi sembra troppo cattivo.
Sapete la storia dell’articolo 29 della Costituzione postate da Melinda, da me e dal Cavaliere del web?
Spero per voi di sì, perché questa blogger che chiamerò Pina per comodità, ha dato dall’alto della sua esperienza di vita eterosessuale la sua elettissima opinione su tutti gli omosessuali che da anni si battono per vedere riconosciuti quei diritti che in teoria dovrebbero spettare a tutti i cittadini italiani in quanto cittadini e tutelati dall’articolo 3 della Costituzione che sembra importante come la carta igienica usata.

Pina scrive (oh, le stronzate grammaticali non sono mie):

vorrei dire una cosa io sono etero esempio, non ho nulla incontrario se due gay si sposino e poi non penso che l'abbiate scritto in faccia che siete omosessuoli io non ho paura di voi se poi dovrei averne basta dirlo ? quando riguarda l'adozione ma non vi ponete mai la domanda ma se io adotto un figlio quel bambino come si sentirà verrà mai preso in giro dai compagni di classe (sapete che i compagni di classe sono abbastanza cattivelli) ma perchè non vi ponete da quella più banale a quella più complicata sull'adozione non sono d'accordo mi dispiace ma io sono una cheledevedire le cose . buona serata

io ti rispondo volentieri, mi dispiace che sei dovuta crescere solo con tua madre, ma non pensare che quello che tu hai appena affermato sia giusto mi spiace per voi un bambino ha bisogno di due figure distinte e separate , capisco i vostri diritti gay ho moti amici gay, ma sui bambini non riesco concepire il vostro egoismo perchè si tratta solo di egoismo .
Avete ragione se volete sposarvi infondo vi amate , ma i bambini no!!!!!

Pina non ha paura di noi omosessuali, come tantissimi omofobi sulla faccia della terra.
Ma allora se non avete paura, perché ci dovete rompere il cazzo se vogliamo avere i vostri stessi diritti? Non vi portiamo via niente: tasse, mutui e rate auto sono sempre vostre, promesso.
Pina ha molti amici gay: ma ci avete fatto caso che tutti gli omofobi hanno amici gay? Ma chi vogliono prendere in giro?
E’ come dire che i membri del Klu Klux Klan avevano amici di colore!
Pina non concepisce il nostro egoismo.
Pina, a noi gay dispiace tanto essere così egoisti da volere adottare un bambino o da volerne uno nostro esattamente come vuoi tu che però non sei egoista ma ricorri alla fecondazione assistita pur di averne uno.
Brava Pina, questa sì che è coerenza!

Ma il pezzo forte arriva adesso…

Pensano che io sono ipocrita solo perchè dico quel che penso, sono daccordo che loro si possano sposare, ma che debbano adottare sinceramente mi sembra un atto semplicemente egoistico : Essere chiamata omofoba  è stata dura ma si vede che non mi conoscono queste persone , io ho detto solo i bambini hanno bisogno di due figure differenti "uomo e donna ".
E' inutile scrivermi: anche gli etero massacrano con il loro amore di botte ma che cazzata è questa !!!!!
Siamo realisti quante mamme sono in lista per una adozione ma parlo di mamme etero, magari passa questo emendamendo e il bambino viene dato a l'omosessuale VOI MAMME IN LISTA NON BESTEMMIATE TUTTI I SANTI !!!!!!!
Voi gay mi dovete spiegare il gay Pryde non so scriverlo CHE SIGNIFICATO HA PER VOI PERCHè IO NON LO CAPISCO....se vi amate normalmente non è meglio ma parlo da ignorante ora vorrei solo una risposta anche anonima !!!!!

Ho scritto questo post un per ribellione perche' non hanno capito le mie parole.mi hanno chiamato omofoba su di un post pubblico comunque poi in privato mi sono arrivate.delle offese come vedi ho cancrllato dei post non fa nulla contenti loro

Pensano che io sono ipocrita: no Pina, prima di pensare che tu sia ipocrita pensano che tu sia ignorante. Persino il congiuntivo lo pensa, anzi ti odia cordialmente dal momento che è omosessuale. Sì gente, il congiuntivo è omosessuale, ecco perché molte persone non lo frequentano.

Essere chiamata omofoba  è stata dura: perchè invece è facile per noi omosessuali essere insultati ogni giorno. Come gli americani hanno i coupon per fare la spesa, tu e quelli come te avete i coupon per insultarci gratis.
Ma una cosa è vera: non dovevano chiamarti omofoba, ma stronza.

Adottare sinceramente mi sembra un atto semplicemente egoistico: se potrebbe esserlo per le coppie omosessuali, come mai non lo è per le mamme in lista che tu citi qualche riga dopo e che in teoria dovrebbero pure bestemmiare se per caso il bambino viene dato a due omosessuali?
Oh my God… ascolta Pina, non c’è competizione sulla genitorialità: forse nella tua testolina bacata di donna etero perbene sì, ma in realtà non esiste.
Quindi tranquilla che il tuo bimbo biondo con gli occhi azzurri prototipo della razza ariana non te lo porta via nessuno.

Il gay Pryde non so scriverlo CHE SIGNIFICATO HA PER VOI PERCHè IO NON LO CAPISCO: lascio parlare Harvey Milk, sperando tu sappia chi sia ma data l’ignoranza abissale in cui nuoti lo dubito. “Il Gay Pride non è nato per celebrare il fatto di essere omosessuali, ma per il diritto di esistere senza essere perseguitati. Tu che sei eterosessuale, anziché chiederti perché non esiste un Pride eterosessuale, sii contento di non averne bisogno”.
E’ chiaro o hai bisogno di ulteriori spiegazioni? Se vuoi te lo spiego anche in LIS.

Ma la cosa più bella è che Pina ha parlato per dare aria alla bocca senza capire un cazzo della questione.
Cosa ho scritto all’inizio del post? Ho chiesto se sapevate qualcosa sulla proposta di legge per il cambiamento dell’articolo 29 della Costituzione proposta da La Russa (un fascistone che vuole cambiare la Costituzione a modo suo, per favorire solo una determinata categoria di cittadini).
Non ho parlato figli, genitori, Pride: non lo ha fatto nessuno.
Si parla di diritti dei cittadini e Pina non lo ha capito.
Così mi chiedo: quanti altri idioti in questo paese ottuso non lo capiranno?
Tantissimi, è questo che deve fare paura perché viviamo in uno Stato ignorante, dove la dittatura viene mascherata da democrazia, dove si permette a uno Stato ospite come il Vaticano di legiferare, dove per una persona informata ci sono cento cretini che seguono la corrente come i salmoni.

Quindi giù le mani dalla Costituzione, soprattutto se sono le mani di persone come La Russa o le teste bacate di persone come Pina a volerla cambiare.


Ora leggete questo articolo e poi ditemi se la discriminazione viene o non viene insegnata ai bambini da mamma e papà...

16 commenti:

  1. Ho letto un paio di giorni fa quel commento un po' così.
    Io credo volesse dire semplicemente che la vita di un bambino con due genitori dello stesso sesso può essere già in partenza più complessa per via di status sociali. E su questo posso anche essere d'accordo perché in fondo l'Italia si sa com'è, il bambino verrebbe additato a vista e ritenuto una cosa non "normale" (mentre magari ci sono altri bambini con famiglie normalissime -passami il termine- che vengono stuprati dal padre).
    Purtroppo si deve badare anche a questo aspetto di facciata e di mentalità.
    Ma è anche vero che se mai si inizia, mai le cose cambieranno.
    Chi vuol soffrire un po' per primo, sacrificandosi per cambiare lentamente la mentalità? :)
    Un abbraccio turbomacinatore di code.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento un pò così un cazzo. Se l'Italia è un paese di merda e anche grazie a persone come Pina.
      Sapessi quante coppie gay ci sono in Italia che hanno dei figli, ci sono le famiglie arcobaleno che si battono in prima persona e non si nascondono, come vedi c'è chi si "sacrifica".
      Miaoo graffiante :-)

      Elimina
    2. Ma io lo so benissimo. Però so anche che purtroppo la legge è restia a tutelare per bene queste cose, quindi comunque si tratta di cittadini in una zona d'ombra...

      Moz-

      Elimina
    3. Non viviamo in una zona d'ombra, anche se voglio farci stare nell'ombra...
      Miaoo

      Elimina
  2. Dopo aver riletto le frasi senza senso di Pina e l'articolo che incita tutti i bambini a diventare dei neonazi eterosessuali tutti perfetti sono profondamente indignata, incazzata e mi sento di fare come Michael Douglas in "Un giorno di ordinaria follia".
    Pina che si permette di venirmi a dire "sono dispiaciuta che tu sia cresciuta con tua madre" e aggiunge che i genitori etero non fanno del male ai loro figli: che parli con mio padre, con i tuoi genitori biologici, con quelli che si dimenticano i bambini in auto e con tutte le Franzoni del mondo...
    Quelli come lei e come i neonazi dell'articolo mi fanno paura, sono gente pericolosa che non ha una testa pensante e si fanno trascinare dal primo cretino che gli propina un'idea senza chiedersi se è giusta o sbagliata.
    Perchè Pina non riflette, come le ho detto in un post, sul senso di queste storia: negare i diritti è giusto?
    Un uomo che dice a un altro uomo "tu non sei nessuno" è giusto?
    Bene, secoli di lotte per la libertà e l'uguaglianza buttati nel cesso.
    Oggi Martin Luther King direbbe "I have a nightmare".
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che Pina abbia difficoltà a capire, ma non è colpa sua, non è colpa di Pina se non riesce a capire che tutte le persone hanno pari dignità e pari diritti, perchè Pina è cresciuta in una società eterosessista, ha studiato nella scuola dell'intolleranza, dell'ipocrisia e dell'odio, perchè Pina è anche lei un unto di God, portatrice "sana" di verità, perchè Pina dice no alla conoscenza e sì alla stupidità... la sua!
      Ciao Mel, baciotti.

      Elimina
  3. Ciao Xavier, come scrissi in un commento precedente sempre sul tuo blog io sono assolutamente pro adozione e pro matrimonio.
    Io capisco quello che dice Pina, nel senso che effettivamente ha ragione quando dice che i bambini sanno essere cattivelli e magari deridono bimbi con genitori dello stesso sesso. la differenza sta nel fatto che il problema non è la sessualità dei genitori, ma il contesto in cui viviamo.
    Io penso che un bimbo non ha bisogno di una donna e di un uomo, ma di genitori che si amino e che amino lui a loro volta, a prescindere dal proprio sesso.
    Qualcuno mi può spiegare come potrebbe essere meglio lasciare un bimbo in mezzo alla strada a fare la fame piuttosto che darlo in adozione ad una famiglia magari omosessuale?
    Poi vorrei anche sapere da quelli che si appellano alla religione (''ma Dio ha creato un uomo ed una donna; ma il matrimonio gay è peccato'', ecc.) se loro però seguono tutti i comandamenti/precetti Cristiani oppure effettuano una scelta tra gli stessi quindi poi magari bestemmiano, rubano, ecc.
    Insomma, vorrei sapere quanto della loro opinione è frutto di preconcetti e quanto è davvero sentito. Io personalmente credo che dovremmo darci una svegliata.
    Ricordatevi che neanche Gesù giudicava, non dovremmo arrogarci noi il diritto di farlo!
    Detto questo, il tema del post mi piace parecchio e mi tocca perché penso siamo in un'era in cui tutti fanno quello che diavolo vogliono però non si è liberi di professare l'amore, bah!E spero che Pina non si senta attaccata, ma effettivamente apriamoli sti occhi, sta mente e forse soprattutto il cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stella, i bambini cattivelli vengono allevati a pane, odio e discriminazione da genitori cattivelli. Io sono stato adottato, ho un padre e una madre e sono sempre stato il bersaglio dei bulli ma non perchè omosessuale (quando vai all'asilo o alle elementari, il "problema" sessualità non è ancora sviluppato) ma perchè sordomuto e quindi "diverso".
      Le persone come Pina sono quelle che insegnano ai loro figli a odiare e discriminare, che si ergono a portatori sani di una verità malata: la loro.
      Qui non si tratta di essere figli di genitori dello stesso sesso oppure no, qui si sta scendendo una china pericolosa che giusto qualche "anno fa" portò un certo Hitler al potere con tutto quello che ne è derivato, qui si tratta di voler stravolgere la Costituzione per favorire determinate persone, e questo non è giusto perchè non devono esistere cittadini di serie A e cittadini di serie B, altrimenti sarà la fine per tutti.

      Elimina
  4. non ho mai commentato sul tuo blog, anche se già mi è capitato di leggere ciò che scrivi, non ne possiedo uno ma AMO leggere parole intelligenti. Oggi però, con lo stomaco rovesciato, ho proprio bisogno di dire alcune cose. Signora Pina,ma lei ha mai capito, nella sua vita che non so se è breve o lunga, ma non importa......quanto è bello ed importante aprire la testa e conoscere, cercando di capire? Se lei, nel 2009, fosse stata a Genova ed avesse partecipato al Gay pryde, forse oggi non parlerebbe così. E' stata una delle giornate più belle, importanti e piene di gioia della mia vita , che è pure lunga( 55 primavere!)Avrebbe ballato, cantato, chiacchierato con mille persone, fatto amicizie, riso, mangiato assieme, parlato, avrebbe aperto la mente per fare entrare coriandoli e d uscire segatura......Io ero con il gruppo della comunità del "Gallo" ( don Andrea, ma forse lei non lo ha conosciuto), se ci fosse stata sicuramente ne sarebbe uscita arricchita.
    A te che scrivi su questo blog - e non alla Pina - un grande grandissimo abbraccio pieno di amore Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, benvenuta nel mio blog, torna pure quando vuoi.

      Il Pride da quello che mi hanno raccontato è un forte momento di condivisione, ho letto in rete alcune notizie su Don Gallo, mi ha dato l'impressione di essere un uomo di chiesa sempre schierato con i più deboli, che diceva sempre quello che pensava.
      Pina non ha mai partecipato ad un Pride (ma neppure io e non perchè non voglio farlo, semplicemente mi sto curando perchè ho la leucemia), Pina è una persona sciocca, che vive di ipocrisia e stereotipi, evidentemente cresciuta in una famiglia finto perbenista, dove conta molto di più l'appparenza che non la sostanza. Non voglio neppure immaginare fin dove potrebbe spingersi a cosa potrebbe arrivare a fare se un giorno scoprisse che suo figlio/a è omosessuale!
      Ricambio con affetto l'abbraccio, a presto e grazie :-)

      Elimina
  5. grazie a te per aver letto le mie parole, avermi ascoltato ed avermi risposto. Il Gallo è una delle persone più belle che abbia messo piede su questa terra, credimi. Il prete degli ultimi, come amava definirsi e non per " posa", ma perchè era vero. Tonaca lisa, sigaro in bocca, prete di strada ma DAVVERO sulla strada. L' ho conosciuto bene, è stato un onore. Il Pryde del 2009, che è stata la festa più bella che Genova abbia mai avuto,l' ho vissuta con lui e con le sue " pecorelle", come ci chiamava. Dai suoi trans di 85 anni, sempre in prima fila alle sue messe e, per l'occasione, vestiti e truccati a festa , le sue prostitute, i suoi barboni, tossici, alcolisti, i suoi ultimi... Non è mai stato retorico, assolutamente, ma vero. Innamorato della vita ed ha saputo trasmettere a tutti questo amore.
    Sono felice di averti TROVATO. Ti ringrazio per ogni tua parola e anche per ogni virgola che scrivi. So che non può servire, ma sappi che il mio pensiero è per te, per la tua malattia, per le cure che fai, per la tua vita, per l'onestà che traspare dai tuoi scritti. Sai, mi vanto di essere una specie di strega e questo me lo dicono pure i miei figli ( sono tre, sparsi in giro per l'Italia, più un meraviglioso nipotino che si chiama Unai, nome in lingua basca che significa " il pastore")!! e da strega so che sono felice di averti trovato, mi si è arricciata la pelle leggendoti! Un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, io sono ateo ma nella mia mente ho l'idea di quello che dovrebbe essere un ministro di Dio, tu lo hai descritto alla perfezione. Ho chiesto a mia nonna se conosceva qualcosa su Don Gallo, mi ha spiegato che pur non avendolo conosciuto personalmente lo ha sempre considerato una persona fuori dagli schemi, straordinaria, che non si riempiva le bocca di paroloni ma lasciava che fossero le sue azioni a parlare per lui, proprio come faceva Madre Teresa di Calcutta.
      Le streghe mi piacciono molto e sarei felice se considerassi questo blog come la tua casa.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Mentre leggevo il post (che non commento perchè tanto so che sai che penso....più o meno lo immagini)... pensavo che ti ammiro per un semplice fatto. Hai fede! Una fede profonda .... per pensare che certa gente possa capire, aprire la mente, farcela ... a guardare oltre il proprio naso! In non ce l'ho questa fede. Oddio, le persone così irreparabilmente ottuse mi demoliscono l'anima e tolgono alla parola (che non esce) ogni forza...ma con chi parli Xavier?
    Baci ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao pinkg, so cosa pensi sull'argomento :-)
      Con chi parlo... con tutti queli che voglio ascoltare, con chi non si chiude ma vuole capire e confrontarsi e non importa se i confronti sono accesi, l'importante e farlo.
      Penso a persone che hanno fatto grandi cose nel mondo, che hanno lasciato un segno e senza di loro l'umanità sarebbe ferma: Martin Luther King, Gandhi, Milk... grandi uomini che non si sono arresi, che hanno portato avanti le loro idee, solo così si può cambiare. Sarà utopia la mia ma sono convinto che prima o poi ci sarà l'inizio di un cambiamento e quando accadrà sarà impossibile fermarlo!
      Baci

      Elimina
  7. Io per pietà preferisco non fare nessun commento, mi aggiungo con tutto il cuore all'atto di Snoopy...datemi un fiore molto grande da tirare con un vaso altrettanto enorme, mi faccio aiutare ma lo lancio..stanne sicuro!
    Bacio speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verrò io ad aiutarti a lanciare il vaso :-)

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut