Followers

31/07/14

Ciao Lorenzo, piccolo grande eroe!

Adesso vi spiego il senso della mia poesia scritta e postata ieri.
So che molti di voi hanno pensato parlasse della guerra fra Israele e Palestina, ma non è così.
La poesia parla sempre di guerra ma di un’altra guerra che si combatte nel cuore del nostro paese, contro una minaccia non tanto invisibile chiamata Ilva che miete un sacco di vittime.
La poesia era dedicata al piccolo Lorenzo...

È morto  Lorenzo Zaratta, di cinque anni, il bimbo di Taranto  a cui fu diagnosticato a soli tre mesi dalla nascita un tumore al cervello.
Suo padre, Mauro, il 17 agosto del 2012 partecipò -  come riporta il Corriere del Mezzogiorno - a una manifestazione contro l’inquinamento nel capoluogo ionico mostrando la foto del figlio intubato.
L’uomo salì sul palco e raccontò il dramma che stava vivendo.
Disse: "Certo, nessuno è in grado di dimostrare il nesso di causalità tra il tumore di Lorenzo e i fumi dell’Ilva, ma la mia famiglia lavorava lì e i miei nonni, mia mamma sono morti di tumore.
Mio suocero anche era all’Ilva e mia moglie, durante la gravidanza, lavorava nel quartiere Tamburi. E tutti sappiamo che da quei camini non esce acqua di colonia, ma gas in grado di modificare il dna e provocare errori genetici come quello di mio figlio".
L'ANNUNCIO SU FACEBOOK - Mauro Zaratta ha annunciato la morte del figlio su Facebook: "Cari amici volevo avvisarvi che Lorenzino ci ha fatto uno scherzetto... ha voluto diventare un angioletto...". Solidarietà alla famiglia è arrivata non solo dagli amici, ma anche dalle tante persone che tramite il web avevano seguito la sua straziante vicenda.

So che anche il conflitto fra Israele e Palestina è importante, sono il primo a dirlo, ma chi si è fermato cinque secondi a pensare a questo bambino e a tutti quelli che come lui stanno morendo grazie all’Ilva?



15 commenti:

°°valeria°° ha detto...

Xavier da mamma mi stringe il cuore e mi sono commossa
da mamma comprendo in silenzio il dolore immenso di questa famiglia
avevo letto di questo caso , ma oggi tu mi hai dato la notizia della morte di Lorenzo
dietro al suo male si nasconde una storia così drammatica
rifletto e mi commuovo
VAleria

Saesa Canta ha detto...

Xavier caro,
stamattina quando ho letto la poesia, non ho pensato alla guerra... mi credi??Ho pensato ad una malattia...la malattia quella che ti logora dentro, che ti fa sperare, ma che poi ti porta via con se....

mi spiace per questo piccolo angelo....adesso non soffre più...magra consolazione...un abbraccio stretto alla famiglia ed uno grande grande a te

Stefyp. ha detto...

Davvero intensa e toccante la poesia che hai postato ieri, quanta tristezza e quanta rabbia smuovono queste notizie, e mi chiedo quante persone...quanti bambini ancora ..... un disastro purtroppo che mieterà vittime per molti anni....Ti lascio un abbraccio, Stefania

Ale ha detto...

Tra le righe avevo intuito qualche cosa.... un pensiero per questo piccolo Angelo volato via.

Nella Crosiglia ha detto...

Ciao piccolo angioletto vola su di noi in pace e un bacio a te, dolce amico Xavier!

Gianna Ferri ha detto...

Tesoro !

Sono addolorata per quest'Angioletto.

MikiMoz ha detto...

Mi dispiace moltissimo...

Moz-

pinkg ha detto...

Non riesco a dire niente...Lorenzo perdonaci. TUTTI

Melinda Santilli ha detto...

Non voglio parlare della poesia, più che altro perchè avevo colto il suo significato sin dall'inizio, ma voglio parlare di Lorenzo.
Morire a 5 anni di tumore è una fine che non si augura a nessuno, è atroce avere la vita davanti e vederla scivolare via perchè persone bastarde e senza cuore come quelli dell'Ilva e come il governo che non fa niente per fermarli giocano sulla pelle dei bambini... e anche delle donne, degli uomini, di persone che non hanno colpe se non quella di essere pedine di un fottuto gioco dove lo scopo è solo fare soldi.
Un abbraccio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Infatti, pensavo a una poesia dedicata all'altra tragedia, ma anche quella dell'Ilva è un genocidio sotto gli occhi di tutti. Nella zona Tamburi, i casi di tumore sono aumentati e ho pubblicato vari post in passato. Io come padre abbraccio i genitori del piccolo Lorenzo e perdere un figlio è un dolore che non si può descrivere.
Saluti a presto.

sinforosa c ha detto...

Ciao Lorenzo e da lassù abbi compassione di noi.

Maura ha detto...

Io ho pensato alla piccola bimba della speranza, Shayma, anch'essa voleva vivere e come il bimbo Lorenzo si era aggrappata alla vita, alla SUA vita...ma per mano d'altri ha dovuto morire.
ASSASSINI, tutti uguali e sprezzanti di rubare vite altrui!

Mariella ha detto...

Caro Xavier. Avevo letto la poesia ma non ero riuscita a trovare le parole per commentarla. Sono molto sensibile al problema dei tumori e alle malattie genetiche che assalgono i bimbi che nascono nelle nostre terre, per motivi personali di cui non parlo mai. Terre condannate da uomini(no, animali) che le hanno distrutte solo per proprio guadagno. E che sembra non avessero considerato il fatto che condannavano anche i loro figli e il loro futuro. Io non riesco a dirti di più ma "terra del fuochi" sta facendo un male infinito ai piccoli fiori che nascono lì. E tra questi c'è un fiorellino che mi sta particolarmente a cuore. Abbraccio Lorenzo che si è trasformato in angelo. E fortissimamente abbraccio la sua famiglia.

Guerisoli Paola ha detto...

Non so' davvero cosa dire........ti si stringe il cuore a leggere queste cose e poi vedere come, chi dovrebbe porvi rimedio,se ne freghi di tutto e di tutti, in nome della poltrona che scaldano.Gli italiani sono un popolo di pecore e di stupidi.Invece di piangerci addosso, e di imprecare al cielo.....si andasse nei palazzi di potere a ribaltare qualche poltrona.....a reagire e dire BASTA a tutto questo.......invece..80€ sono stati sufficienti per comperare il nostro ( in maniera metaforica ) silenzio..........Tantissimi altri Lorenzo ci sono stati, e ci saranno fin che la nostra rabbia la scriviamo sui social network !!!
Riposa in pace e donala anche alla tua famiglia , tenero angelo innocente e perdonaci per non aver saputo difenderti.

Beatris ha detto...

Un bacio al piccolo Lorenzo!
Buona giornata da Beatris