Followers

19/05/14

Una storia sbagliata

grazie a nonna Bea per l’aiuto

 E' una storia da dimenticare 
è una storia da non raccontare
è una storia un pò complicata
è una storia sbagliata.

Cominciò con la luna sul posto
e finì con un fiume d'inchiostro
è una storia un poco scontata
è una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale
storia comune per gente speciale
cos'altro vi serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia di periferia
è una storia da una botta e via
è una storia sconclusionata
una storia sbagliata.

Una spiaggia ai piedi del letto
stazione Termini ai piedi del cuore
una notte un pò concitata
una notte sbagliata.

Notte diversa per gente normale
notte comune per gente speciale
cos'altro ti serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia vestita di nero
è una storia da basso impero
e' una storia mica male insabbiata
è una storia sbagliata.

E' una storia da carabinieri
è una storia per parrucchieri
è una storia un pò sputtanata
o è una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale
storia comune per gente speciale
cos'altro ti serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

Per il segno che c'è rimasto
non ripeterci quanto ti spiace
non ci chiedere più come è andata
tanto lo sai che è una storia sbagliata
tanto lo sai che è una storia sbagliata.


11 commenti:

  1. Ennesima canzone di De Andrè che ha fatto scalpore e ha ricevuto un sacco di critiche perchè parlava di un grandissimo intellettuale e omosessuale del nostro secolo.
    Come sempre, i cattobigotti si fermarono solo sul fatto che Pasolini fosse gay e credettero alla storia di Pelosi: ci sono voluti anni perchè si capisse che Pasolini è stato ucciso dallo stato-mafia e ancora alla sua memoria non è stata resa giustizia.
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stato-mafia si è macchiato di tanti reati ma ancora più colpevoli sono gli omertosi, quelli che sanno e tacciono per codardia.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Sempre nel cuore, PPP! :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Infatti, neanche io credo alla versione ufficiale dei fatti e sono perfettamente d'accordo con la tesi di Melinda.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità sulla morte di Pasolini è come il segreto di Pulcinella, tutti sanno ma nessuno parla.
      Un saluto

      Elimina
  4. " Era una caldissima giornata di luglio. Il Riccetto che doveva farsi la prima comunione e la cresima, s'era alzato già alle cinque; ma mentre scendeva giù per via Donna Olimpia coi calzoni lunghi grigi e la camicetta bianca, piuttosto che un comunicando o un soldato di Gesù pareva un pischello quando se ne va acchittato pei lungoteveri a rimorchiare."
    (PPP "Ragazzi di Vita".)

    Grazie Xavier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima volta che ho letto un libro di pasolini avevo 10 anni, era sul comodino di mia mamma e mi "chiamava" si trattava di Ragazzi di vita.
      Ovvio che ci capì ben poco eppure mi piacque tanto, c'era qualcosa nel suo modo di scrivere che era parte di me.
      Così ho cominciato a voler conoscere tutto quello che lo riguardava e per molto tempo ho davvero odiato chi l'aveva ucciso perchè mi aveva privato della possibilità di continuare a leggere quella persona straordinaria che era Pasolini.
      Un abbraccio
      Xav

      Elimina
  5. Una stupenda canzone, e un uomo..grande intellettuale precursore dei tempi... da non dimenticare...Grazie Xavier per questa tua proposta. Ti lascio un forte abbraccio Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un uomo senza retorica, sempre se stesso senza mai accettare compromessi.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  6. De Andrè non ne ha sbagliata una! Quindi, bella quella che hai scelto :)

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut