Followers

02/05/14

Si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio, si sa che la gente da buoni consigli se...

Khajuraho-Temple of Kamasutra

Questo post nasce da una discussione che è nata in merito a un post scritto dalla mia amica Melinda riguardo lo “scandalo” esploso al liceo Giulio Cesare di Roma per un laboratorio letterario dove ragazzi della quinta ginnasio erano stati invitati (invitati, non costretti) a leggere il romanzo Sei come sei di Melania Mazzucco, riflettere sulla frase di Papa Francesco chi sono io per giudicare in merito all’omosessualità e comporre un saggio.
Da questo post ne sono nati altri due, uno scritto da me sull’indignazione e uno scritto da Antonella che invece si ritiene indignata per la lettura di questo libro che ritiene pornografico.

La mia risposta prende in esame il post di Antonella, che scrive che se uno dei suoi figli andasse al Giulio Cesare lo ritirerebbe a causa di questo laboratorio letterario.
Di seguito troverete alcuni stralci di “capolavori” della letteratura classica, moderna e contemporanea che vengono insegnati nelle scuole perché facenti parte del programma di Letteratura:

*************
Ah da me, in culo, in bocca
lo piglierete!
Tu Aurelio, boccadacazzi,
e tu Furio, rottonelculo….
Che della vostra banda mi credete
perchè scrivo lascivo, decadente!
Il poeta in cui viva è la pietà
avrà anche l’obbligo di verseggiare.
Per scopi edificanti?
Lasciagli grazia e mordacità;
e il suo verso lascivo e spudorato
non dagli implumi solo, ma dai lombi
dei canuti ormai stalattiti
faccia sprizzare l’Eros!
Di tenero in eccesso il fluire
nei versi miei farebbe
meno virile l’autore?
Lo dite voi! Sarete
da me inculimboccati!
(Catullo)

Per un ragazzino un mercante di schiavi mi ha chiesto
centomila sesterzi. Mi sono messo a ridere io, ma Febo
glieli ha dati su due piedi. Il mio cazzo ne soffre,
si lamenta con me, tesse - per farmi invidia - le lodi di Febo.
Ma a Febo il suo cazzo gli ha dato due milioni di sesterzi:
dammeli tu, e comprerò schiavetti ancora più cari.
(Marziale)

Aveva ragione di essere così turbata, mentre Natalie, inebriata e felice all'idea di vedere O aperta da un Altro Uomo oltre Sir Stephen.
Credi che ti entrerà in bocca, O?
Tu non hai visto come ti guardava la bocca. Ah, come sei fortunata ad essere così desiderata!
Certamente ti frusterà: tre volte è ritornato ai segni che dimostrano che sei stata frustata 
(Histoire d’O, pagina 203)

Giuliano Brancacci, verbigrazia, vago di andare alla macchia, una sera in fra l'altre ne' passati giorni, sonata l'Ave Maria della sera, veggendo il tempo tinto, trarre vento, et piovegginare un poco (tutti segni da credere che ogni uccello aspetti), tornato a casa, si cacciò in piedi un paio di scarpette grosse, cinsesi un carnaiuolo, tolse un frugnuolo, una campanella al braccio, et una buona ramata. Passò il ponte alla Carraia, et per la via del Canto de' Mozzi ne venne a Santa Trinita, et entrato in Borgo Santo Appostolo, andò un pezzo serpeggiando per quei chiasci che lo mettono in mezzo; et non trovando uccelli che lo aspettassino, si volse dal vostro battiloro, et sotto la Parte Guelfa attraversò Mercato, et per Calimala Francesca si ridusse sotto il Tetto de' Pisani; dove guardando tritamente tutti quei ripostigli, trovò un tordellino, il quale con la ramata, con il lume, et con la campanella fu fermo da lui, et con arte fu condotto da lui nel fondo del burrone sotto la spelonca, dove alloggiava il Panzano, et quello intrattenendo et trovatogli la vena larga et più volte baciatogliene, gli risquittì dua penne della coda et infine, secondo che gli più dicono, se lo messe nel carnaiuolo di drieto.
(Niccolò Machiavelli, Epistole)

Io non cerco più di capirle le donne. Le chiavo e basta. Si risparmia un bel po' di fatica così. Una donna a scoparla ci impieghi una ventina di minuti. Ma non ti basterebbe una vita a rispondere a tutte le domande che ti poni in quei venti minuti.
(Henry Miller)

Kamasutra

Il vice-console Bandì Fornoski se ne stava completamente nudo nel suo salotto. Sdraiato su un morbido sofà, gli si poteva notare una ottima erezione: vicino a lui c'era Mira, una bruna montenegrina che gli titillava i testicoli. Era nuda anche lei, e un po' inclinata: la posizione metteva in mostra un bel culo paffutello, bruno e vellutato, dalla pelle fine tesa da rompersi. Le natiche erano divise da una lunga fessura ben netta e bruno-pelosa e si vedeva anche il buco proibito, tondo come una pasticca. 
(Apollinaire)

“Bisogna chiavarla, fratello, disse la Dubois, e chiavarla bene; non vedo altro mezzo per convertirla.”
(p. 69, Donatien Alphonse François de Sade)

“Et essa, che con otto uomini forse diecemilia volte giaciuta era, accanto a lui si corcò per pulcella, e feceglile credere che così fosse, e reina con lui lietamente poi più tempo visse. E per ciò si disse: "Bocca basciata non perde ventura, anzi rinnuova come fa la luna.”
(Giovanni Boccaccio)

Guardando la mano di Cora che si abbarbica sul vetro nero della bottiglia con le dita lunghe e bianche, e al fiotto schiumoso che a scosse ripetute e successive, erompe nei bicchieri; non posso fare a meno, dico, di pensare che a quello stesso modo, nella casa di Cora, al momento dell'orgasmo, erompe, dopo una lunga preparazione, il seme maschile.
(da L'attenzione, Bompiani, p. 84)

Io li avevo saziati, ma essi hanno commesso adulterio e tutti corrono a prostituirsi. Sono come stalloni ben pasciuti e focosi, ognuno nitrisce alla moglie del suo vicino.
(Ger 5,7-8)

Può la moglie prendere in bocca il membro virile del marito…
(Bibbia)

Quando il marito penetra nella vagina della sua donna e vi abbia versato dentro il seme, il matrimonio si reputa consumato.
(Bibbia)
*************

Dopo queste letture, il passo della Mazzucco
si inginocchiò e poi con un guizzo fulmineo ficco la testa tra le gambe di Mariani e infilò l'uccello in bocca.
Aveva un  odore penetrante di urina, e un sapore dolce. Mariani lo lasciò fare.
Giose lo inghiottì fino all'ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni
vi sembra pornografico?
A me sembra una normale (anzi direi molto velata visto certi “capolavori” che spopolano sulle bancarelle come Cinquanta sfumature di cazzi, Cento colpi di spazzola prima di prenderlo e altri titoli sui generis) descrizione di una scena di sesso inserita nell’ambito di un romanzo che non parla di sesso ma di un mondo variegato, di storie di vita e spinge a diverse e più ampie riflessioni che non soffermarsi su un rapporto orale.
Per chi non le avesse lette, queste sono state le reazioni dei ragazzi del Giulio Cesare, molto più maturi di tutti quelli che hanno preso i forconi e vogliono bruciare il libro (scusami Antonella, con tutto il bene che ti voglio ma tu sei una di quelli):

Gli studenti delle due classi che hanno letto il libro si sono confrontati in assemblea esponendo idee contrastanti ma non per questo in conflitto. «Non tutti eravamo d’accordo sulla storia dei due padri gay - esordisce una ragazza davanti ai cancelli del liceo - ma queste sono opinioni personali.
Nessuno ci ha obbligati a leggere il libro e non ci siamo soffermati più di tanto sulla pagina incriminata». Un altro studente aggiunge che «semmai è stato istruttivo discutere di famiglie diverse da quelle più tradizionali».
Una lettera degli studenti sarà presto consegnata in Procura a difesa del laboratorio di lettura.
(La Stampa)

Se poi il problema in sé e per sé è la scena di sesso allora mi sento di aprire due discussioni:

1-i ragazzi della mia età, e anche più piccoli, di sesso ne sanno già e non solo in teoria. Alla favola delle api e dei fiori non credono più, il sesso lo conoscono e lo praticano.
Sono allarmanti i dati OMS che dicono che aumentano le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze indesiderate fra adolescenti e preadolescenti.

2-inutile che i cattobigotti negano, quello che li ha fatti incazzare non è la scena di sesso in sé, è che la scena di sesso è omosessuale e che il laboratorio aveva come tema l’omosessualità, fra le altre cose.

Ringrazio Malanova per avermi trovato tre chicche di Pier Paolo Pasolini, per farvi capire che non è vero che il popolo italiano non sa niente di sesso ed è rimasto ai tempi dei roghi e dei forconi.
Antonella, questa conclusione la scrivo per te: io sono un ragazzo, non posso pensare che tu se avessi un figlio lo toglieresti da scuola solo perché in quella scuola si esce dal solito vecchio programma e si cerca di discutere su argomenti attuali.
Da te mi aspettavo l’indignazione per altre cose, molto più serie che non questo romanzo. Posso dire che mi hai deluso?
No?
Lo dico lo stesso, mi hai deluso.



30 commenti:

  1. Ciao Xav, trovo questo post davvero ben scritto e soprattutto azzeccato perchè fa capire bene quanto sia stato inutile creare tutto questo polverone che niente ha a che fare con la letteratura ma tutto ha a che fare con l'omofobia e il fatto che si pensi ancora che i ragazzi di oggi non sappiano niente di sesso e non siano interessati a parlare di argomenti attuali e difficili come l'omofobia, l'inseminazione artificiale, le "famiglia diverse"...
    Ma chissà, forse troppa gente si sente come Gesù nel tempio e vuole fare il morigeratore di turno!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mel più che con l'omofobia questo casino ha a che fare con l'ignoranza, chi si è setito offeso non ha neppure letto fino in fondo il tuo post. Queste persone sono come i personaggi di un testo di Giorgio Gaber, la comune ti cito un pezzo: "meglio la comune che dirci: buongiorno cara dormito bene? Te l'avevo detto che il perequil funziona, ah stasera vengono a cena i Cottinelli, mi fa piacere grazie ancora un pò di caffè"
      Indovina chi sono i Cottinelli :)
      Baciotti

      Elimina
  2. ahah... il passo ella Mazzucco, più che pornografico, mi pare scritto maluccio... Ma non ritiro la mia Solidarietà: in questi casi è d'obbligo, anche se per i miei colleghi italiani contemporanei (salvo rare e meravigliose eccezioni) ho pochissima, davvero pochissima stima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si indigna per un pompino desritto in un libro, quando basterebbe fare un giro nei bagni delle scuole per fare un corso acellerato di educazione sessuale pratica. Mi unisco alla tua Solidarietà!
      Ciao ciao :)

      Elimina
  3. Sono d'accordo con te, ho commentato prima da Antonella. Pur credendo al cento per cento alla sua non omofobia, penso che invece la stragrande maggioranza delle persone si sia scandalizzata per il bocchino frocesco.
    Ma l'Italia è questa.
    La scuola che vorrei io sarebbe proprio tutt'altro tipo di scuola.
    Strizz! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte i deficienti di FN che non hanno un neurone neppure a cercarlo con il lanternino, quello che mi ha lasciato basito è stata l'indigniazione futile di Antonella, si è focalizzata su un finto problema invece di vedere la vera realtà di un sistema scolastico che non va.
      Anch'io vorrei una scuola completamente diversa da quella che c'è adesso, vorrei una scuola aperta a 360°.
      Xav

      Elimina
  4. E come disse Shakespeare “molto rumore per nulla”.
    Il libro della Mazzucco non è altro che uno dei tanti romanzetti che si trovano in libreria, dove se non ci sono almeno un paio di scene di sesso rimangono invenduti.
    Ho letto il post della signora Antonella e francamente non capisco la sua indignazione, mi consenta signora mia ma quando ero giovane le ragazzine tutte “casa e chiesa” come lei erano le più gettonate tra noi ragazzi, di giorno si confessavano e pregavano per i pensieri “impuri” e poi quando nessuno le vedeva si davano ad un altro genere di orazioni.
    Lei si avvolge nella coperta della falsa moralità e del discutibile perbenismo di cui va tanto fiera, e grazie a persone come lei che questo paese soffre di un’arretratezza culturale, morale e sociale.
    L’indignazione deve esserci per un sistema che non funziona, l’insegnamento e la scuola non funzionano, i programmi sono obsoleti, i piani formativi sono scadenti e la maggior parte degli insegnanti e li solo per lo stipendio di fine mese e non per una vera vocazione all’insegnamento.
    Per quanto riguarda le menti “eccelse” di FN (io mi indigno per l’esistenza di un simile partito) sono ancora convinti che per essere “un autentico virile maschio italico” bisogna saper usare bene cazzo e manganello.
    Xavier caro, continua indignarti i giovani come te sono veramente il futuro di questo povero paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marius, è vero molto rumore per nulla e molto ancora se ne farà finchè verranno ignorate le vere problematiche che affliggono l'Italia.
      Un abbraccio

      Elimina
  5. salve
    ho letto con attenzione questo post....ai tempi miei a scuola i "brani osceni" erano letteralmente tagliati , censurati, dalle antologie e dai libri di letteratura.
    Un giorno il mio professore di latino, persona abbastanza aperta, leggendo un brano di cui ricordo poco,disse la parola "cugini", così si chiamavano tra loro i due giovani che ,nei versi latini, gozzovigliavano ad una festa. Io avevo difficoltà a capire questo rapporto parentale. Chiesi al prof. "perchè si chiamano tra loro cugini?" ...metà classe "perchè prof?" lui ci spiegò che era usuale, ai tempi il rapporto omosessuale ,era ufficializzata anche con il chiamarsi...e poi visto che eravamo di maturità ci diede diverse delucidazioni consigliandoci di comprare e leggere le opere originali. Così feci. ERA IL 68-69. Scoprii l'ipocrisia della società nella quale vivevo , non ho mai confessato di aver letto libri "all'indice",di solito ed.feltrinelli (pasolini il mio scrittore preferito) alla domenica seguivo mia madre in chiesa , e mi sono comportata secondo la mia coscienza, le scelte fate riguardavano lo stare bene con me stessa....non mi scandalizzo e lascio libertà di scelta. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok mietta anche tu sei un alieno :)
      Anche nonna Bea mi ha confermato che Pasolini rientrava tra gli scrittori proibiti... VERGOGNA, a questo punto nei libri proibiti ci metto Winnie The Pooh.
      Un abbraccio

      p.s. puoi restare sul mio blog tutto il tempo che vuoi, non ti sfratto :)

      Elimina
    2. bellissimo....hai circa l'età della mia nipotina...
      ti ringrazio per la gentile concessione di ospitarmi nel tuo blog, sai non si smette mai d'imparare e il miglior libro di lettura è "l'essere" nella sua esternazione...tu sei un bel libro...così sto dentro un tempo che vedo sfuggirmi tra le dita....un abbraccio nonna mietta

      Elimina
    3. scordavo...salutami nonna Bea...mi sta simpatica...

      Elimina
    4. Fatto e ricambia i saluti :)

      Elimina
  6. Io come genitore guardo cose ben peggiori nella scuola e non la lettura di un testo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei condividono il tuo pensiero e pure io.
      Un saluto

      Elimina
  7. .....Per tutta la notte s’esala
    l’odore che passa col vento.
    Passa il lume su per la scala;
    brilla al primo piano: s’è spento...
    È l’alba: si chiudono i petali
    un poco gualciti; si cova,
    dentro l’urna molle e segreta,
    non so che felicità nuova."
    Il gelsomino notturno del Pascoli
    Anche qui c'è una scena di sesso, non espressa con linguaggio crudo, delicata, che ben si adatta alle persone di una certa età...Ciò che personalmente mi dà fastidio è la volgarità, ma prima e dopo del Pascoli abbiamo ben visto che in molti hanno avuto modo di esprimersi senza tante mezze parole. Dunque il problema riguarda la pornografia o l'omosessualità? Domanda retorica! C'è da dire anche che se la TV facesse meno can can intorno a certe notizie, forse quel romanzo nessuno, studenti a parte, penserebbero di comprarlo. Penso che sia inutile nascondersi dietro un filo d'erba, un tempo...oggi...nulla è cambiato, gli ormoni sono sempre quelli, una volta tutto era tenuto nascosto, ora se ne parla. I ragazzi fanno quello che abbiamo fatto noi, una scoperta continua che poi diventa consapevolezza, prudenza, precauzione...vero rapporto d'amore e di passione. E più noi li crediamo piccoli e ingenui, più loro ci mangiano la pastasciutta in testa, così ci facciamo anche la figura di ingenui genitori e anche un po' cretini. Riguardo l'omosessualità: ognuno ha il diritto di essere innamorato di chi lo corrisponde, di chi gioisce e soffre assieme, di chi vuol costruire una serena vita in due. Non mi piacciono le effusioni in pubblico, ma per motivi di intima discrezione, omo o etero che sia la coppia.
    Carini i bambini degli anni 60: Gesù che mette il bimbo nella cesta della cicogna. Troppo dolci e....furbetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lettura di questo libro rientrava in un progetto scolastico ben preciso, gli studenti non si sono soffermati sulla scena descritta ma hanno aperto un dibatito molto costruttivo su le nuove famiglie e i tanti tipi di amore che ci sono.
      A far tutto questo casino sono stati i deficienti di FN che fuori dal Liceo "incriminato" con cartelloni e striscioni innegiavano all'omofobia.
      Il mondo va avanti velocemente è tutto un evolversi e inutile come dici tu nascondersi dietro un filo. Le effusioni in pubblico non piacciono neppure a me perchè ritengo che ci siano luoghi più consoni ma se vedo due persone baciarsi per strada che siano etero o omo di certo non li aggredisco verbalmente (anche perchè mi sarebbe imposibile farlo) e neppure fisicamente e di certo non mi indignerei per questo... i bambini degli anni 60 adesso si indignano se leggono la parola pompino... probabilmente ai loro tempi chiamavano l'atto fellatio o come ho letto in libro bocchino... altro che furbetti io direi ipocriti.
      Xav

      Elimina
  8. ciao Xavier
    grazie di essere passato da me,durante la mia assenza.
    Ho letto il tuo post,quello di Melinda e quello di Antonella.
    L'Italia è un bellissimo paese,ma composto principalmente da persone bigotte e false moraliste.
    Siamo mentalmente arretrati, quindi ben vengano libri e articoli che spronano a farci ragionare al di fuori di quegli schemi,che la società ci impone .

    Il tuo post è perfetto,gli esempi che hai citato sono perfetti,ma per la gente ipocrita,questi menzionati da te,sono dei Capolavori...quelli scritti in età moderna,invece sono spazzatura.
    Magari se la Mazzucco,avesse scritto il libro in latino,tutto questo casino non sarebbe avvenuto...^_^
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lu bentornata.
      "Si sa che la gente da buoni consigli se non può più dare cattivo esempio" Bocca di rosa di Fabrizio De Andrè... Per fortuna non siamo tutti ipocriti e falsi moralisti, per fortuna non siamo tutti mentalmente arretrati...
      Sono convinto che l'indignato/a di turno avrebbe trovato da ridire anche se "Sei come sei" fosse stato scritto in sanscrito da God in persona.
      Un abbraccio :)
      Xav

      Elimina
  9. Ricordo, ai miei tempi, "Cioccolata a colazione"
    Tutte noi a leggerlo per cercare d'imparare qualcosa di proibito.
    Ora non ce n'è più bisogno , non ci sono più certe pruderies e ben vengano certe letture e discussioni, se servono a parlare di sesso come di un altro argomento, altrettanto naturale quanto il cibo e la musica.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, ben vengano queste letture che invitano alla discussione!

      Ps: d'ora in poi farai l'opinionista nel mio blog :)

      Elimina
    2. Volentieri, ma cosa significa? :)

      Elimina
  10. ho pensato un po' prima di decidermi di scrivere il mio commento perchè non vorrei essere fraintesa
    penso che il libro della Mazzucco sia scritto male e che questo non abbia nulla a vedere con le discriminazioni
    ho un ragazzo 18 che ama leggere e non mi scandalizzerei se decidesse di scegliere questo libro
    ma non trovo giusto che sia imposto come testo scolastico a ragazzi di 14 anni
    so benissimo cosa accade nei bagni delle scuole...
    rispetto le scelte sessuali di chiunque...e non faccio discriminazioni
    ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che il libro sia scritto bene o male ricade nelle opinioni personali, un libro può piacere come non piacere ed è un dato di fatto, io per esempio non rileggerei mai il Conte di Montecristo nemmeno se dovessero pagarmi oro.
      Allora, la lettura del romanzo non è stata imposta, come raccontano gli stessi ragazzi del Giulio Cesare (leggete l'articolo postato da Melinda, è tutto lì nero su bianco) la lettura del libro faceva parte di un progetto interclasse a cui gli studenti potevano partecipare liberamente e fra l'altro le letture dovevano essere completate a casa durante le vacanze di Natale.
      Inoltre non era la sola lettura, c'erano altri testi e la riflessione di Papa Francesco sull'omosessualità, lo scopo finale era scrivere un saggio breve con le proprie idee in merito.
      Questo non c'entra su cosa può o meno succedere nei bagni delle scuole, che tanto accade lo stesso anche senza tutto questo scandalo e non mi sembra (senza offesa a nessuno) che quando accade molti "adultoidi" se ne preoccupino.

      Il polverone è stato tirato su da tutti quelli di Forza Nuova e da chi li segue (i finti indignati) che si sono fermati a quelle tre righe dove viene descritto questo rapporto sessuale e io dico, prima di giudicare informatevi sul progetto e sentite le parole della Preside che ha parlato con la stampa e i giornalisti, anche perchè i ragazzi avevano il permesso dei genitori, niente è stato fatto alle spalle delle famiglie (e lo so perchè mia madre è una profesoressa, sa bene come ci si deve muovere a scuola).

      Personalmente trovo bella e lodevole questa iniziativa, come quando nella mia scuola hanno proposto per parlare della violenza e della corruzione la lettura del romanzo "Cemento armato".
      Un saluto

      Elimina
    2. grazie di queste tue precisazioni, che danno un altro significato al articolo perchè a me era apparo che fosse stato un obbligo voluto dalla scuola senza avere l'appoggio delle famiglie
      e poi non avevo capito che c'erano altri testi e la riflessione di Papa Francesco, forse avrei dovuto rileggermi per bene l'articolo pubblicato nel post di Antonella perchè in una prima lettura mi era apparso come un obbligo intrapreso dalla scuola
      sono del idea che i testi che vengono dati da leggere hai ragazzi dovrebbero essere inseriti in un programma consegnato agli studenti prima del inizio del anno
      non avevo nemmeno capito che di mezzo ci fosse un partito politico
      troppo spesso mi sento un ignorante, non perchè non abbia studiato, ma i miei studi di scuola superiore non erano legati a licei, con il passare degli anni mi sono pentita spesso delle mie scelte e sopratutto di non aver fatto l'università, perchè di fronte a persone che come te sanno scrivere ed esprimersi così bene mi sento un ignorante
      come vedi ho tante cose da imparare
      ti ringrazio di aver risposto così bene al mio commento
      buona giornata Valeria

      Elimina
    3. Ciao Valeria ti consiglio di leggere questo articolooltre quello postato da Antonella (forse un pò troppo di parte)
      Buon fine settimana
      Xavier

      Elimina
  11. Pensa che le parole di De Andrè (con cui praticamente sono cresciuta io e i miei figli) erano "terra proibita", era tacciato di blasfemia per LP (si chiamavano così) della Buona Novella (su cui mia figlia molto piccola faceva i balletti classici), ma erano tempi passati, però a quanto pare non è cambiato nulla...anche se come sempre è colpa dei media che ormai "gestiscono" la società:
    ps: non conoscevo tutti i brani che hai riportato, grazie ,così ho imparato qualcosa....abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adry, anche nonna Bea conferma che nulla è cambiato da quando era una ragazza, i censori ci sono sempre stati e sempre ci saranno, queste persone vedono il male anche dove non c'è.
      La maggior parte dei brani che ho riportato si studiano a scuola, evidentemente gli indignati oltre che essere ipocriti sono pure dei gran somari.
      Un abbraccio e buon fine settimana

      Elimina
  12. Ciao Xavier, ringrazia Malanova per avere scelto i filmati di PPP, sentire la sua voce, quella di Moravia e Ungaretti e soprattutto le loro parole piene di saggezza mi ha un pò rinfrancato lo spirito.
    Sto seguendo da vicino questa storia e sono sempre più senza parole, si sta alzando un polverone inutile, ci si indigna per tre righe che non sono il fulcro del progetto, si pensa che voi ragazzi siete dei poveri deficienti che non sanno distinguere una mela da una pera e soprattutto anzichè incazzarsi per cose importanti o cercare di risolvere i problemi del paese ora i politici vogliono fare un'interrogazione parlamentare contro il Giulio Cesare.

    Te ne dico una soltanto: gli States, dove ci sono lo stesso tanti problemi, promuovono nelle scuole gruppi di studenti etero/LGBT che si confrontano pacificamente (appoggiati e supervisionati da docenti e insegnanti), promuovono laboratori dove si parla di tutto anche attraverso film e libri (si parla di scienza, di sessualità, di famiglie, di società) e mai, dico mai, si è fatto un polverone così inutile.

    Ecco cosa non fa avanzare il paese, una mentalità fatta di messe domenicali, tortelli, tavole imbandite per natale e perbenismo.
    Un abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mary, Andreotti aveva ragione quando diceva "parlatene bene, parlatene male, l'impotante e che ne parliate". La Mazzucco dovrà ringraziare gli indignati e i censori perchè stanno facendo tanta pubblicità gratuita al suo libro e siccome la maggior parte degli italioti vive di pruderie mai soddisfatte, si precipiteranno a comprare il libro solo per vedere se oltre quelle tre righe di sesso all'acqua di rose ce ne sono altre.
      Un abbraccio

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut