Followers

18/03/14

Vivere adesso

Non ho mai parlato apertamente di me, non con tutti, solo alcuni di voi conoscono la mia storia quasi interamente.
Sia la mia famiglia che la psicologa che mi segue mi hanno sempre incoraggiato ad aprirmi verso gli altri… Come se fosse facile, ma ci provo adesso.

Sono nato da due persone secondo me per sbaglio, totalmente incapaci di prendersi la responsabilità di un bambino, troppo presi da se stessi, prigionieri della droga e tanto altro.
I maltrattamenti li ho subiti e per fortuna chi doveva intervenire lo ha fatto e sono stato dichiarato adottabile ed è stata la mia fortuna perché la mia famiglia mi ama davvero tanto ed io amo loro.
Non si sono lasciati spaventare dal sapere che ero nato sieropositivo e sordomuto, mi hanno circondato di amore, mi hanno aiutato se non a dimenticare almeno in qualche modo venire a patti con quello che avevo subito.

Crescendo mi sono scoperto omosessuale, non è facile credetemi, c’è sempre la paura di essere rifiutati ma così non è stato. La mia famiglia è composta da persone straordinarie, nonostante la vita con tutti noi ha sempre colpito duro, ho perso un fratello per un tumore al cervello, nonna Bea combatte la sua battaglia, il nonno deve scendere a patti ogni giorno contro il senso di colpa per essere sopravvissuto all’Olocausto… per fortuna mia mamma, mio papà e mia sorella sono le nostre ancore, a dire il vero sono tutti delle rocce e io mi affido a loro ad occhi chiusi.
Adesso capite bene perché dico che la sfiga mi ama tanto, non avevamo diritto ad un po’ di tregua anche noi?


Evidentemente no, e allora “accogliamo” anche la leucemia, tanto siamo abituati a combattere e più le avversità si abbattono su di noi tanto più restiamo uniti facendo fronte comune, adesso c’è anche il mio Etienne e io sono pronto ad affrontare questa BASTARDA e anche se ho paura non ho intenzione di mollare, saremo noi a VINCERE LA GUERRA!


Immagino la vita
che scorre
tra le mie mani
come acqua fresca.
Il tempo diventa sangue
e l’animo ferito
attende i giorni oscuri
che arriveranno.
Per riempire le ore
cancello ricordi sbiaditi
mentre le lacrime
si fermano in gola.
Immobile realtà
che inaridisce il cuore,
ora sono in ginocchio
piegato, annichilito,
sospeso in questo
limbo senza tempo…
Eppure io voglio vivere adesso.
(Xavier)


28 commenti:

  1. Ciao bello, è la prima volta che condividi la tua storia in rete e questo gesto è il grande passo avanti di cui spesso abbiamo discusso via mail.
    Bravo, hai fatto bene a parlare di te, perchè non c'è niente di ci vergognarsi (te l'ho sempre detto!), quello che ti è successo nel bene e nel male fa di te la persona splendida che sei adesso!
    Allora, la combattiamo la stronza di leucemia?
    Certo e ci sarò anche io al tuo fianco (seppur virtualmente, ma ti giuro che ci sarò).
    Ti voglio bene :-)

    RispondiElimina
  2. Si percepisce tutto il tuo sgomento caro Xavier... la tua paura cerca di reprimerti... di soffocarti...
    ma percepisco anche tutta la tua forza e la grande voglia di vivere.
    Ora ti senti in ginocchio e annientato, ma presto ti alzerai... Devi crederci che trionferai... Come ci credo io...
    Un fortissimo abbraccio dolce ragazzo

    RispondiElimina
  3. Caro Xavier,
    avevo immaginato che nella tua vita avessi avuto degli ostacoli, ma non pensavo che si fosse accanita così contro....Sei una persona speciale e lo ribadisco....da quando ti seguo e ti leggo, sento che sei una persona davvero molto molto profonda...Ti ammiro molto per aver condiviso questa tua parte di vita con noi...Per quanto riguarda me, non cambia assolutamente nulla....ti vedo, ( metaforicamente parlando ),bellissimo dentro e fuori....La tua famiglia è STRAORDINARIA e ti ama....credo che se un amore è vero e profondo, niente lo puo' scalfire....Sono persone intelligenti e non si fermano davanti a niente...penso siano davvero eccezionali...

    ti abbraccio forte e ti tengo per mano in questo cammino verso la tua battaglia...anzi verso la tua guerra....

    RispondiElimina
  4. La forza per vincere la trovi dalla tua esperienza di vita.
    Molti si lamentano per banalità ed io vorrei far leggere queste storie come la tua.
    Forza Xavier è l'ora di vincere l'ennesima battaglia.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. Che gli Dèi, qualunque cosa essi siano o non siano, aiutino Te e benedicano le meravigliose persone che ti hanno adottato!
    (E, perdonami se aggiungo una cattiveria, che in questi casi ci sta - anche se per esempio mia mamma ha sempre rifiutato simili pensieri anche mentre moriva di tumore al pancreas - imparino una buona volta, questi cavolo di Dèi, a diventare più giusti e selettivi: con tutte le merde che campano cent'anni in ottima salute...)
    Coraggio!
    Un abbraccio enorme e stritolante!

    RispondiElimina
  6. A bocconi mi avevi già raccontato la tua storia. Insomma, di certo la tua vita è costellata anche di momenti poco felici. Per fortuna hai una famiglia tosta, e sei tosto anche tu, si vede.
    Quindi, mi raccomando, armi in pugno e pronto alla battaglia, che sennò mi tocca strizzarti la coda per spronarti! ;)

    P.s. quello in foto sei tu?

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Ciao Xavier, sono capitato per curiosità sul tuo blog (arrivo da quello di Betty). Mi ha colpito molto la tua storia, non tanto per le "sfighe" che ti hanno colpito, ma per averle rese pubbliche. Scusa il linguaggio, ma io scrivo di getto, hai le palle! Oltre a volertelo riconoscere, volevo dirti che invidio chi ti conosce di persona, perchè le persone come te, sono convinto che arricchiscono sempre chi gli sta vicino. Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Con l'aiuto della tua famiglia straordinaria vincerai la "guerra", Xavier.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Beh, Xavier, non ti sei fatto mancare niente. Voglio essere un dissacratore per esorcizzare la sfiga. Stai tranquillo, ce la farai. Perché sono così convinto? Ma perché parli dei tuoi guai col tono del cronista, quindi hai già superato la prima fase, quella meramente emotiva compulsiva che si fotte tutto e impedisce di vederci chiaro.
    Tu sai dove potresti andare a parare e mostri di controllare la sbandata. Buono per te e per chi ti sta vicino. In questo forse e senza forse il tuo silenzio assoluto interno si rivela un amico. Voglio dire che tu non senti i suoni scellerati che sento io, ma ascolti solamente quello che ti suoni da solo dentro la testa, senza disturbi.
    Un respirone profondo, butta fuori l'aria, di nuovo un respirone e vai avanti, Xavier.
    Bel colpo!

    RispondiElimina
  10. @ Saesa- Sono Iron Man, imbattibile :)
    Grazie

    RispondiElimina
  11. @Zio Scriba- Mi dispiace per tua mamma ma sono d'accordo con lei, il male non lo si augura a nessuno, non fosse che per la teoria della reicarnazione tornerebbe indietro centupliclato... no grazie, mi basta la mia di sfiga :)
    Un abbraccio dal tuo nipotino virtuale!

    RispondiElimina
  12. @essereincompresi- Grazie, io non mollo :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. @Alex Leuci- Grazie per le belle parole.
    Torna a commentare quando vuoi!
    Xavier

    RispondiElimina
  14. @Gianna- Grazie, un abbraccio.
    Xavier

    RispondiElimina
  15. @Vincenzo Iacoponi- Grazie, grazie, grazie.
    Un abbraccio :)
    Xavier

    RispondiElimina
  16. Se avessi avuto un figlio ,vorrei che fosse stato proprio come te.Con il tuo cuore e con la tua mente.Uguale in ogni tua parte e ne sarei stata enormemente orgogliosa e fiera.
    Non sei solo,non lo sarai mai, siamo qui i tuoi amici con il nostro calore e il nostro affetto.
    Ti vogliamo un bene enorme io e Marco.
    Siamo con te.
    TVB !!

    RispondiElimina
  17. Caro Xavier, come sai non sono a casa, ieri per caso ho aperto il blog e...è da ieri che cerco le parole per dirti il mio sgomento...ma non ci sono parole...c'è solo il silenzio,la vicinanza e l'abbraccio silenziosi. Ho il privilegio di essere tua amica di conoscere la tua storia e le tue guerre e sono certa che anche questa volta la tua forza e l'amore delle tua famiglia vinceranno su un destino che si sta accanendo su di voi. Io ci sono Xavier, se hai voglia di sfogarti, di parlare, di urlare la tua rabbia, di prendere a pugni con le parole un'amica...lo sai, sono qui.
    Un grande e affettuoso abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  18. Ciao Xavier,
    oggi Antonella mi ha informata sulla tua situazione quindi mi sono permessa di chiederle il link del post, visto che non ci seguiamo più, per dirti che mi space molto per quello che ti sta capitato.
    Fatti forza e affronta questo nuovo ostacolo, so che puoi farlo perchè sei una persona combattiva e perchè hai una famiglia che ti ama molto, degli amici che ci tengono a te e un grande amore. Quando le battaglie si combattono con gli altri è più facile superare tutto. Può anche non pubblicare questo commento era solo per dirti di mettercela tutta e andare avanti.

    RispondiElimina
  19. ciao
    la guerra, la battaglia la vincerai insieme alla tua bella famiglia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Sto leggendo tutto su di te e più leggo e più ti stimo e ti voglio bene!

    RispondiElimina
  21. Grazie a tutti voi.
    Vi abbraccio :)
    Xavier

    RispondiElimina
  22. Dentro il mio silenzio voglio dirti che sei un ragazzo fantastico con grande forza e determinazione.
    Ti stringo forte e pregherò per te!
    Beatris

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut