Followers

28/11/13

Quando l'amore fa male

Amare significa non dover mai dire mi dispiace.
Mi dispiace non vuole dire “chiedere scusa se si è commesso un errore” ma vuol dire “mi dispiace perché ti ho deluso, perché mi hai ferito”.
Dunque sì, sono arrivato a citare questa frase di Love Story perchè ho deciso di scrivere una riflessione sull’amore. Come sapete, ho un ragazzo che mi rende felice, mi ama e che io amo con tutto me stesso: sento che insieme stiamo costruendo qualcosa e per questo sono arrivato al punto di voler pensare un po’ sull’amore e il senso dell’amare.


Per farlo ho scelto come termine di paragone la coppia cinematografica (benedetti sottitoli!) che più conosco meglio, ovvero Brian e Justin della serie Queer as Folk USA.
La loro storia secondo me è la non storia per eccellenza: si comincia male, anzi direi malissimo, con una notte di sesso.
Brian ha 29 anni, Justin ne ha 17 (se avessi fatto io una cosa del genere, andare a letto con una persona che non conosco e ha 13 anni più di me, mia madre mi avrebbe trasformato nel monaco di Monza gettando la chiave nei ghiacciai eterni).
Trascorsa la notte, Justin torna da Brian e gli chiede perché non vuole che lui sia il suo ragazzo; Brian mette subito le cose in chiaro e risponde:
Justin, ti ho già avuto, quello che è successo ieri sera era divertimento. Tu volevi me, io volevo te, niente di più… Io non credo e queste idiozie dell’amore, io credo nelle scopate: sono oneste ed efficienti, ne entri e ne esci con il massimo del piacere e il minimo di stronzate.
L’amore è una cosa per gli etero, se la raccontano per finire a letto, poi finiscono col farsi male a vicenda perché erano tutte bugie fin dall’inizio.
Ma Justin replica:
Non è questo che voglio, io voglio te.
E Brian gli dice ancora:
Non puoi avermi, sono vecchio, sei troppo piccolo per me: tu hai diciassette anni, io ventotto.
Come puntualizza Justin:
Ventinove.
E giustamente Brian ribadisce:
Giusto, ventinove, a maggior ragione…


Justin decide a questo punto di idealizzare Brian, decide che dovrà averlo a tutti i costi (quasi fosse un capriccio degno di Rossella O'Hara) e l’amore tra i due non sarà amore, sarà quello che in psicologia si chiama amore distruttivo.
Brian d'altra parte è terrorizzato all'idea di avere una relazione, l’orgoglio è il suo più grande difetto, la sua maturità emotiva e psicologica è stata compromessa dai maltrattamenti paterni e materni subiti durante l'infanzia e l'adolescenza, usa il sesso per non doversi confrontare con i suoi sentimenti, per difendersi e per non soffrire.
Il risultato è un cocktail esplosivo: cinque anni di tradimenti, incomprensioni, ferimenti, prendersi e lasciarsi, orgoglio, dolore, recriminazioni che mettono la parola fine su questo non amore.

Gli amori da Mulino Bianco, lo sappiamo bene, esistono solo nei film, nella vita reale anche il rapporto più promettente e riuscito deve confrontarsi prima o poi con crisi, conflitti e comprensioni.
La risposta è che gli amori patologici hanno delle caratteristiche ben precise che li differenziano dagli amori sani.
L’amore quello sano ha una funzione riparativa e terapeutica: chi vive un rapporto di coppia appagante si sente più sereno e sicuro di sé, ha più energia, lavora meglio.
Al contrario un rapporto patologico influisce pesantemente sul benessere psicologico e sull’autostima: chi vive un amore malato sta male, diventa insicuro e depresso e spesso si concentra ossessivamente sul rapporto a scapito del lavoro e della vita quotidiana.
Ma sebbene il rapporto provochi più sofferenza che gioia, chi ne è coinvolto non riesce (e spesso non vuole) rinunciare a quello che considera un grande amore.
Anzi, più il partner si dimostra distaccato e indifferente (se non in molti casi maltrattante), più ci innamora e si raddoppiano gli sforzi per conquistarlo, negando la sua evidente mancanza di coinvolgimento e giustificando plateali mancanze di rispetto.
Infatti un'altra caratteristica del rapporto patologico è che è un rapporto vissuto più nella fantasia che nella realtà. In altre parole la relazione non è valutata per quello che dà effettivamente ma per quello che potrebbe dare se si verificassero certe condizioni (per esempio se lui lasciasse la moglie, superasse la fobia dell’impegno, ecc).
I momenti felici sono pochi, si vive nell’attesa che qualcosa succeda e che il partner cambi: spesso chi è coinvolto in una relazione patologica è più attratto dal potenziale del partner che della persona reale che ha davanti. Raramente il partner viene visto per quello che è, a volte viene messo su un piedistallo e idealizzato, più spesso si sta con lui, sperando di cambiarlo grazie all’amore incondizionato.
Un’altra componente dei rapporti patologici è l’ambivalenza affettiva. L’ambivalenza (ovvero la coesistenza di sentimenti positivi e negativi verso la stessa persona) è una caratteristica di tutte le relazioni umane ma negli amori malati l’ambivalenza è particolarmente accentuata.
Dopo tanti anni il rapporto malato non cresce ma rimane bloccato nello stesso punto (per esempio non si riesce a decidere di stare insieme seriamente, si alternano periodi di grande intesa a periodi di estrema freddezza) oppure il rapporto si logora lentamente fino a morire di morte naturale.
(italiasalute.it)


Dopo aver letto questo testo, dopo aver riflettuto, pensato e ripensato come sempre sono solito fare, ho raggiunto una conclusione: per fortuna quello fra me e Etienne non è questo genere d’amore.
Tutti e due sappiamo cosa vogliamo, condividiamo valori, idee, progetti, abbiamo due famiglie che ci amano e ci sostengono (anche se mio padre la prima volta che ha conosciuto Etienne l’ha squadrato molto severamente e gli ha detto ti tengo d’occhio, ragazzo mio, ma ora gli vuole un gran bene!) e soprattutto nessuno dei due ha idealizzato l’altro: sappiamo bene quali sono i nostri limiti e i nostri difetti, non cerchiamo di essere chi non siamo.

Ma quanti amori non sono così?
Allora perché si ama?
Ho raggiunto una conclusione: se amiamo egoisticamente, per la nostra sola felicità, allora non sarà mai un amore sano e costruttivo. Per amare ci vuole tanto altruismo, pazienza e rispetto, per non arrivare come scrive Vecchioni in una sua canzone:
amore mio che prendo come scusa molto abile, amore mentalmente fatto a pezzi rimontabili, amore non è vero, amore t'amo, amore ascoltami...
Quante volte ti volevo dire, sai: "se non ci fossi tu...", poi non l'ho detto mai. 




Rimani qui, scende la sera 
sopra di noi, si poserà 
e aspetteremo così, la primavera 
solo se vuoi, ci troverà.
Mi perdo dentro ai tuoi occhi 

che sorridono, ma ora so...

E' amore impossibile quello che mi chiedi 
sentire cio' che tu sola senti 
e vedere cio' che vedi.
Chiudere la realtà, dentro la tua isola 
ma non perdere la voglia di volare 
perchè l'amore è amore impossibile 
quando non riesce a inseguire è irraggiungibile 
Senso di libertà, oltre le stelle e il cielo 
che è nascosto sul fondo dell'anima.



Rimani qui, non sei da sola 

se partirai, ti seguirò 
e ce ne andremo così senza paura 
tempo per noi, si troverà 
mi perdo, dentro ai tuoi sogni 
che mi avvolgono, ma ora so...

E' amore impossibile quello che mi chiedi... 
sentire cio' che tu sola senti 
e vedere cio' che vedi. 
Chiudere la realtà dentro la tua isola 
ma non perdere la voglia di volare 
perchè l'amore è amore impossibile 
quando non riesce a inseguire è irraggiungibile 
Senso di libertà oltre le stelle e il cielo 
che è nascosto sul fondo dell'anima.



Chiudere la realtà, dentro la tua isola 

ma non perdere la voglia di volare 
perchè l'amore è amore impossibile 
quando non riesce a inseguire è irraggiungibile 
senso di libertà, oltre le stelle e il cielo 
che è nascosto sul fondo dell'anima 
che è nascosto sul fondo dell'anima 
che è nascosto sul fondo dell'anima 
che è nascosto sul fondo dell'anima...

40 commenti:

  1. quanti ne ho visti di amori patologici o distruttivi .....penso che nella vita di coppia si passino fasi.....a volte alte in senso di positività e a volte di stasi perchè problemi da affrontare a volte ti sommergono ....è brava quella coppia che in mezzo al caos riesce ad alimentare constantemente l'amore ...che per me vuol dire dare tutto di se ...a volte ci si dimentica perchè abbiamo sposato o deciso di convivere (è uguale) l'altro ....ma dobbiamo mettere in primo piano che la coppia prima di essere uomo o donna ..madre o padre ...figlio o figlia ...è una coppia ....e per far questo dobbiamo semplicemente vivere ogni giorno l'emozione che proviamo quando diamo tutti noi stessi all'altro .....una buona giornata xavier ..un'abbraccio

    RispondiElimina
  2. L'amore non prevede l' egoismo e la mancanza di rispetto.

    Voi siete una bella coppia, perchè consapevoli di un vero rapporto affettivo.

    P.S. il responso del gatto ora c'è.

    Abbraccio....

    RispondiElimina
  3. Ciao Xavier, conosco bene la dinamica che descrivi perchè ci sono passata: una delle mie ex credeva in un rapporto idealizzato, non riusciva a maturare e alla fine era diventata una storia talmente problematica che ho dovuto troncare di netto.
    Secondo me l'amore distruttivo/patologico nasce quando una persona non ha risolto traumi legati all'infanzia oppure quando è immatura per avere un vero rapporto, in ogni caso è molto deleterio e ala fine fa male a entrambe le parti.
    Sono molto contenta che invece fra te e Etienne vada tutto bene, ma d'altra parte siete due ragazzi molto maturi, non potevo aspettarmi altro!
    Grazie per la canzone, era una vita che non l'ascoltavo,
    tanti baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per la negativa esperienza, ti auguro di trovare un amore davvero GRANDE!
      un saluto :)

      Elimina
  4. Meraviglioso Post! Ah l'amore...quanto fa soffrire...
    Per amare ci vuole forza, coraggio, pazienza, dolcezza e un pizzico di fantasia!
    E' vero amore quando entri nella sfera più intima e profonda dell'altro, tanto da sentire la sua anima vibrare!
    L'amore è un insieme di emozioni condivise!
    L'amore è quando non puoi farne a meno dell'altro e non vivi se non vedi il suo viso sorridere!
    L'amore è un tutt'uno!
    Come vedi condivido pienamente i tuoi pensieri sull'amore!
    Un forte abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beatris, è bello amare con generosità!
      un abbraccio e buona giornata anche a te :)

      Elimina
  5. Ho letto con molto interesse questo articolo, la serie televisiva che citi m'ispira...

    In ogni caso non sono pienamente d'accordo con questa tua conclusione:
    "Ho raggiunto una conclusione: se amiamo egoisticamente, per la nostra sola felicità, allora non sarà mai un amore sano e costruttivo. Per amare ci vuole tanto altruismo, pazienza e rispetto, per non arrivare come scrive...."...
    sono d'accordo in parte e in parte no, per amare ci vuole egoisticamente, bisogna principalmente pensare alla nostra felicità, nel senso cosa realmente ci rende felici, cosa vogliamo e che obbiettivi abbiamo... e la persona "amata" dev'essere sulla stessa lunghezza d'onda, poi indubbiamente ci sono delle situazioni in cui bisogna essere altruisti, venirsi incontro ecc.... ma se ci si innamora di una persona troppo diversa, con obbiettivi diversi, l'amore si trasforma in quello descritto dell'articolo come "amore patologico" perchè sei si innamorato, ma sei sempre alla ricerca di quel qualcosa di diverso, in più, ecc...
    Questo è quello che penso io...sulla mia esperienza personale chiarmente...magari cambierò idea... per il momento credo di essere immersa nell'amore patologico... ma sento che mi sto ribellando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo d'accordo con te finchè dici che non bisogna "scegliere" (ben ricordando che in amore non si sceglie nulla, l'amore accade e basta" persone troppo diverse ma quando dico diverso intendo in prospettive e ideali: ad esempio volere i figli, il matrimonio...
      Non condivido l'idea di anteporre la propria felicità a quella del partner: è ovvio che in primis tutti pensiamo anche alla nostra felicità (eccetto appunto quelli malati di amore patologico) ma io non potrei mai essere felice e accontentarmi se so che la mia felicità non è condivisa dal mio ragazzo: piuttosto per la sua felicità e il suo bene sarei anche disposto a chiudere il rapporto.
      Il problema dell'amore patologico, tra le altre cose, è proprio l'egoismo.
      Un saluto

      Elimina
    2. Bene praticamente diciamo la stessa cosa allora :D
      solo che io mi spiego un pò peggio ... eheh =)

      Elimina
    3. Concordo con la risposta che ti e' stata data da Xavier.L'amore accade e basta, ci si innamora senza che lo si desideri,ma poi resta a noi la capacita' di far crescere rigoglioso e forte il sentimento " vero" dell'amore.E comunque il segreto dei grandi amori, quelli che sfidano il tempo e gli accadimenti e' fatto di generosita', altruismo e fiducia tanta fiducia !!!

      Elimina
    4. Avete ragione entrambi... mi sono spiegata male forse... l'amore si accade e basta... e ogni storia che si ha serve per qualcosa in ogni caso... quello che intendo è che a volte magari la persona non è giusta per noi e per quanto ci si sforzi di far crescer il sentimento, si da generosità ecc... si soffre comunque... quello che intendo sul fatto "egoistico" è più che altro sapere cosa si vuole e all'inizio...se s'incontra una persona che di base non ha gli stessi obbiettivi lasciar perdere... magari prima che il sentimento si trasformi in amore... cioè io ho una storia di 4.5 in cui ci ho messo e ci sto mettendo tutto.... anche se non funziona benissimo... dico solo che probabilmente se mi ritrovassi a riniziare con qualcun'altro e vedo che non va... non investirei altri tot anni sperando che cambi che migliori questo o quest'altro, ma sceglierei qualcuno con i miei obbiettivi e ideali per costruire qualcosa di concreto... non sò se è più chiaro così...

      Elimina
    5. Sì molto chiaro :)
      Un abbraccio e buon fine settimana!

      Elimina
  6. Ciao Xavier,
    per prima cosa voglio sempre di più vedere questo telefilm, spero di trovare del tempo per farlo, in questo periodo sono super incasinata.
    Poi concordo con la tua riflessione, per amare serve altruismo, pazienza e rispetto. Purtroppo conosco tante donne che vivono amori malati e sbagliati, che portano all'annullamento di se stessi. Questa di solito è una cosa che succede di più alla donna ma ovviamente gli uomini non ne sono esenti.
    Stupenda la canzone dei Tiromancino poi lui è gentilissimo. Io sono una sua fan e un giorno per caso ho avuto la fortuna di incontrarlo con la Gerini *.*
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, trova il tempo ma sta tranquilla che le puntate non scappano da youtube.
      Fidati, non sono solo le donne ad amare di amori sbagliati: ti parlo come ragazzo, anche i maschi amano spesso in modo sbagliato e si va relazioni che fanno soffrire a cose atroci come il femminicidio.
      Sono convinto che chi ama in modo sbagliato è perchè psicologicamente ha subito dei grossi traumi o perchè comunque è immaturo dal punto di vista emotivo e non c'è cura, purtroppo.
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Sì, sono d'accordo: l'amore tra due persone deve essere onesto, di base.
    Solo così andrà avanti.
    Quello nato sbagliato, magari solo nei telefilm va a lieto fine: nella realtà muore sbagliato, o si trascina (sbagliato) per secoli, facendo molto male.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz, sono d'accordo e ultimamente nemmeno nei telefil l'amore sbagliato finisce bene: vedi Queer as Folk Usa o quello che piace tanto a mia mamma, un certo Grey's Anatomy.

      Elimina
    2. Ormai anche i telefilm si fanno disillusi.
      Solo io sono lo stronzo che ci spera sempre! XD

      La prossima deve venire a cercami, altrimenti non ci sarò per nessuno :p

      Moz-

      Elimina
  8. Allargherei il discorso alle relazioni in generale. Una relazione positiva è una relazione che ti fa star meglio di come staresti se non ci fosse. Parlo ovviamente di benessere "vero", non di auto-convincimento.
    L'amore ha ovviamente un effetto amplificato, perché per ovvi motivi nell'amore ti metti più in gioco che in altre relazioni e quindi può farti stare molto meglio o molto peggio.

    E sappi che, nonostante tutte le precauzioni, spesso si sbaglia. E sbagliare fa bene perché aiuta a crescere e avvicinarsi sempre più all'amore della propria vita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho detto che in amore non si può sbagliare, ho detto però che l'amore può diventare pericoloso.
      Attrazione fatale insegna, e non solo... poi per me se per altre relazioni intendi storie di letto allora sono d'accordo nel dire che solo in amore ti metti in gioco, ma se condiseri anche l'amicizia allora dovremmo rivedere il discorso perchè anche in amicizia ti metti in gioco, spesso più che in amore.
      Io e Etienne abbiamo iniziato così, eravamo solo amici e l'amicizia è rimasto un caposaldo del nostro rapporto.
      Comunque il benessere si deve estendere a tutte e due le parti della coppia, non solo a una.
      Un saluto

      ps: al momento l'amore della mia vita l'ho trovato, è appunto Etienne e stiamo facendo grandi progetti insieme!

      Elimina
  9. ciao, io resto stupita sempre dalla tua saggezza e capacita di analisi, se non sapessi che sei un ragazzo giovanissimo penserei che questo e altri post li abbia scritti una persona molto ma molto + vecchi di te, manco io sono cosi saggia ;-) condivido cio' che dici , io ci sono arrivata però dopo sbagli o illusioni , è per questo che dico che sei saggio. ti ammiro e ti auguro ogni bene a te e ad Etienne (che bel nome!) ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'ho detto fiore, ho 900 anni come Yoda!
      E' che mi piace riflettere, pensare e farmi sempre un'idea prima di scrivere qualcosa: mio nonno mi dice sempre che sono nato vecchio con la testa, ma meglio così.
      Un abbraccio, porterò i tuoi saluti al mio Etienne

      Elimina
  10. La parte inerente l'amore patologico mi ha ricordato in un certo senso la canzone TEOREMA " prendi una donna trattala male , lascia che ti aspetti per ore .... e stai sicuro che ti amerà", bè in un certo senso sono d'accordo, seppur in maniera meno incisiva, per un anno sono stata dietro al principe, dannato e sfuggente e più lui si negava più io lo desideravo. Ora però posso dirti che ci amiamo alla follia e come te e il tuo ragazzo conosciamo i nostri limiti e condividiamo gli stessi ideali e valori, siamo complici e uniti più che mai. Scusa mi sono dilungata troppo
    Un abbraccio sincero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a leggere il testo di questa canzone, è tutto un programma, meno male che l'ultima strofa chiarisce le cose: no caro amico non sono d'accordo, parli da uomo ferito, pezzo di pane lei (ma anche lui) se n'è andata e tu non hai resitito
      Non esistono leggi in amore, basta essere quello che sei, lascia aperta la porta del cuore vedrai che una donna (e io dico, anche un uomo) è già in cerca di te.
      p.s.: non ti sei dilungata per niente!

      Elimina
  11. " L'amore significa pena e angoscia, estasi, vergogna, paradiso ed inferno; significa vivere intensamente e noia indicibile; significa libertà e schiavitù; significa pace e tormento.
    ( Maugham )

    L'amore è una passione e come tutte le passioni non ha regole.

    Sono felice, Xavier che tu abbia incontrato il tuo amore dolce e grande. Un bacione e un abbraccio a te ed a Etienne.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia una passione sono d'accordo, ma le regole dobbiamo darle noi o almeno provarci!
      Io e Etienne abbiamo fissato alcune regole: il rispetto reciproco, l'amicizia, il parlarsi e chiarire sempre tutto, poi giorno per giorno scopriamo qualcosa di nuovo e costruiamo qualcosa di nuovo.
      Un abbraccio :)

      Elimina
    2. Ciao Xavier certo, intendevo proprio questo ognuno da all'amore le sue regole in primis il rispetto, poi l'amicizia, la complicità...insomma non esistono ingredienti universali ogni coppia dovrebbe avere la sua ricetta per l'amore.

      Ciao, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  12. Avevo fatto una ricerca su questo argomento : sulla coppia perversa e sull'amore sbagliato, l'ho fatta perchè ci sto ancora in qualche modo dentro, nel senso che il mio matrimonio (una storia d'amore che io credevo eterno proprio perchè avevamo tutte le prerogative per esserlo e anche due figli) è finito alla tenera età di 30 anni perchè lui ha creato la sua storia perversa con una di 20 anni di meno.
    Storia che dura, tra lasciarsi e prendersi da ormai 10 anni, tra la sofferenza di tutti perchè non c'è mai stata una vera scelta.
    Patetico vero?
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriana mi dispiace davvero molto, non penso affatto che tu sia patetica, nessuno che soffre lo è.
      Spero tanto che tu riesca a lasciarti dietro le spalle questo amore che ti fa male.
      Un abbraccio

      Elimina
  13. Per me l’amore è essere un tutt’uno… non esistono divisioni, ma solo il condividere, l’amare senza riserve e dire sempre al nostro/a compagno/a quanto l’amiamo.
    Anche se si sa, è importante e bello sentirselo dire.
    Penso che l’amore con il tempo cambi…. all’inizio c’è il fuoco, l’ardore, poi con il passare degli anni tutto tramuta, l’amore si evolve in altro sentimento più profondo, un conoscersi appieno, è come essere uno nella mente dell’altra, appartenersi fino ad assomigliarsi anche negli atteggiamenti, nei pensieri e persino nella mimica facciale…
    L’egoismo invece porta solo alla rottura di qualsiasi rapporto, che sia amore amicizia o altro.
    Bellissimo post, un forte abbraccio Xavier, e un augurio di cuore, che il tuo amore cresca e maturi ogni giorno di più :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Betty per i tuoi auguri, sì spero che l'amore con Etienne diventi sempre più forte, vorrei trovarmi vecchietto con lui vicino esattamente come i miei nonni, i suoi nonni, i nostri genitori...
      Come te e Mauro (okay, non vi sto dando dei vecchietti... quasi!)
      Un abbraccio

      Elimina
  14. Amare, come tutte le cose e' una cosa che si deve imparare, o meglio si deve imparare come gestirla.Innamorarsi e' un'istinto innato, che nasce quando ti trovi davanti qualcuno che ha in se' tutte le caratteristiche che " pensi" siano necessarie per te.E qui viene a galla.l'ancestrale istinto naturale degli animali, che pone davanti a tutto la riproduzione della specie.Innamorarsi e' la cosa piu' sconvolgente che ci possa accadere,la cosa piu' bella e profonda che si possa provare.Ma AMARE e' tutta un'altra cosa.La stragrande maggioranza delle relazioni finisce quando finisce la fase di innamoramento, quando come diceva la mia mamma ...ti togli le fette di prosciutto dagli occhi.Quando una mattina, magari in vacanza ti svegli e guardi sconvolta l'estraneo che dorme con te...e ti chiedi..ma chi e' costui?Nella vita gli sbagli si pagano ,ma creano un bagaglio di esperienze a cui dovremmo attingere,quando incontriamo la stessa situazione,ma nel gioco dell'amore non sempre e' possibile.Amare per quello che la mia esperienza mi ha insegnato, e' sopratutto fiducia,rispetto, dare senza aspettarsi di ricevere,lasciare lo spazio a chi hai a fianco.Perche' prima di incontrarci si era 2 persone distinte, con abitudini ,difetti e pregi diversi.Mai cercare di cambiare l'altro, e' sbagliatissimo.Si dice -ti amo- troppo in fretta, troppo facilmente senza quasi pensarci,forse perche' sono una romantica, ma per me sono le 2 parole piu' preziose che si possano dire ad un'altra persona.Ma dire ti amo non e' tutto, e' saperlo dimostrare nelle piccole cose di tutti i giorni, nel sape affrontare insieme le gioie e i dolori, le discussioni e le risate.E' sapere che hai a fianco una persona che ha dentro di se' un'intero universo che devi ancora scoprire, che potrebbe anche non trovarti in sintonia,ma che non per questo mini il tuo affetto.Non sai quanto ami una persona ,finche' non ne conosci anche i lati piu' spigolosi, ma sopratutto sai di amarla veramente, quando daresti la tua vita per salvare la sua.Io ho nel cuore una persona cosi', per cui sacrificherei la mia di vita, per regalarla a lui.Amare e' accettarsi al 100% nel bene e nel male,in salute e in malattia, in ricche e in poverta'.Non come accade adesso che vedi coppie che si separano solo perche' non sanno trovarsi d'accordo su dove andare in vacanza!!
    Ti ho raccontato di Marco, e della sua malattia, ma questa non ci ha divisi, anzi, ci ha uniti.Lui ha lottato nel cercare di allontanarmi, per non soffrire ,come altre hanno fatto con lui, lasciato solo dopo che scoprivano i lati duri e dolorosi della sua malattia.Io non sono una santa ne' una martire, ma forse una persona matura, che sa' affrontare la vita e le difficolta',Amare ,mi hanno insegnato i miei genitori, si costriusce ogni giorno,anche sulle macerie del giorno prima,piu' forte e sicuro del precedente.I miei genitori sono stati un' esempio di tutto cio',insieme hanno vissuto per 50 anni e ora insieme riposano vicini per sempre.
    Un abbraccio Xavier e abbraccia anche Etienne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola,
      l'esempio dei tuoi genitori è come quello dei miei nonni, uniti sempre nel bene, nel male, litigi, dolori, gioie. Non si sono mai lasciati la mano.
      Anche per me dire ti amo, così come per Etienne, non è stato immediato e facile perchè diamo molta importanza alle parole.
      Ci siamo presi il nostro tempo, senza forzarci e anche adesso non pigiamo sull'acceleratore: i nostri amici ci dicono che siamo troppo giovani per un rapporto così impegnativo ma noi non siamo di questo avviso.
      Vogliamo costruire qualcosa che duri negli anni, che diventi sempre più forte e che sia autentico: insomma vogliamo crescere insieme (come avete fatto tu e Marco).
      Il futuro non va mai ipotecato, ma lo si può costruire tutti i giorni.
      Un abbraccio a te e a Marco

      Elimina
  15. Gran bel post Chat noir mio, anche se trattare dell'argomento"amore " è una delle cose più difficili del mondo.
    Perchè? Perchè spesso tutto quello che si pensa, si dice, viene sconvolto da un colpo di spugna che ti fa cambiare completamente idea.
    Le scelte si ribaltano, le tue sicurezze vacillano, poi raddoppiano, arriva la complicità, la partecipazione e..si..orrore..anche i compromessi!
    Non vuol dire questo che ognuno fa quello che vuole , ma mettere nel cestino quello che piace alla coppia e tirare su quello che va bene a tutti e due.
    Bisogna conoscersi, toccarsi, patologicamente può anche succedere, ma si tende ad idealizzare il partner come lo vorresti non come è in realtà..
    Chissà l'amore dove vola, dove sarà ora...
    Bellissima la canzone di Vecchioni, cantautore che adoro da sempre!
    Bacio amoroso caro gattino nero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto è proprio questo, non idealizzare l'altro.
      Io non ho mai nascosto i miei difetti ed Etienne ha fatto lo stesso.
      Ad esempio, se sono arrabbiato lui sa che per almeno un'ora non deve gesticolarmi davanti perchè ho bisogno di sbollire; io so che lui ha bisogno dei suoi spazi e che sta per i fatti suoi non vuol dire che mi sta ignorando ma che deve pensare.
      Quindi ci veniamo incontro e non li chiamo compromessi, ma rispetto.
      Un abbraccio grande grande Nellina mia!

      Elimina
  16. Io credo che per una coppia sia importante avere obbiettivi comuni. E a questa, forse banale e semplice, conclusione sono passata attraverso storie assolutamente distruttive in cui finivo sempre per mettere al primo posto i desideri di lui e mi dimenticavo di quello che volevo. Poi grazie al cielo mi è stato fatto dono di quel ragazzo meraviglioso che ho al mio fianco e ho capito cosa significasse essere amati davvero. Tutti i problemi che ho avuto in passato, dove ero sempre in ansia che l'altra persona scappasse, dove non sapevo mai come esprimere i miei sentimenti senza fargli paura, sono svaniti.
    Credo che sia quando trovi quella persona giusta per te che ha i tuoi stessi desideri e che si impegna davvero con te.
    Come dici tu è necessario che tutti e due guardino nella stessa direzione. Ci sta essere diversi ma se uno vuole una cosa totalmente diversa dall'altro la cosa non può funzionare.
    Mi trovo d'accordo quando dici che un amore egoista non può essere costruttivo. Io penso che in una coppia sia importante mantenere l'io, il tu e il noi. Non bisogna annullarsi per l'altro come dicevo prima, ma è vero che se ami una persona fai dei "sacrifici" dei compromessi per farlo felice. Tutto questo funziona chiaramente se la cosa è reciproca e soprattutto non ferisce nessuno.
    Sono felice di sentirti così sereno della tua relazione! io stessa ho avuto delle "frequentazioni" (chiamiamole così perché sono durate poco) con delle ragazze ma non ho mai trovato l'equilibrio, si finisce spesso nei drammi.... forse perché si è molto simili essendo dello stesso sesso non lo so, fatto sta che ho visto amici e amiche stare quasi sempre nei drammi e nei casini.
    Io stessa l'ho provato sulla mia pelle ed è una cosa che non ho mai capito.
    Ho due amiche che vivono insieme e stanno benissimo, e invece ho amici che si incasinano soltanto con ex e mica ex.
    L'amore deve essere libero, sincero ed equilibrato, solo così possiamo carpirne tutta la sua bellezza.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, l'amore eve essere libero, sincero, costruttivo, autentico ed equilibrato!
      Mi dispiace dei problemi che hai avuto in passato, spero che se un giorno troverai una persona, riesca a costruire quella storia che hai sempre sognato.
      Io mi ritengo fortunato ad aver incontrato Etienne perchè ha tutto quello di cui ho bisogno, che ho sempre immaginato in una persona.
      Le dinamiche che descrivi tu, ad esempio, le ho provate con gli amici: alla fine molte delle mie amicizie non sono andate in porto proprio per i troppi squilibri per questo ora cerco di andarci piano e di essere me stesso senza costrizioni: un conto, come hai detto tu, è fare piccoli compromessi, un altro è stravolgersi del tutto.
      Tornando all'amore, quello che per gli altri possono essere compromessi, per me e Etienne non lo sono: cerchiamo di venirci incontro e speriamo che la nostra storia vada avanti giorno dopo giorno.
      Un abbraccio!

      Elimina
  17. Quanto hai ragione: e dire che ce n'ho messo di tempo (e di amori patologici) per arrivare alla stessa conclusione!
    E' che anche quando ti accorgi che la tua storia è senza speranze,è sbagliata, ti fa male, continui ad aggrapparti alla speranza,e pensi sempre di essere l'eccezione, e che se insisti andrà bene.
    Per fortuna uno di solito ci arriva a capire che quello non è amore,e che sì può essere molto più felice e soddisfatto a costo lacrime 0.

    Ma una volta capito, uno non sbaglia più (si spera ;) )

    Vale A

    Ps: bellissima la serie, anche se sono riuscita a trovare solo le prime 3 stagioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda personalmente parlo soltanto attraverso osservazioni e riflessioni su rapporti visti dall'esterno: io e il mio ragazzo siamo alla prima storia (almeno io) e siamo agli inizi ecco perchè abbiamo voluto subito mettere tutte le cose in chiaro, proprio perchè vediamo che tante storie vanno male.

      Ti passo i link per le due serie di Queer as Folk così le vedi su youtube, le ha trovato il mio amico MesserMalanova (se vuoi vedere i suoi video, nel mio elenco di pagine a sinistra c'è il link per il suo canale) in quanto essendo sordomuto mi avvalgo (sfrutto) del suo supporto tecnico!

      Serie UK: https://www.youtube.com/user/QasFUK

      Serie USA: https://www.youtube.com/user/Scarscar7

      e se vuoi leggere la mia opinione sulle serie, questo è il link al mio post: http://lechatnoir96.blogspot.it/2013/11/non-ce-nulla-di-queer-come-una-serie.html

      Benvenuta nel mio blog!!! :)

      Elimina
    2. Grazie mille :D
      Vale A

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut