Followers

15/10/13

Il nuovo incubo degli italiani si chiamerà Trise!

Imu + Tares = TRISE. Si chiamerà proprio così, "Trise", la service tax destinata ad accorpare Imu e Tares, che, ovviamente, costerà agli italiani molto di più di quanto già versavano al fisco con i vecchi balzelli su casa e rifiuti. Maggiori dettagli sull'ennesima "operazione salasso" si potranno conoscere questa sera, con il via libera definitivo del Consiglio dei ministri alla legge di stabilità. 
La Trise, tecnicamente, è un tributo sui servizi comunali e avrà due componenti. Una è la Tari, che coprirà la raccolta dei rifiuti urbani. L'altra è la Tasi, destinata a finanziare i servizi indivisibili come l'illuminazione e la manutenzione delle strade. La Tari sarà imposta a "chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani", secondo il principio del "più inquini, più paghi". 

I singoli Comuni potranno scegliere inoltre se farla pagare applicando i criteri e i coefficienti come la superficie e il numero di occupanti oppure "graziare" almeno in parte single e residenti all'estero. La Tasi, invece, verrà pagata da "chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo unità immobiliari, fabbricati o aree scoperte ed edificabili". Avrà una aliquota massima dell'1 per mille oppure, a scelta del Comune, costerà un euro a metro quadrato. Per gli immobili non esenti da Imu si aggiungerà al vecchio tributo. Per gli inquilini in affitto si prevede un esborso tra il 10% e il 30% della tassa. Voci di corridoio fanno trapelare che "la manovra" si aggirerà attorno ai 10 -12 miliardi, e che oltre alla solita legnata sui metri quadri di proprietà degli italiani, la mannaia delle larghe intese cadrà pure su sanità, ministeri, statali, rendite finanziarie, assegno di accompagnamento. Di certo rimane il battesimo della nuova tassa sulla casa: la Trise.

Ecco i provvedimenti all'esame dell'esecutivo:
- SANITA', SI LAVORA A RIDUZIONE TAGLI. La bozza della legge di stabilità prevede tagli per 2,6 miliardi, dovuti anche ad una stretta sulla spesa farmaceutica e su quella ospedaliera (che è interna a questo valore). Ma è questo il capitolo sul quale sono attese maggiori novità. Il governo sarebbe intenzionato a ridurre l'apporto del capitolo sanitario sulla manovra. 

- DETRAZIONE LAVORO SALE A 1.450 EURO. La detrazione 'base' riconosciuta ai lavoratori dipendenti potrebbe salire da un valore di 1.338 a 1.450 euro. il meccanismo, che prevede una riduzione dello 'sconto' in proporzione al reddito, si annulla attorno ai 55.000 euro. Rimane immutato lo sconto per chi non supera gli 8.000 euro. 

- SCONTI IRAP FINO A 15.000. Deduzioni Irap in arrivo per i nuovi assunti. Le deduzioni saranno per un massimo di 15.000 euro a dipendente. 

- ARRIVA LA TRISE, PUÒ SUPERARE L'IMU. Cambiano le tasse locali sulla casa. La nuova Service Tax, che scatta dal 2014, si chiamerà Trise e assorbirà Imu e Tares. Non il tributo provinciale ambientale. La pagheranno, in forma ridotta, anche gli inquilini. La quota sui servizi indivisibili (Tasi) vale l'1 per mille. A questa si aggiunge la Tari, la quota che si paga sui rifiuti. 

- IPOTESI AUMENTO TASSA SU RENDITE FINANZIARIE. La tassa sulle rendite finanziarie passerebbe dal 20% al 22%. Ma la norma, contenuta in una delle ultime bozze, sarebbe sub iudice. 

- BLOCCO CONTRATTO STATALI, TAGLIO 10% STRAORDINARI. Il blocco dei contratti nel pubblico impiego relativo al triennio 2010-2012 viene esteso fino al 31 dicembre 2014. Per i dipendenti pubblici arriva poi il taglio del 10% della spesa degli straordinari. 

- PENSIONI, STRETTA SU QUELLE RICCHE, TASSA SULLE D'ORO. Le pensioni più ricche, quelle sopra i 3.000 euro non saranno adeguate al costo della vita nel 2014. Arriva invece una mazzata per quelle d'oro: sopra i 100.000 euro ci sarà un contributo "con la finalità di concorrere al mantenimento dell'equilibrio del sistema pensionistico". Sarebbe del 5% per la parte eccedente i 100 mila euro fino 150 mila, del 10% oltre i 150 mila e del 15% oltre i 200 mila. 

- 2 MLD A COMUNI, STRETTA SU REGIONI. Esclusione del patto di stabilità interno ''al fine di consentire agli enti locali nel 2014 e 2015 i pagamenti in conto capitale'': l'allentamento vale 1 mld nel 2014 e uno sul 2015. Regioni e enti locali non potranno più ricorrere ai derivati. Tagli per un miliardo, invece, sulle Regioni. 

- CIG IN DEROGA, SOLO 600 MLN. Gli ammortizzatori sociali in deroga saranno rifinanziata per il 2014 per un importo di 600 milioni di euro. E' un valore decisamente più basso del miliardo richiesto. Il Fondo per la social card è incrementato di 250 milioni di euro per il 2014. La carta acquisti non è più riservata solo ai cittadini italiani ma a "cittadini italiani o comunitari ovvero familiari di cittadini italiani o comunitari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo".

(freeskipper)


14 commenti:

  1. Cambiano i nomi, ma l'Italia resta il paese più tartassato del mondo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ironicamente si potrebbe dire che tutto questo è rassicurante... molto ironicamente!
      un saluto

      Elimina
  2. Ciao Xavier, passo per un saluto al rientro dalle vacanze...avevo proprio voglia di essere di nuovo qui tra voi!

    Riguardo alla Trise per il momento preferisco tacere...

    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata a casa :)
      un mega abbraccio

      Elimina
  3. Una sensazione di nausea , di impotenza Xavier mio...una sensazione di fuggire lontano, via dalla pazza folla , dove mettere la testa nella sabbia come gli struzzi ...che scempio!
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che negli altri paesi si stia meglio...
      un abbraccio :)

      Elimina
  4. Ciao Xavier,
    un post altamente interessante il tuo, per prima cosa mi vorrei complimentare per come l'hai scritto, non è un argomento facile, ma tu sei riuscito a renderlo comprensibile a tutti anche se hai usato un linguaggio importante.
    Per quanto riguarda l'argomento in se posso solo dirti che i politici mi hanno stancato, mi domando quando si decideranno a mettere gente capace al governo.
    Ti auguro una buona serata da amiblogger testarda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'articolo non è mio ma di freeskipper.
      un abbraccio :)

      Elimina
    2. non mi ero resa conto che era di freeskipper, l'ho visto solo ora ahuahuahuahua
      l'avevi scritto in basso a sinistra che scema che sono ahuahuahuahua
      un abbraccio

      Elimina
  5. ..è sempre il solito rimpasto, ma il risultato non cambia...purtroppo!!
    Ciao, Stefania

    RispondiElimina
  6. Poveri noi... :-(
    Buonanotte Xavier

    RispondiElimina
  7. ciao Xavier, sono d'accordo con Nella, mi sembra che stiano tirando troppo la corda, complimenti per il post molto dettagliato e completo, almeno so cosa mi aspetta.)
    ciao a presto rosa, buona giornata

    RispondiElimina
  8. se non c'era la trise ci sarebbe stata la trase .....e penso non sia finita qui ......buona giornata xavier un'abbraccio

    RispondiElimina
  9. Era normale che l'imu non veniva tolta... cambiano solo i nomi, e noi paghiamo!!! Complimenti per le tue dettagliate spiegazioni. Buona serata, a presto.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut