Followers

18/10/13

Che delusione siete stati!

Non so, ultimamente mi sento polemico ma scusate tanto, questi momenti capitano anche a me e buona parte della colpa è di voi adulti.
Per chi non l’avesse notato ho postato la testimonianza di mio nonno, un sopravvissuto alla Shoah, ai campi di concentramento e quello che mi ha colpito è stato vedere che hanno commentato in pochi e a loro dico GRAZIE.
Sul serio, non mi sono mai lamentato di questo perché ho sempre considerato il blog una cosa personale, non uno strumento che dipende dalla statistica dei commenti, ma questa volta è differente.

Questa volta volevo che i miei followers, almeno quelli che dicono di esserlo sul serio, rispondessero tutti e facessero sentire la loro voce.
Lo dico perché sono basito dal fatto che siano corsi in massa a rispondere a quei pochi (e secondo me fuori luogo) post su Pribeke e non si siano soffermati su questo post, come d’altra parte non si soffermano su tanti altri post seri che invitano alla riflessione.
Vanno bene i contest, i give away, le creme di bellezza, le borse firmate, le uova, le lumache dell’amazzonia ma poi quando si tratta di cose serie sparite.

Ma che adulti siete se non parlate, se non affrontate quello che è stato, se continuate a negare il passato, se non avete una vostra opinione?
Parlate di noi giovani, di memoria: cosa dobbiamo ricordare, quello che voi negate e non volete proprio ricordare?
I campi di sterminio sono stati una realtà e in certi paesi esistono ancora, anche se hanno nuovi nomi: eppure continuate a ignorare, a non voler vedere.

Sono amareggiato e deluso da questi adulti che mi fanno vergognare.


16 commenti:

foreverme ha detto...

ti direi benvenuto nel mondo di internet .......
e a parte questo xavier cosa ti posso dire? a parte il fatto che è da poco che cerco di seguirti .....ma alcune volte le parole davanti a testimonianze come quelle di tuo nonno sono difficilissime da trovare....anche ora che è passato qualche giorno dal tuo post .....leggo o meglio lo rileggo ...e resto zitta....zitta perchè anche se scritte da una persona che le ha vissute ..che ha vissuto sulla sua pelle quelle atrocità..che parole dirgli?..di conforto? sarebbero banali....provarci ad immergere in un suo passato ..penso che in questo caso possiamo anche usare tutta la nostra conoscenza insieme all'immaginazione che non ci riusciamo....penso che quelle parole debbano essere lette e ascoltate dentro .....ciò non significa che magari molti dei tuoi followers abbiano pensato uguale .....io ho lasciato il segno si certo ....ma con che parole ? ...e anche adesso non vengono .......ti abbraccio per quel che posso da qui ......

Nella Crosiglia ha detto...

La vita tesoro caro , purtroppo , è fatta anche di delusioni profonde adorato Xavier mio e te lo rammenta una , che ne ha schivate poche e prese molte!
TVTB!

Audrey Borderline ha detto...

Ciao Xavier,
purtroppo sul web spesso è cosi, le cose importanti non vengono commentate o lette.
Prima anch'io ci stavo male perchè vedevo che i post più leggeri e meno importanti avevano tanti commenti, mentre quelli nei quali ci credevo e mettevo impegno perchè portavano a riflettere ecc, non venivano calcolati e spesso nemmeno letti. Capisco come ci si sente, però pensa al rovescio della medaglia, anche se siamo stati pochi credo che siamo stati buoni come lettori, perchè abbiamo letto, ci siamo commossi, abbiamo riflettuto e tuo nonno, almeno in me, un segno l'ha lasciato è vero io e gli altri siamo solo una goccia d'acqua in questo mare di gente ma siamo la dimostrazione che per fortuna qualche adulto si salva.
Buona giornata ;)

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Xaver la vita non è sempre rose e fiori.....
In questi giorni sono stata un po assente dal blog, ora vado a leggere!

Betty ha detto...

Ciao Xavier, mi dispiace molto per la tua delusione, ti aspettavi chissà quanti commenti a riguardo, anche perchè il tuo post lo meritava… tuo nonno meritava di essere ascoltato e soprattutto rassicurato, perchè non è giusto che debba vivere nel rimorso per la sua sopravvivenza… la sua testimonianza andrebbe letta in ogni scuola, in ogni aula, perchè non si dimentichino le vittime di tali orrori.
Il web è spesso effimero, ho avuto spesso riscontri negativi, e li ho tutt’ora…
I followers? La maggior parte fanno solo parole, parole e ancora parole, ma tutte al vento.
Tanti preferiscono leggere post più “leggeri”, altri invece non sanno trovare le parole per commentare… non siamo tutti uguali...
Ci sono casi però che non sempre si è disponibili a leggere, non sempre si può essere online, e magari si arriva tardi dalla pubblicazione di un post… dai ancora un po’ di tempo ai ritardatari…
Ti mando un grande abbraccio augurandoti un sereno fine settimana

Melinda Santilli ha detto...

Ciao Xavier, nemmeno io concepisco l'ignoranza abissale di certe persone che si nascondono dietro al silenzio: è doloroso constatare di come non parlino, non sanno nulla, fanno finta di non vedere...
E succedesse solo on line!
Sono d'accordo però con Audrey, almeno qualcuno di noi grandi si salva.
Non siamo molti, ma ti giuro che ci impegniamo tantissimo!
Baci

retriever ha detto...

magnifico blog, + design, ciao del Belgica

Chat Noir ha detto...

Merci!

Chat Noir ha detto...

Che la vita non è sempre rosa e fiori è una lezione che ho imparato sin da bambino, ma questo non giustifica il comportamento di voi adulti, siete una contraddizione di termini...

RainMan ha detto...

O 'tte tu hai ragione: trovare gente non grulla con cui parlare di cose serie l'è come trovare un ago in un cazzo di pagliaio, anzi l'è più facile trovare l'ago nel pagliaio che la gente non grulla.
Viviamo in un paese che ha la memoria troppo corta: basta che si tenga il culo al caldo e l'è tutto bello che risolto.
Ti abbraccio

Chat Noir ha detto...

Sì Betty so che il blog è effimero, ma tutto sembra essere effimero ultimamente perchè anche la realtà off line è così!
Non è perchè si tratta di mio nonno, poteva essere chiunque ma siccome è una testimonianza vera, autentica, sofferta, vissuta sulla propria pelle, perchè dev'essere ignorata?
Non credo che molti non sappiano trovare le parole, credo proprio che non gliene freghi niente perchè non è capitato a loro e per fortuna che non siamo tutti uguali: questo mondo fa pena così com'è, immagina se fossimo tutti come chi non scrive o fa finta di niente!

Voi adulti non vi capisco: vi lamentate che noi giovani non ci impegniamo, siamo privi di idee, di azioni, di pensieri... Ma voi che esempio ci date, ma chi siete che arrivati a cinquanta e più anni ancora non siete in grado di risolvervi?
Rimproverate a noi i vostri errori e avete sempre una giustificazione pronta.
Io guardo al futuro, ma non lo vedo perché finchè voi adulti continuerete ad essere adolescenti c'è poco da costruire.
Insomma, crescete un pò, fate gli adulti.
(Betty questo sfogo non è diretto a te, è uno sfogo in generale!)
Un abbraccio e buon fine settimana!

Betty ha detto...

Ci sono quelle due parole Xavier, che pronunci spesso… “voi adulti” anche se dici che parli in generale…. io mi sento chiamata in causa, e in sincerità SPERO… anzi… CREDO di non far parte della massa… ogni giorno lotto per questo… contro questo… ed essere messa nel sacco con un certo genere persone non mi piace.
Forse dovresti esprimerti dicendo “ci sono adulti che…..” ma fare sempre una distinzione… le parole possono essere macigni e a me influenzano moltissimo.
Un abbraccio Xavier, buon w.e.

Chat Noir ha detto...

Tu e altre persone non fate parte di questo discorso, ma è la stesa cosa di quando i grandi dicono “voi giovani” senza fare distinguo e mettendo tutti nello stesso calderone... Allora quando parlerò degli adulti per non fare confusione userò il termine “certi adulti”.
Un abbraccio

Stefyp. ha detto...

Mio caro Xavier , mi dispiace per la tua delusione, ma ho constatato di persona che sul web capita spesso..prendono più le cose leggere, le cavolate. Sarà perchè impegnano meno per la risposta o forse perchè è facile non vedere...o sentire. Io almeno mi sono fatta quest'opinione. Tutti giorni anche nella quotidianità mi sembra che ci sia troppa gente che si nasconde dietro paraventi, non prende posizione, sceglie la via più facile, quella dell'indifferenza, oppure fai il tipo per chi fa notizia. Brutta, bruttissima cosa che non ci porta a niente di buono....
Un abbraccio Stefania

Chat Noir ha detto...

Hai perfettamente ragione, per fortuna esiste anche chi non è così, non sono molti ma per fortuna ci sono.
Un abbraccio

RobbyRoby ha detto...

Non bisogna mai dimenticare.
Ho visto solo oggi la testimonianza di tuo nonno. Sono sincera non tutti i giorni passo nel tuo blog.
Se vedevo prima la testimonianza di tuo nonno commentavo, ci vorrebbero più testimonianze. E' un post che mi ha colpito molto, la sua lettura mi ha fatto rimanere incantata.