Followers

14/10/13

Benvenuti a Vampirlandia

Leggendo il racconto di Ellie del blog luna piena luna nera (andatevelo a leggere perché è veramente bello!) è nato l’argomento di questo post, i vampiri.
Avevo chiesto a Ellie perché non inseriva un vampiro un po’ sexy e magari anche gay e lei mi ha risposto che secondo la sua visione i vampiri sono dei mostri e quindi non sono sexy (sulla seconda parte invece ci sta lavorando, grazie Ellie!).
Ma sarà davvero così?

L’anno scorso col mio professore di letteratura stavamo studiando un libro di Joseph Campbell, L’eroe dai mille volti in cui si parla di come si costruisce una storia, dei personaggi, degli intrecci… Così a un certo punto lui ha detto che esistono due filoni di scrittori, gli scrittori e gli antiscrittori.
Gli scrittori seguono il copione prestabilito: il buono, il cattivo e la principessa da salvare.
Gli antiscrittori invece rivedono un po’ le cose secondo i loro gusti e il messaggio che voglio dare: quindi il buono non è sempre buono, il cattivo non è detto che sia cattivo e non sempre c’è una principessa da salvare.
Diciamo che io appartengo agli antiscrittori, così almeno sostiene il mio professore e io ne sono convinto.

Per me, parlando di libri (lasciamo perdere la realtà perché quella è un’altra cosa, nel mondo reali le distinzioni sono molto nette: non definirei mai un serial killer o un pedofilo una brava persona) e in particolare di vampiri, non riesco a concepire il male e la sua corruzione.
Per me se proprio si deve parlare di male, il male non dev’essere brutto altrimenti non si spiega perché ha tanti proseliti.
Il vampiro, poi, secondo me non è affatto malvagio: è solo una creatura un po’ diversa ma non incompatibile con il nostro mondo per questi motivi:
-si nutre di sangue: e allora? C’è gente che mangia carne cruda e sanguinaccio, ma non per questo viene biasimata. Io mangio il tofu, devo essere condannato per questo?
-il sangue è umano: no sfatiamo, esistono anche vampiri che si nutrono di sangue animale facendo spesso un favore a un sacco di donne che hanno paura dei topi.
-vivono solo di notte: no, magari dovranno indossare gli occhiali da sole ma escono anche di giorno. Gary Oldman e Robert Pattinson dimostrano esattamente il contrario.
-temono i crocefissi: ma quando mai?! Diciamo che hanno un rapporto un po’ particolare con l’inquilino del piano di sopra.
-hanno paura dell’aglio: anch’io se mangi dieci teste d’aglio e poi mi aliti addosso ne avrei paura.
-dormono a testa in giù: ma dove? Quello lo fa Batman a furia di stare nella caverna e frequentare pipistrelli!



E dunque, è così incompatibile una vita coi vampiri? Oh non scordiamo che restano giovani e immortali, invece molte persone per restare così venderebbero anche la loro madre e fanno un mutuo centenario con il chirurgo estetico.
Così alla fine sono tutti uguali, con le stesse labbra a canotto, non possono ridere altrimenti saltano le cuciture e sembrano dei cloni.

Ma ritorniamo al vampiro e al male: nella letteratura il male dev’essere affascinante, perché deve irretire, attirare, sedurre...
E poi personalmente ho sempre trovato i buoni noiosi: tutti perfettini, non sbagliano mai, fanno sempre la cosa giusta, persino le principesse si sono rotte le scatole dei buoni (guardate Shrek se non credete: Fiona sceglie l’orco, mica Azzurro che tra l’altro è anche gay di quelli peggiori, quindi rovina anche il mio partito).
Ma cosa ci affascina del male?
Perché ammettiamolo, esclusi i thriller o i noir non è che nei fantasy il male abbia contorni tanto netti, spesso viene fuori che il malvagio di turno o lo è diventato perché gli hanno rovinato la vita o alla fine non è davvero malvagio.
Forse ci affascina perché questi malvagi fanno cose che ai più sembrano impossibili, sono fuori dal sistema, pensano con la loro testa, non si fanno condizionare, sanno dire no, sanno cosa vogliono e come ottenerlo.
E perché, in fondo, ognuno vorrebbe essere un po’ così e non dite di no che poi vi cresce il naso come a Pinocchio.

Conclusa questa piccola riflessione, vorrei proporvi una carrellata dei vampiri e delle vampire più sexy della storia del cinema.
Alcuni appartengono al triassico (grazie nonna, senza di te non avrei neanche saputo chi sono), altri li vediamo in televisione e al cinema anche adesso.
Cominciamo da Antonio Banderas nei panni di Marius... Ditemi dove lo buttate che io vado a prenderlo.


David Bowie, altro pezzo di manzo! Perdonatemi ma i 17 si avvicinano e i miei ormoni impazziscono.
Sempre dello stesso film, Miriam si sveglia a mezzanotte ecco anche Catherine Deneuve e Susan Sarandon: sono due vampire notevoli.



Bela Lugosi, Christopher Lee, Christopher Walken. Per me appartengono all’epoca dei dinosauri ma nonna Bea mi ha assicurato che erano notevoli.
E mi ha detto di aggiungere Leslie Nielsen che ha interpretato un simpaticissimo Dracula.




Gary Oldman, l’unico impareggiabile e strafigo Vlad dei Draculia.
Notevole anche Sadie Frost, ovvero Lucy, e Winona Ryder nei panni di Mina. Il giorno in cui vedrete un Mino, sarò io!



Brad Pitt e Tom Cruise in Intervista col vampiro. Sempre nei panni di Lestat c’è anche Stuart Townsend: insomma, mi farei volentieri sedurre da un male così!




Robert Pattinson e Peter Facinelli: possono piacere o non piacere ma non sono certo da buttare via! E anche le signore Bella e Alice (cioè Kristen Stewart e Ashley Greene) si fanno notare.




Ian Somerhalder nella serie The vampire Diaries: non ditemi che non ci avete fatto un pensierino, malandrini e malandrine...


Johnny Depp: ecco magari con gli occhi meno pesti era meglio, ma ha un suo perché!


Gerard Butler: dopo il Fantasma dell’Opera diventa un vampiro strafigo! E un dieci e lode a Colin Farrell.



Detto questo, volete fare un giro a Vampirlandia anche voi?

Prendete il biglietto e salite sul treno, signori si parte!


16 commenti:

  1. Haha bellissimo post! mi piace molto la tua riflessione su bene e male.
    Alla fine la verità sta sempre nel mezzo... ne totalmente buono ne totalmente cattivo. Come dici tu certi diventano "cattivi" di conseguenza alla loro dura esistenza, io sono convinta che quello che conta sono le intenzioni, se uno fa del male consapevolmente è una cosa se invece è una conseguenza ma nel profondo non è quello che vuole, è un'altra.
    Gerard Butler è un gran figo! Gary Oldman anche! Come pure Winona!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi anche tu un biglietto per Vampirlandia?
      Mi è piaciuto il tuo commento, hai detto più o meno le stesse cose che ha detto il mio professore: i libri sono belli quando non c'è mai un confine netto, cosa che invece il cinema non permette e se lo permette è limitato.
      Ma di questo parlerò in un prossimo post...
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Sai una cosa Xavier... io i vampiri proprio non li sopporto, sono figure che non suscitano in me nessun interesse.
    Con questo non voglio dire che il tuo post non sia ben fatto... anzi, sempre molto esauriente!
    Un abbraccio Xavier, buona settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okay Betty, ho capito ma il vampiro era solo un modo spiritoso per parlare di un argomento più ampio ovvero: è meglio una letteratura convenzionale o una non convenzionale?
      Meglio i soliti schemi o schemi che esulano dai soliti clichè?
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Si, hai ragione, era un modo per parlare di una argomento più ampio, ma quando sento parlare di vampiri o di zombi m’affloscio e poi non sono tanto d’accordo sul fatto che i malvagi affascinano, a me non fanno quest’effetto… forse appartengo alla schiera dei noiosi… siiii molto noiosi... ahahahah!!!
      Ho forse interpretato male il tutto? Mah oggi non ci sto con la testa…
      Un abbraccio Xavier :-)

      Elimina
    3. Tu noiosa? Ma quando mai!
      Un abbraccio :)

      Elimina
  3. Bellissimo, stupendo, favoloso, divertentissimo!!!!
    Anche io appartengo agli anti-scrittori e infatti interpreto sempre le cose a modo mio divertendomi da matti!
    Ci sto per il viaggio a Vampirlandia, anzi grazie per esserti ricordato di me e aver postato le foto di tutte queste vampire favolose e sensuali :-)
    Tantissimi baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi fa piacere che anche tu non rientri nei soliti schemi che poi è il modo più facile di scrivere un racconto.
      Essere un antiscrittore richiede molta immaginazione, molto lavoro, molta ricerca e rielaborazione: da Italo Svevo in su molti autori italiani insegnano.
      Un abbraccio!

      Elimina
  4. Ciao Jena Junior, scusaci se per un pò siamo stati assenti ma la savana aveva bisogno della nostra supervisione!
    Scherzi a parte eravamo impegnati con lavoro e università.
    Sull'aglio siamo pienamente d'accordo, è buono solo per scacciare i leoni e per il resto...
    Mamma che manzi!
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jene, che bello leggervi ancora, vi davo per scomparsi :)
      Se volete vedere questi manzi allora comrpate il biglietto per Vampirlandia, ce ne sono rimasti pochi!
      Un saluto alla savana

      Elimina
  5. Ciao Xavier,
    anch'io sto seguendo la storia di Ellie che devo dire mi appassiona molto, premesso questo ho adorato la tua riflessione intelligente e scritta anche con umorismo.
    Anch'io credo di essere un antiscrittore e credo si noterà parecchio attraverso la stazione, perchè non mi piace l'idea dell'omologazione nella scrittura in questo modo non sarà la principessa ad essere salvata ma il principe, il cattivo diventerà buono e il buono cattivo, la vittima carnefice e viceversa, mi piace di più.
    Mamma che carrellata di vampiri sexy ;)
    buona giornata un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che sei una scrittrice non convenzionale, per questo che mi piacciono i tuoi racconti! Non dai sempre tutto per scontato, insomma prendi spunto dalla realtà ma poi la trasformi secondo le tue idee e le tue emozioni.
      Insomma non sei per il bianco e nero, sei per il bianco, nero e trecento altri colori (non diciamo sfumature perchè senno dovremmo parlare di sfumature di... bleah!)
      Un abbraccio e sì, molto sexy questi vampiri!
      Vorrei essere tanto vampirizzato anche io da gente così.

      Elimina
    2. grazie Xavier, che bel complimento mi rendi moto felice ;)
      Si, amo vedere ogni scala del bianco e del nero chiamiamole cosi perchè anch'io odio quelle sfumature li, sono terrificanti ahuahuahuahuahua
      un abbraccio e buona serata

      Elimina
  6. Fermi tutti, c'è ancora posto? Ho il biglietto!!!
    Devo ammettere però la mia discutibile ignoranza su pellicola, di questi ho visto solo Leslie Nielsen e Robert Pattinson. Il primo era un vampiro veramente poco credibile ma spassosissimo, gli avresti offerto il collo tutte le volte che ne aveva bisogno pur di farti ridere il più a lungo possibile.
    Il secondo beh vuoi mettere? Quelli magri e pallidini poi mi son sempre piaciuti, e che paio di occhi!
    Ho tutti i libri di Anne Rice che aspettano ancora di essere letti mea culpa, e dire che li comprati per veder proseguire la storia di Lestat u.u ...e andrò controcorrente ma preferisco Stuart Townsend, che in altri ruoli ha perso tutto il sex appeal dei capelli che fanno swishhhhh
    Meglio che mi fermi qui :P

    RispondiElimina
  7. C'è ancora posto Lumi, sali a bordo :)
    Tra Tom Cruise e Stuart Townsend capelli a parte scelgo il secondo...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. A me piace molto leggere le storie di vampiri.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut