Followers

27/06/13

Vuoi imparare ad uccidere il tuo animale? Vai in Svizzera...

I difensori dei diritti degli animali potrebbero soffocare nel sentire l'annuncio di questo nuovo corso che si tiene in Svizzera, in un centro sul Lago di Brienz, nel Cantone di Berna chiamato "Kleintierschlachten" si offre di insegnare ai propri partecipanti-principianti come uccidere un animale in modo corretto.
E la descrizione del corso è esplicito: "Dopo una breve presentazione teorica, ogni partecipante sarà in grado di uccidere l'animale che ha portato", per poi procedere con una macellazione "umanitaria e accurata".
Il tutto per "soli" 50 franchi. Il corso è particolarmente consigliato alle donne che vogliono entrare nel mondo contadino e vogliono imparare a uccidere gli animali che hanno allevato.
Ma tutti sono ben accetti, anche chi non possiede un animale proprio. In questo caso il centro fornirà un pollo o un coniglio.
Ruedi Hadorn, capo dell'Unione professionale svizzera di carne, ha accolto con favore l'iniziativa, tanto più che "i consumatori vogliono sapere sempre di più da dove proviene il cibo che acquistano.
Anche se, sottolineano, "al fine di uccidere una bestia, servirebbe un corso approfondito, con molti anni di formazione".
(affaritaliani.it)



Venghino signori venghino ad ammirare i progressi dell’uomo!
Dal 1939 al 1945 l’uomo si era evoluto verso la pace, il bene del prossimo, il rispetto della vita passando dalla teoria ad una facile e disinvolta pratica che, come ha visto, ha giovato a milioni di persone.
Adesso dopo ulteriori anni di formazione (ecco a cosa servono tutti i corsi che propongono e si chiamano missioni di pace) l’uomo ha deciso di estendere il bene che ha imparato e trasmesso anche sugli animali.
Dopo opere di bene come:
-pratici indumenti contro il freddo (pellicce)
-creazione di luoghi di villeggiatura per gli animali (autostrade) o di ricoveri per i meno fortunati (macelli e laboratori)
-invenzione di giochi e svaghi per gli amici a quattro zampe (combattimenti illegali)
-ideazione di menù nuovi (come i coreani, ad esempio, che cucinano i cani)
l’essere umano ha deciso che è giunto il momento di imparare a relazionarsi con gli animali ad un livello superiore e quindi ecco la nuova figura professionale che risolverà la crisi occupazionale: direttamente dall’amena Svizzera patria di Heidi, del cioccolato, degli orologi ecco Animal Killer: presentati con il tuo animale preferito nel Cantone Kleintierschlachten, ti insegneranno ad ucciderlo e se non possiedi un animale gli operatori te ne forniranno uno così da bravo e attento consumatore saprai finalmente da dove arriva la CREATURA che avrai nel piatto e che con grande soddisfazione DIVORERAI!
E ora il pensiero di Erasmo da Rotterdam concluderà il post, buona lettura!!!!


Non c’è bestia più pericolosa dell’uomo
...A me definire animalesco o bestiale  un conflitto armato, sembra ancora inadeguato. In effetti gli animali vivono per lo più concordemente e socievolmente all'interno della propria specie, si muovono in gruppo, si difendono e si aiutano reciprocamente....
Ma per l'uomo non c'è bestia più pericolosa dell'uomo. Gli animali, quando combattono, combattono con le armi che gli ha dato la natura.
Noi uomini ci armiamo a rovina degli altri uomini di armi innaturali , escogitate  da un'arte diabolica. Gli animali non si scatenano per qualsiasi ragione, ma solo perché sono inferociti dalla fame, perché si sentono braccati, perché temono per i cuccioli. Noi uomini -chiamo Dio a testimone-  scateniamo le più tragiche guerre per i motivi più futili...
Chi ha mai sentito dire che centomila animali si sono sterminati a vicenda?
Eppure così fanno dappertutto gli uomini. Ma il confronto non è ancora finito.
Ci sono specie animali divise fra loro da un'ostilità congenita, ci sono però anche specie unite da una genuina e salda amicizia .
Invece fra uomo e uomo, fra tutti gli uomini presi uno a uno, c'è guerra perpetua; non esiste nel genere umano un'alleanza veramente salda.
Così è : ogni creatura che tradisce la propria natura, degenera e diviene peggiore che se fosse stata originariamente maligna....
...non esiste pratica, per quanto infame, per quanto atroce, che non si imponga, se ha la consuetudine dalla sua parte.
Quale fu dunque questo misfatto? Ebbene, non ebbero scrupolo di divorare i cadaveri degli animali, di lacerarne a morsi la carne esanime, di berne il sangue, di suggerne gli umori, e di seppellirsi viscere nelle viscere, come dice Ovidio.
Che cadaverici piaceri! Dagli animali feroci si passò alle bestie innocue. Si cominciò dappertutto a infierire sulle pecore,  animali senza frode né inganno, sulla lepre colpevole soltanto di essere saporita.
Non risparmiò il bue domestico, che aveva lungamente nutrito col suo lavoro l'ingrata famiglia; non ci si astenne da nessuna razza di uccello né di pesce; e la tirannide della gola arrivò al punto che nessun animale fu più in grado di sottrarsi alla caccia spietata dell'uomo...
Il tirocinio che abbiamo descritto, fu un addestramento all'omicidio...
E a forza di sterminare animali, s'era capito che anche sopprimere l'uomo non richiedeva un grande sforzo.
...E' senz'altro da preferirsi la vita delle mosche e degli uccelli, che possono vivere tranquillamente secondo natura, per quanto almeno lo permettono le insidie dell'uomo . E' incredibile quanto perda del suo fascino un uccello che, chiuso in gabbia, abbia imparato a balbettare qualche parola umana.

Giacché la creazione della Natura è senz'altro più lieta e attraente di quella dell'uomo.


14 commenti:

  1. Io non ucciderei male il mio animale!!!

    RispondiElimina
  2. Ma sai che l'ho letto e non credevo a quello che vedevo? Ho realmente pensato che fosse una bufala...
    Provo una sola cosa schifo...e anche vergogna di essere un umana e pietà per quegli animali. Proprio l'altro giorno vedevo un porcellino che giocava in un cortile poco distante da casa e mi chiedevo con che coraggio tra qualche mese lo sgozzeranno...un animale che hanno allevato e con il quale "giocano " nel cortile...un animale che ti si affeziona.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, secondo me non è coraggio, è mancanza di amore e di umanità e purtroppo questa storia è verissima, anche io l'ho cercata più volte per verificare che non fosse una bufala.
      Secondo me si vive bene anche senza mangiare carne.
      Un abbraccio

      Elimina

  3. Mio Dio che orrore, queste sono le cose che mi mandano in bestia!
    Vedi? Ecco è meglio che ora me ne stia zitta, perchè risulterei molto aggressiva e non mi piacerebbe affatto...
    Quindi al posto mio faccio parlare alcuni aforismi.
    Ciao Xavier, e grazie per questo post, per il tuo pensiero sano, e per esistere.
    Un grande abbraccio :-)
    (se il commento ti sembra troppo lungo non pubblicarlo, mi basta che lo leggi tu)

    Il nostro prossimo è tutto ciò che vive.
    - Gandhi-
    (questa è la frase che ho adottato io)


    L'uomo è l'unico animale che arrossisce, ma è l'unico ad averne bisogno.
    - Mark Twain


    Mangiare carne è digerire le agonie di altri esseri viventi.
    - Marguerite Yourcenar


    Guardate negli occhi il vostro cane, e provate a dire che non ha l'anima.
    - Victor Hugo


    Quando a tavola ci si trova davanti ad una bistecca, non si pensa che quella parte apparteneva a un animale da accarezzare, da amare...
    - Prof. Umberto Veronesi, oncologo, vegetariano


    Ciò che i Nazisti hanno fatto agli Ebrei, gli umani lo stanno facendo agli animali.
    - “Enemies, A Love Story” - Isaac Bashevis Singer, Premio Nobel per la Letteratura, vegetariano


    Per me la vita di un agnello non è meno preziosa di quella di un essere umano. Sarei restio ad ammazzare un agnello per sostenere il corpo umano. Trovo che più una creatura è indifesa, più ha il diritto ad essere protetta dall'uomo dalla crudeltà degli altri uomini. Ma colui che non è degno di tale opera non può offrire protezione.
    - M.K. Gandhi,


    Credo che uccidere qualsiasi creatura vivente sia un po' come uccidere noi stessi e non vedo differenze tra il dolore di un animale e quello di un essere umano.
    - Margherita Hack


    Uccidere gli animali per nutrirsi del loro sangue e delle loro carni è una delle più deplorevoli e vergognose infermità della condizione umana. Questo nutrimento contiene in sé i principi irritanti e putridi che agitano il sangue e abbreviano la vita dell'uomo".
    - Lamartine


    Gli animali sono miei amici...e io non mangio i miei amici.
    - George Bernard Shaw


    L’uomo si differenzia dagli animali perché è assassino.
    - Erich Fromm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL commento non è lungo e aggressivo, anzi sei stata fin troppo gentile e grazie per tutti questi aforismi, li trovo bellissimi.
      Un abbraccio grande

      Elimina
  4. Io non sono vegetariana per cui nutrendomi anche di carne appartengo alla schiera, molto vasta, di coloro che si cibano di animali uccisi a tale scopo, me ne rammarico , ma trovo assolutamente tragico un avviso di questo genere, è vero non c'è animale più pericolo dell'uomo...se penso poi che oggi il paese più "rispettoso dei diritti umani" ha fatto la sua 500 vittima della pena di morte...non ho altre parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta l'uomo si misurava con l'animale da pari a pari e allora capivo di più la caccia o la pesca in quanto coltivare non era così semplice e non bastava a sfamare tutti.
      Ma ora con le nuove colture possiamo mangiare senza dover ricorrere a fucili, macelli e uccisioni inutili di tanti poveri animali e se ancora non lo sapete gli animali quando vengono portati al macello e sentono l'odore di morte piangono.
      Non mi pronuncio sulla pena di morte.
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Pensavo fosse una presa in giro e mi rendo conto che non è così: ma in cosa ci stiamo trasformando?
    E' una cosa orribile, come si fa a uccidere una creatura che ti ama e ti da fiducia?!
    Un bacione e grazie per il post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In cosa ci stiamo trasformando? In quello che siamo, orribili esseri umani.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Ti assicuro caro Xavier che quando leggo queste cose,io pacifista nata, che non so usare neppure una fionda, mi sentirei di scaricare un mitra su questi" cretini"....
    Impensabile!!!
    Un bacio speciale per te amico mio!

    RispondiElimina
  7. Purtroppo l'essere umano è l'abitante più pericoloso di questo pianeta.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  8. Ma stiamo scherzando? mai nella vita, ma come si fa a fare una cosa del genere, io a momenti non uccido nemmeno le zanzare e non mangio carne perchè mi sento in colpa...assurdo!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è limite alla stupidità umana...
      un abbraccio

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut