Followers

25/06/13

Ritorno a Maggio 1937

Li vedo in piedi davanti alle architetture formali dei loro college
vedo mio padre sotto l'arco di arenaria ocra,
le piastrelle rosse che brillano
come scaglie di sangue dietro la sua testa,
vedo mia madre con dei libri insignificanti al fianco
in piedi davanti al pilastro di mattoni
col cancello in ferro battuto ancora aperto dietro di lei
le punte di lancia nere nell'aria di Maggio,
stanno per laurearsi, stanno per sposarsi,
sono ragazzi, sono stupidi,
tutto ciò che sanno è che sono innocenti
non farebbero mai del male a nessuno.
Voglio andare da loro e dire fermi non fatelo,
lei è la donna sbagliata, lui è l'uomo sbagliato
farete cose che mai pensereste di poter fare
farete del male ai figli
soffrirete in modo inimmaginabile
vi augurerete di morire,
voglio andare da loro in quella luce di fine Maggio
e dirglielo ma non lo faccio.
Voglio vivere.
Li tiro su come bambole di cartapesta
maschio e femmina e sbatto insieme i loro bacini
come schegge di selce come per far scaturire scintille,
dico fate quello che dovete fare
e io poi giudicherò.
Sharon Olds


I see them standing at the formal gates of their colleges,
I see my father strolling out
under the ochre sandstone arch, the
red tiles glinting like bent
plates of blood behind his head, I
see my mother with a few light books at her hip
standing at the pillar made of tiny bricks,
the wrought-iron gate still open behind her, its
sword-tips aglow in the May air,
they are about to graduate, they are about to get married,
they are kids, they are dumb, all they know is they are
innocent, they would never hurt anybody.
I want to go up to them and say Stop,
don’t do it-she’s the wrong woman,
he’s the wrong man, you are going to do things
you cannot imagine you would ever do,
you are going to do bad things to children,
you are going to suffer in ways you have not heard of,
you are going to want to die. I want to go
up to them there in the late May sunlight and say it,
her hungry pretty face turning to me,
her pitiful beautiful untouched body,
his arrogant handsome face turning to me,
his pitiful beautiful untouched body,
but I don’t do it. I want to live. I
take them up like the male and female
paper dolls and bang them together
at the hips, like chips of flint, as if to
strike sparks from them, I say
Do what you are going to do, and I will tell about it.
Sharon Olds

17 commenti:

L'angolo di Giuls ha detto...

Che poesia intensa... bellissima!
un abbraccio

Gianna Ferri ha detto...

Grazie per questa bella poesia che non conoscevo.

Un abbraccio Xavier.

Chat Noir ha detto...

E' una poesia troppo bella e piena di significato, non potevo non condividerla :)

Antonella Speranza ha detto...

E' bellissima Xavier, bellissima e...tremenda!
Un bacio.
Antonella

Fata Confetto ha detto...

Ciao Xavier,
ci fai trovare da te sempre emozioni, a volte inquietanti.
Ti devo ringraziare per le indicazioni su Bloglovin' del post precedente e le ho girate anche ad altri blogger, a me sono state utilissime!
Grazie a presto
Marilena

Fioredicollina ha detto...

Non conosco questo autore ma sono affascinata da questo scritto....sei tu nella foto?
grazie per esser passato....sono un pò latitante ma nn sto passando un bel periodo...a presto ciao.

Nella Crosiglia ha detto...

Un racconto poetico pieno di molti significati che ti tocca diritto il cuore...
Grazie Xavier, la tua sensibilità nelle tue scelte è sempre sensibile al meglio che ci proponi!
Un bacio speciale e un abbraccio forte!

Audrey Borderline ha detto...

Ciao Xavier,
che bella poesia, intrisa di significato, di forza e intensità.
Grazie per averla condivisa è stata una bella lettura
un abbraccio

Betty ha detto...

E’ una poesia che mi fa venire i brividi… molto cruda e severa…
Il figlio giudica i genitori, i loro errori, e vorrebbe tornare indietro nel tempo per fermarli a non compierli…
Essere genitori è molto difficile…
Un grande abbraccio Xavier :-)

Melinda Santilli ha detto...

Un riferimento alle coppie sbagliate, mille riferimenti alla guerra e alla famiglia, uno alla profonda solitudine dell'uomo... Sì questa poesia non si fa mancare niente!
Hai trovato il film sottotitolato?
Un bacione

Chat Noir ha detto...

Un abbraccio :)

Chat Noir ha detto...

Non sono io il ragazzo della foto ma il protagonista del film Into the wilde!
un saluto

Chat Noir ha detto...

Grazie Nella :)
un abbraccio

Chat Noir ha detto...

Grazie a te per averla letta :)
un abbraccio

Chat Noir ha detto...

Anche essere figli è molto difficile...
un abbraccio :)

Chat Noir ha detto...

Yes, me lo hanno regalato. Se non avete ancora visto Into the wilde vi consiglio di non perderlo!
un abbraccio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sicuramente hai citato un grande film, ricco di significati.
Saluti a presto.