Followers

21/03/13

Sei venuta di Marzo



Sei la vita e la morte.
Sei venuta di marzo
sulla terra nuda
il tuo brivido dura.
Sangue di primavera
anemone o nube
il tuo passo leggero
ha violato la terra.
Ricomincia il dolore.

Il tuo passo leggero
ha riaperto il dolore.
Era fredda la terra
sotto povero cielo,
era immobile e chiusa
in un torpido sogno,
come chi più non soffre.
Anche il gelo era dolce
dentro il cuore profondo.

Tra la vita e la morte
la speranza taceva.
Ora ha una voce e un sangue
ogni cosa che vive.
Ora la terra e il cielo
sono un brivido forte,
la speranza li torce,
li sconvolge il mattino,
li sommerge il tuo passo,
il tuo fiato d'aurora.
Sangue di primavera,
tutta la terra trema
di un antico tremore.

Hai riaperto il dolore.
Sei la vita e la morte.
Sopra la terra nuda
sei passata leggera
come rondine o nube,
e il torrente del cuore
si è ridestato e irrompe
e si specchia nel cielo
e rispecchia le cose
e le cose, nel cielo e nel cuore
soffrono e si contorcono
nell'attesa di te.

È il mattino, è l'aurora,
sangue di primavera,
tu hai violato la terra.
La speranza si torce,
e ti attende ti chiama.
Sei la vita e la morte.
Il tuo passo è leggero.
(Cesare Pavese)


17 commenti:

  1. Ciao Xavier, una scelta splendida per inneggiare alla Primavera. Non mi ricordavo questa poesia di Pavese che è di una bellissima e di una potenza che raramente si incontra quando si scrive di Primavera.
    Bravo, un bacio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti sia piaciuta.
      un abbraccio :)

      Elimina
    2. Scusami vedo adesso che ho fatto un errore, volevo scrivere "è di una bellezza "
      Ciao, Antonella

      Elimina
  2. Una poesia molto bella, tu sai quanto apprezzo Pavese.
    TVB piccolo Falco

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa poesia di Cesare Pavese, grazie per averla condivisa sul blog.
    Un abbraccio anche da parte di Ellie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per averla letta.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Un saluto molto profondo e un pò cupo alla primavera, mi piace tanto.
    Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una prerogativa di Pavese non scrivere niente di allegro.
      bacius

      Elimina
  5. sei la vita e la morte... ma quanto è bella e profonda!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una della più belle poesie di Pavese.
      un abbraccio

      Elimina
  6. Hola Xavier,
    splendida questa poesia, malinconica ma anche attesa di una speranza.
    Morte e Rinascita.

    Kisses!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che anche tu apprezzi questa poesia di Pavese.
      un abbraccio :)

      Elimina
  7. mamma, mi ero dimenticata di questa poesia...è stato bello rileggerla
    Complimenti per le foto sono strepitose ;)
    bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lieto di avertela ricordata :)
      Bacio

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut