Followers

30/03/13

La leggenda dell'uovo pasquale!



L'uovo rappresenta la Pasqua nel mondo intero: c'è quello dipinto, intagliato, di cioccolato, di terracotta e di cartapesta.
Ma mentre le uova di cartone o di cioccolato sono di origine recente, quelle vere, colorate o dorate hanno un'origine radicata nel lontano passato.
Le uova, infatti, forse per la loro forma e sostanza molto particolare, hanno sempre rivestito un ruolo unico, quello del simbolo della vita in sé, ma anche del mistero, quasi della sacralità.

Già al tempo del paganesimo in alcune credenze, il Cielo e la Terra erano ritenuti due metà dello stesso uovo, e le uova erano il simbolo del ritorno della vita, gli uccelli infatti si preparavano il nido e lo utilizzavano per le uova: a quel punto tutti sapevano che l'inverno ed il freddo erano ormai passati.

I Greci, i Cinesi ed i Persiani se li scambiavano come dono per le feste primaverili, così come nell'antico Egitto le uova decorate erano scambiate all'equinozio di primavera, data di inizio del "nuovo anno", quando ancora l'anno si basava sulle le stagioni.

L'uovo era visto come simbolo di fertilità e quasi magia, a causa dell'allora inspiegabile nascita di un essere vivente da un oggetto così particolare.
Le uova venivano pertanto considerate oggetti dai poteri speciali, ed erano interrate sotto le fondamenta degli edifici per tenere lontano il male, portate in grembo dalle donne in stato interessante per scoprire il sesso del nascituro e le spose vi passavano sopra prima di entrare nella loro nuova casa.

 Le uova, associate alla primavera per secoli, con l'avvento del Cristianesimo divennero simbolo della rinascita non della natura ma dell'uomo stesso, della resurrezione del Cristo: come un pulcino esce dell'uovo, oggetto a prima vista inerte, Cristo uscì vivo dalla sua tomba.
Nella simbologia, le uova colorate con colori brillanti rappresentano i colori della primavera e la luce del sole. Quelle colorate di rosso scuro sono invece simbolo del sangue del Cristo.

L'usanza di donare uova decorate con elementi preziosi va molto indietro nel tempo e già nei libri contabili di Edoardo I di Inghilterra risulta segnata una spesa per 450 uova rivestite d'oro e decorate da donare come regalo di Pasqua. Ma le uova più famose furono indubbiamente quelle di un maestro orafo, Peter Carl Fabergè, che nel 1883 ricevette dallo zar Alessandro, la commissione per la creazione di un dono speciale per la zarina Maria.

Il primo Fabergè fu un uovo di platino smaltato bianco che si apriva per rivelare un uovo d'oro che a sua volta conteneva un piccolo pulcino d'oro ed una miniatura della corona imperiale.
Gli zar ne furono così entusiasti che ordinarono a Fabergè di preparare tutta una serie di uova da donare tutti gli anni.
(dal web)



16 commenti:

  1. Ciao Xavier, bello, davvero bello questo post e pieno di notizie interessanti. D'ora in avanti guarderò le uova con un altro rispetto.
    Auguro una felice e serena Pasqua a te e a tutta la tua famiglia, un abbraccio e un bacio.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. Ciao Xavier, grazie per questa storia..mi fa venire l'acquolina in bocca..il cioccolato in genere mi piace molto e poi l'uovo di Pasqua mi ricorda tante belle cose..
    Un grandissimo augurio a te.
    Serena Pasqua,
    Stefania

    RispondiElimina
  3. Ciao Xavier,
    come sempre molte cose non le sapevo, grazieee!!!
    Un bacioneeeee e buona pasqua

    RispondiElimina
  4. Ciao Xavier, prima di tutto complimenti per il nuovo look del blog, speriamo porti un pò di primavera!
    Il post sulla storia delle uova è bello, un piccolo viaggio nella storia!
    Auguriamo buona pasqua a te e alla tua famiglia,
    Idgie e Ruth

    RispondiElimina
  5. L'uovo veniva anche ritratto nei quadri per indicare la spiritualità e la perfezione, come dimostrano i nostri quadri rinascimentali.
    Bravo Xav, questo post mi garba di molto!
    Un abbraccio e buona pasqua (anche se tanto siamo tutti e due atei)
    Ray

    RispondiElimina
  6. Belle e buone, anche se fossero solo uova sode. Buona Pasqua !

    RispondiElimina
  7. Una leggenda interessante. Volevo ringraziarti per essere passato nel mio blog... ti invito a non abbandonare l'amore per la poesia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Le uova come simbolo di rinascita.

    Buona Pasqua Xavier!

    RispondiElimina
  9. Ciao Xav, auguri di buona pasqua, complimenti per il blog che hai condiviso con Audrey e Antonella e anche per questo bellissimo post.
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
  10. Ciao piccolo falco, ti voglio un mondo di bene!

    RispondiElimina
  11. Ciao Xav, hai visto che sono tornata a scocciarti?
    Bella questa storia delle uova, mica la conoscevo!
    Che dici, ci regaliamo tutti quanti un Faberget per la prossima pasqua?
    Un baciotto

    RispondiElimina
  12. Il mio uovo preferito è quello di cioccolato.
    Ciao
    Buonanotte
    Buona Pasquetta.
    Ciao.

    RispondiElimina
  13. bel post molto esauriente. Tra l'altro ho avuto la possibilità di ammirare una mostra del Fabergè (in una cornice altrettanto superba : la Reggia di Venaria vicino a Torino) in cui c'era il primo uovo oltre ad altri veramente stupendi.
    Auguri di una serena Pasqua anche se ormai è quasi finita.

    RispondiElimina
  14. 450 uova, ma dove le ha messe?!
    Mi piace moltissimo questo post pasquale, un abbraccio
    Sam

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut