Followers

07/02/13

La terra dei cachi


Bersani, Monti e Vendola. Sono i tre vertici di un triangolo che ciclicamente riaffiora in questa campagna elettorale. Martedì a Berlino, e di nuovo il giorno dopo, il leader del Pd aveva lanciato un messaggio di pace al premier uscente.
Che nuovamente è tornato a chiedere la testa di Vendola.
Il governatore della Puglia, da parte sua, non ci sta e non lo manda a dire: «Bersani non rompa l'alleanza». E allora il segretario democratico ricuce prontamente. Attaccando il Professore: «Nessuno tocchi il mio polo».
(Corriere della Sera)

Ed ecco che ricomincia il solito balletto: la sinistra si infinocchia da sola mentre il Silvio tomo tomo e cacchio cacchio riapplica la strategia del dividi et impera (speriamo che stavolta non sia vincente).
Sorvolando sul fatto che l’alleanza Bersa-Monti mi sembra assurda, voglio più che altro incentrare il post su un altro problema: ma perché ogni volta la Sinistra deve litigare e dividersi?
Vendola dice no, Bersa dice sì, Monti ancora è indeciso (ma poi Monti non era di Destra?), di Renzi si sono dimenticati tutti, Grillo sbraita ogni cinque minuti...
Perché per ogni cavolata deve fare un comizio e si deve litigare?
C’è da stupirsi se a furia di comportarsi come deficienti allora vince sempre la Destra?
Me la figuro la Sinistra: bisogna eleggere un rappresentante? Comizio e litigata.
Bisogna decidere chi paga la cena? Comizio e litigata.
Bisogna scegliere chi deve andare in bagno per primo? Comizio e litigata.
Bisogna farsi una sega? Comizio e litigata.
E intanto il Nano Silvio se ne approfitta…
C’è da stupirsi se le statistiche lo mettono già al primo posto?

Ma non è finita qui, arrivano anche le frasi intelligenti!
Bersa se ne esce con: un paese serio non vota ogni giorno e siccome l’Italia vota un giorno sì e l’altro pure per ogni emerita cazzata che viene in mente al governante di turno, direi che per il sillogismo di Aristotele l’Italia è decisamente un paese poco serio.
Bravo Bersa, hai fatto decisamente un passo avanti: ma ti pagano per dire certe stronzate o è proprio il tuo cervello che funziona male?

Vendola salta su e ribatte: rischiamo di perdere. Nichi carissimo, non spetta a me dirtelo, ma una volta che avete posato il deretano su quelle poltrone rosse e intascate decine di migliaia di euro senza fare nulla (a parte trattarci come pezze da piedi e imporci sacrifici disumani), direi che secondo me avete vinto tutti.
E se poi parli della Sinistra in generale, fatti un esame di coscienza perché ne fai parte anche tu.
O a furia di mangiare orecchiette e cime di rapa anche la tua intelligenza si è esaurita?

Ma l’absolute winner della settimana è senza dubbio Monti che dice: rafforziamo i diritti dei gay. Io sono gay ma stavolta non gioisco per niente.
Punto primo: com’è che l’Italia si ricorda degli omosessuali sempre e solo durante le elezioni, salvo poi darci un calcio nel sedere?
Secondo e non meno importante: carissimo Monti, ma noi gay siamo in primo luogo persone allora perché non dici rafforziamo i diritti delle persone (anzi, io in questo caso direi degli Italiani onesti).
Cosa trapela dal tuo messaggio, Baygon Genius?
Che una donna, un invalido, un giovane disoccupato, un bambino, un cassa integrato, un lavoratore, un anziano valgono meno di un omosessuale?
Ma sei deficiente?! Ma cosa mangi la mattina, pane e coglionella?!
Già, lo ripeterò fino alla nausea, ci pensano determinati omosessuali a categorizzare e rompere i coglioni: vuoi metterci anche del tuo e peggiorare la situazione che già non è rosea?

Allora ben venga questo testo di Elio e le Storie Tese (grazie al mio amico Malanova che mi ha spiegato chi sono!) che si intitola La Terra dei Cachi:



Parcheggi abusivi, applausi abusivi,
villette abusive, abusi sessuali abusivi;
tanta voglia di ricominciare abusiva.
Appalti truccati, trapianti truccati,
motorini truccati che scippano donne truccate;
il visagista delle dive e' truccatissimo.

Papaveri e papi, la donna cannolo,
una lacrima sul visto:
Italia si' Italia no Italia bum,
la strage impunita.
Puoi dir di sì puoi dir di no,
ma questa è la vita.
Prepariamoci un caffè,
non rechiamoci al caffè:
c'è un commando che ci aspetta per assassinarci un pò. 

Commando sì commando no,
commando omicida.
Commando pam commando
papapapapam,
ma se c'è la partita
il commando non ci sta
e allo stadio se ne va,
sventolando il bandierone
non più sangue scorrerà!

Infetto sì? Infetto no? Quintali di plasma.
Primario sì primario dai, primario fantasma ,
io fantasma non sarò e al tuo plasma dico no.
Se dimentichi le pinze fischiettando ti dirò
"fi fi fi fi fi fi fi fi ti devo una pinza,
fi fi fi fi fi fi fi fi, ce l’ho nella panza".
Viva il crogiuolo di pinze. Viva il crogiuolo di panze.
Quanti problemi irrisolti ma un cuore grande così.

Italia si' Italia no Italia gnamme,
se famo du spaghi.
Italia sob Italia prot, la terra dei cachi.
Una pizza in compagnia,
una pizza da solo;
un totale di due pizze e l'Italia è questa qua.

Fufafiì fufafifì Italia evviva.
Italia perfetta, perepepè nanananai.
Una pizza in compagnia,
una pizza da solo:
in totale molto pizzo, ma l’Italia non ci sta.
Italia si' Italia no, Italia sè
uè , Italia no , uè, uè, uè, uè.
Perche' la terra dei cachi è la terra dei cachi.
No.

21 commenti:

  1. Avanti come sempre col solito balletto: ormai ci hanno preso per burattini incapaci di pensare, che non si accorgono di quanto sono miseri e dei loro inutili giochetti.
    TVB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che non se ne accorgono e che non gli frega niente.
      TVB

      Elimina
  2. Non ci sono commenti, ma questi sono politici o bambini dell'asilo in cerca del lecca lecca?
    E vogliamo parlare di Silvio che domani non va in tribunale perchè dev'essere in tv?
    Che cazzoni!
    Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tv gli da il pane il tribunale la galera... vuoi mettere?!
      ciao

      Elimina
  3. Non conoscevi Elio e le storie e tese e la loro terra dei cachi? Io e mio fratello per un po' ne abbiamo fatto una bandiera.
    Xavier, come sempre hai ragione: parlano, litigano, si riuniscono, litigano di nuovo e parlano...parlano a vanvera parlano di diritti dei gay e non capiscono che si deve parlare non di gay ma di persone...ecco il punto loro non parlano mai di persone , forse non hanno ancora capito che i gay, i disabili, i malati, gli esodati, i pensionati, i precari, le donne sono PERSONE. Gli Italiani sono persone...fin che non capiranno bene questo concetto, a quanto pare molto complicato per le loro teste vuote, non avremo mai niente di buono.
    Ciao, un bacione e serena giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elio e le storie tese sono stati una piacevole sorpresa.
      Il concetto di PERSONA per certi soggetti è veramente astratto come è astratta la parola ONESTA'.
      Buona serata :)

      Elimina
  4. ahahhaha quando ho letto il titolo del post ho sirroso e sai perchè? sul mio canale You tube troverai un video con miei foto proprio dedicato a Elio e le Storie Tese ovvero alla terra dei cachi.... ;-) se hai un attimino ti invito a vederlo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrò a visitare il tuo canale.
      ciao

      Elimina
  5. Post duro ma effettivamente non si può darti torto. Purtroppo nella sinistra si è sempre stati divisi, e ciò è sempre stato un punto a favore della destra...riguardo a Monti non voglio commentare, lo vedo come il fumo negli occhi.
    Nonostante, come hai detto, la politica in Italia sia più un gioco ad accaparrarsi le poltrone che a fare il bene del paese, trovo che sia di fondamentale importanza andare a votare, anche se si è costretti a dare la propria preferenza al meno peggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma esiste il meno peggio?
      buona serata e grazie per essere passato

      Elimina
  6. non ci crederai mai, ma ieri mentre andavo in stazione pensavo proprio a questa canzone, riflettendo un po' sulla situazione politica e pensavo di fare un post...e nella mia mente il post era simile a questo. Non so come me abbiamo pensato le stesse identiche cose, strepitoso!!!!
    baci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi possiamo condividerlo :)
      ciao

      Elimina
    2. grazie!!!! allora magari aggiungo i collegamenti al tuo blog e spiego la cosa ;)
      baci

      Elimina
  7. le divisioni interne sono sempre state il grande problema della sinistra, fin dagli albori... così risultano poco credibili e la destra vince. ho un puro terrore per queste elezioni... a parte il fatto che nessuno dei candidati mi sembra veramente pronto per governare questo paese che sta lentamente affondando, ma se vince di nuovo la destra, come già annunciato, emigro. consigli su dove andare?
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì prova su Plutone io ti seguo :)
      un abbraccio

      Elimina
  8. Certo che questi politici si mettono d'impegno per trovare le loro frasi ad effetto: ormai votare sembra un terno al lotto, la combinazione giusta però non si trova mai.
    La canzone di Elio è adattissima: come si dice, in questo paese se son cachi, cacheranno!
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale impegno... l'unica volta che si impegnano veramente in qualcosa e quando si devono aumentare il "misero" salario.
      un saluto alla savana

      Elimina
  9. A forza di bischereggiare e frammentarsi siamo proprio a rischio, anche questa volta!
    Intrecciamo le dita delle mani e dei piedi,ma del ciarlatanesimo populista e demagogico siamo proprio stufi
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si dice il migliore ha la rogna attaccata al c..o!
      Benvenuta, ti conoscevo già attraverso il blog di mia nonna
      Un abbraccio
      Xavier

      Elimina
  10. Ogni giorno sempre baruffe politiche, mentre il paese e soprattutto le persone comuni sono alla frutta.
    I miei complimenti al tuo blog e ti aggiungo alla lista dei blog amici.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi fa molto piacere far parte della tua lista:)
      a presto

      Elimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut