Followers

02/01/13

Vecchio a chi?


Ho compiuto da poco i 16 anni e come al solito mi è venuto un attacco di anticompleanno: pensavo di essere il solo a soffrire di questa strana sindrome ma per fortuna ho scoperto che non è così!
Cos’è l’anticompleanno?
E’ la reazione allergica a frasi frequenti e stupide del tipo:
-hai un anno in più, come ti senti?
-ti senti più vecchio?
-com’è avere … anni?
-cos’è cambiato in te?
-forza che il tempo corre!
-sei un anno più vecchio!
-nessuna fidanzata? (sono gay, svegliatevi: non ci sarà mai una fidanzata. Un fidanzato forse ma una fidanzata MAI!)
Ho fatto una ricerca in rete sull’argomento “sentirsi vecchi” e il risultato è stato disastroso, il mondo si divide in due parti:

-chi non sente l’età fisica, perché per lui è la mente che conta e non il corpo, ma si sente lo stesso dire sei vecchio, hai le rughe, ormai sei superato…
Fossero state persone di cento anni avrei capito, ma queste frasi dette a persone di diciotto anni sono assurde!

-chi ha la giovinezza fisica dalla sua parte ma si sente già un sumero matusa; come esempi eclatanti ho trovato un uomo di 30 anni e una ragazza di 17 che si sentivano già vecchi e non avevano più voglia di vivere.

Dopo questa conferma che secondo me l’età è tutta nella testa delle persone e più la testa è bacata, più ci si sente vecchi, ho deciso di trarre una personale conclusione all’argomento come ti senti a sedici anni.
Come mi sento?
Come quando ne avevo quindici, quattordici, tredici, dodici...
Non è un numero in più che per me segna la differenza, sono gli eventi e le esperienze che faccio che mi permettono di maturare e crescere giorno per giorno.
Anche quando avrò 103 anni come la defunta Rita Levi Montalcini (speriamo di arrivarci!) non cambierò idea sull’argomento, non smetterò mai di essere curioso del mondo e di sentirmi bambino dentro.
Insomma, un po’ come i goliardici “giovani” di Amici Miei: non era l’età anagrafica che contava, ma come si sentivano dentro e dentro erano fanciullini.
Quindi  tutti quelli che pensano che a 16 anni mi senta più vecchio, che la mia vita sia cambiata e che mi stia strappando i capelli per la disperazione è meglio che si ricredano: sono un Mago, sarò giovane per sempre!


9 commenti:

  1. Anche a me fanno le stesse domande sceme, tutti gli anni e a me viene da ridere perchè dico "ma guarda queste persone, soffrono loro perchè non sanno godersi la vita e devono rompere a me le scatole!".
    La giovinezza è nell'anima, come hai scritto tu, e nella conoscenza: povere quelle persone che seguono il mito della bellezza e credono che i numeri siano tutto.
    Un bacione
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è fatta di attimi chi non sa coglierli non vive veramente.

      Elimina
  2. ahhhh...io non ho mai sentito l'età, ma devo essere sincera, ieri mi è pesato tanto festeggiare.Non perchè mi sentivo vecchia, ho compiuto 30 anni e la gente quando mi vede non mi da mai più di 22 anni, anzi molto spesso me ne danno 16 (olè a 50 sembrerò ancora una giovincella ahuahuah) e io mi sento comunque una ventenne (forse perchè ho la capa fresca hihihi ). Quello che mi ha fatto star male è sapere di aver raggiunto un età da adulta, ma non aver avuto la possibilità di realizzare nemmeno uno dei miei sogno o dei miei obbiettivi, questo non mi ha fatto sentire vecchia, ma un pò fallita si.
    Non ti preoccupare per gli auguri ;)
    tvb anch'io amico mago :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallita tu?! NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO MAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
      non è mai troppo tardi per realizzare i propri sogni.

      Elimina
  3. E' proprio vero Xavier, bisogna coltivare l'Io Fanciullo che è dentro a ciascuno di noi, conservare quel pizzico di magia, di capriccio, di entusiasmo per le cose. Alla fine l'età che cos'è se non una convenzione anagrafica? Quello che veramente è importante è continuare sempre a far crescere la nostra mente, le nostre conoscenza, coltivare il nostro pensiero, non lasciarlo morire "nelle convenzioni" e nelle apparenze. Che importanza può mai avere una ruga in più sul viso o un chilo di troppo se riusciamo ad ottenere grandi soddisfazioni dalla nostra mente, dai libri che leggiamo, dai film che vediamo? L'età che abbiamo è veramente quella che vogliamo avere...basta volere un po' di bene al bambino che è in noi...Ma poi tu che problemi ti fai? Tu sei un Mago , non invecchierai mai ( adesso che ci penso, nemmeno io che sono una strega!)
    Ciao, un grandissimo abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi Maghi e Streghe abbiamo una marcia in più :)

      Elimina
  4. Un giorno mi sono sentita dire...."ma alla tue eta' pensi ancora a queste cose!!?"....ebbene si ... "alla mie eta"....di 49 anni il prossimo 5 gennaio,penso ancora che i cartoni animati giapponesi siano bellissimi, che sognare di essere una principessa sia la cosa piu' dolce da fare, che quando con il mio cavallo me ne andavo a fare lunghissima passeggiate, immaginavo di vivere in mondi passati (adoro il medioevo e tutto cio' che lo circonda), credo agli gnomi e a tutte le creature dei boschi,mi stupiscono i colori folgoranti di un'alba in pieno inverno, e guardo con occhi ammirati i fiocchi di neve cadere dal cielo.Trovo piu' appassionante la lettura di un libro che guardare l'ultima fiction di moda in tv, amo scrivere favole con draghi e cavalieri coraggiosi, Mi perdo in 1000 pensieri quando guardo il mio compagno comporre musica, immaginadomi di essere L'amata immortale di Beethoven o Maria Magdalena di Bach,donne che hanno dedicato la vita accanto ai loro musicisti.........detesto la realta', anche se ci devo vivere e convivere.Mi hanno detto che soffro della sindrome di Peter Pan...ebbene sii!!! ne soffro e spero di essere anche contagiosa!!! E' la fantasia che ci fa sperare in un futuro migliore, e se aggiungere anni per molti significa veder scorrere il tempo...peccato che non sappiano cogliere la magia di esser vivi!!
    "chi vuol esser lieto sia..del doman non v'e' certezza!" recitano delle parole.Fatene tesoro,la vita e' troppo breve per pensare al tempo che scorre!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno mi piacerebbe leggere le tue favole... sognare non fa mai male e vivere assaporando ogni attimo ci regala l'immortalità.

      Elimina
  5. L'età non è un conto alla rovescia all'esaurimento vita, io credo che l'età sia solo un altro gradino da salire verso la completezza di se stessi, man mano che cresciamo diventiamo maturi e non inutili come molti credono. Io ho 28 anni e fra pochi mesi ne compirò 29, molti mi dicono che man mano che cresci non avrò più l'opportunità di vivere determinate cose che altri credono che si facciano solo nella giovinezza, ma io continuò a sognare, continuo a essere quel che sono, ho quasi 29 anni e guardo i cartoni animati, gioco coi lego e a volte coloro anche, faccio qualche puzzle infantile e non ho vergogno di dirlo perchè a me piace, e non sarà "la data di scadenza" a impormelo.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut