Followers

20/01/13

A certi "lettori"...


Dedico questo post a certe persone (e loro sanno benissimo chi sono) che si definiscono "lettori", quelli che non commentano mai né leggono i miei post, salvo intervenire quando ci sono scritti che urtano la loro sensibilità.
L’ultimo di questi post è stato proprio quello su Wikipedia (post1 e post2): a quanto pare il fatto che io ritenga che Wikipedia sia il pozzo dell’ignoranza, che abbia riportato l’appello di Save the Children in cui si invitano i giovani a studiare, leggere e informarsi seriamente e che abbia scritto che secondo me fermarsi solo alla fonte di Wikipedia può generare ignoranza ha scatenato le ire funeste di questi “lettori”.

Non capisco cos’abbia indignato tanto questo due “lettori”.
La parola ignorante? Ignorante deriva da ignorare, cioè “non sapere, non conoscere”, non è un insulto ma come ha detto il gip Alviso fa parte di forzature espressive che in una comunità intellettualmente evoluta sono prive di valenza diffamatoria; ci sono modi di esprimersi che rientrano nel diritto di critica, costituzionalmente garantito, e non comportano offesa alla reputazione. Una persona di buon livello culturale é perfettamente in grado di distinguerli e di cogliere il senso figurato di una frase.
Mi aspettavo si capisse che quando ho scritto: una persona ignorante può essere rigirata come vuole, ci rendiamo conto del pericolo cui stiamo andando incontro? […] non sono computer e cellulari che uccidono le menti dei giovani, sono i giovani stessi perché la stupidità è un sentiero che si sceglie sin da piccoli stavo intendendo un discorso in generale, più ampio che riguarda l’ignoranza dilagante che sta prendendo piede tra alcuni giovani (e non solo) e l’utilità secondo me dubbia di Wikipedia.

Apriti cielo, sono piovuti gli strali!
Questi “lettori” mi hanno detto che
-il mio pensiero è sbagliato
-faccio di tutta un’erba un fascio
-do una sgradevole impressione di presunzione e superficialità che chi mi conosce sa che non mi appartengono (peccato che chi l’ha scritto dice di essere uno che mi conosce, a quanto pare non mi conosce per niente)
-difetto di approfondimento e la cosa non mi interessa ai fini del mio giudizio
-ho avuto un atteggiamento che questi “lettori” non si aspettavano
-ho diffuso ignoranza fra i miei lettori.

Partiamo dal principio: non ho mai accusato nessuno di pensare in modo sbagliato, ma dico sempre anche se non sono d’accordo che ognuno è libero di pensare come vuole e difendo comunque le mie idee.
Non sono una persona arrogante, superficiale, sgradevole e presuntuosa: mi sono stancato che quando scrivo qualcosa che urta la sensibilità di qualcuno, questo si senta in dovere di insultare; la prossima volta risponderò agli insulti con gli insulti, visto che a quanto pare è il solo linguaggio che questi “lettori” capiscono.
Difettare di approfondimento? Beh nei limiti del possibile io cerco sempre di approfondire ogni argomento che mi interessa e di cui voglio scrivere e non è vero che plagio le informazioni al fine del mio giudizio, casomai è una cosa che appartiene a voi, cari “lettori”.

Parlando dei miei veri lettori (sì, perché essere un lettore non significa intervenire solo per fare polemica e una volta ogni morte di Papa e ultimamente i Pontefici non muoiono spesso), non ho diffuso ignoranza tra loro, non sono un untore: sono persone colte, di un certo spessore, capaci di pensare, ragionare e trarre conclusioni; il fatto che velatamente vengano chiamati stupidi (e in questo caso non si tratta di un’espressione di senso figurato) non mi aggrada molto quindi tenete gli insulti per voi.
Parlando poi del mio pensiero, non ritengo sia giusto o sbagliato: è giusto per me, non costringo gli altri a seguirlo e no, non faccio di tutta un’erba un fascio ma permettete che se Wikipedia non mi piace sono libero di dirlo.
Come ho scritto, voi “lettori” continuate pure a usarla, potete anche andarci a letto se volete: a me non interessa, non mi cambia la vita ma ammettete che è assurdo pretendere che io cambi il mio pensiero per avallare e approvare il vostro comportamento!

Non avete bisogno della mia approvazione, come io non ho bisogno della vostra, non pretendo che tutti approvino quello che scrivo e rispetto sempre le opinioni di tutti: è ora di capire che al mondo esistono persone che pensano in modo diverso dal vostro e che vi piaccia o no dovete rispettarle e ponderare se il loro pensiero può essere più valido del vostro.
A me sembra un segnale che in un piccolo campione di dieci persone otto sostengono che Wikipedia non funziona: potete rifletterci, potete fregarvene ma non potete pretendere che cambino il loro pensiero o accusarli di essere stati plagiati perché se io avessi questo potere sapeste quanti str***i avrei già plagiato e sfruttato a mio favore!

Per concludere: non sono una statua che deve scendere dal piedistallo, non mi credo una divinità ma scusate se difendo le mie idee e se non mi piacciono i compromessi. Anche se sono giovane non significa, cari “lettori” che potete rigirarmi su un dito.
Per l’ennesima volta: questo è il mio blog, questa è casa mia; se non vi piace quello che scrivo aria, chiaro?

ps: se volete per non urtare la vostra sensibilità la prossima volta ditemi cosa devo scrivere e come devo rispondervi, così sarete felici.




19 commenti:

Melinda Santilli ha detto...

In effetti sì, la prossima volta sarebbe gradito se mettessero passo passo quello che vogliono sentirsi dire così non grideranno all'attentato!
Per me persone che non rispettano le altrui opinioni e che vogliono sempre avere ragione sono... limitate, diciamo.
Hai fatto bene a sfogarti, te lo dico io che sei troppo buono!
Un abbraccio
Mel

Audrey ha detto...

Ciao Xavier,
non so cosa dire, tranne che mi sembra assurdo prendere certe cose sul personale. Uno fa una riflessione, esprime un parere, poi gli altri possono esprimere il loro disaccordo in modo pacifico. Credo sia bello confrontarsi ed esprimere le proprie opinioni, ma credo che sia altamente sbagliato arrivare a delle discussioni. Tu continua cosi, scrivi ciò che secondo te è giusto.
Un abbraccio

gio ha detto...

Tu hai la tua opinione ed io ho la mia, logicamente non tutti possono pensare allo stesso modo. Ti ho esortato a non fare di tutt'erba un fascio, perché secondo te le persone intelligenti non usano MAI Wikipedia, mentre coloro che lo fanno sono degli ignoranti, scusa ed è sensata come cosa?! NO. Un esempio, io studiavo etruscologia e per il mio corso di studi avevo bisogno di un vocabolario etrusco- italiano, non è disponibile da nessuna parte, nemmeno si vende su internet perché sono fuori produzione, guarda cosa l'UNICO sito che ce l'ha è proprio Wikipedia, e per di più senza nemmeno un errore! Mo' secondo te non lo dovevo utilizzare perché si trova su Wikipedia e quindi è tutto sbagliato?! Per te, ogni cosa che sta scritto su Wikipedia è sbagliato, ogni tanto invece di andare solo su altri siti per una volta consulta anche Wikipedia e vedi che non è questo mostro come tu pensi.

ellie ha detto...

magari si sono sentiti punti sul vivo perchè sono grandi utilizzatori di wikipedia... comunque si sta espandendo in fretta questa tendenza a non rispettare le opinioni altrui, se la pensano diversamente semplicemente non capiscono niente. le nostra realtà è sempre più dura.
un abbraccio

Mago di Oz ha detto...

Ma tu hai letto quello che ho scritto? A quanto pare no! Non vado su nessun sito ma mi avvalgo delle biblioteche. Non ho mai detto che tu non devi usare wikipedia, per me puoi anche farci la tesi, non mi importa e non pretendo che cambi idea come io non cambio la mia. Come vedi si può vivere bene mantenendo le nostre posizioni!

Mago di Oz ha detto...

Gridano alla lesa maestà!
ciao

Mago di Oz ha detto...

Evidentemente devono essere essere i "padri pellegrini" fondatori di wikipedia. Non riesco a capire perchè non posso dire che wikipedia è la culla dell'ignoranza mentre loro posso inneggiarla come culla della civiltà... Ognuno è libero di esprimere la propria opinione ma non cambierò il mio pensiero per loro!
Ciao bella :)

Mago di Oz ha detto...

Per me possono continuare a utilizzare wikipedia come vogliono non ho mai chiesto ne tanto meno preteso il non utilizzo, e io continuerò a pensare che wikipedia non vale niente.
ciao

Antonella ha detto...

E' un grandissimo esempio di rispetto del pensiero altrui...se non la pensi come loro, su qualsiesi argomento, ti attaccano da tutte le parti. Pensano che Wikipedia sia uno strumento valido? Bene, lo utilizzino, ma non pretendano che anche tutti gli altri condividano questa opinione.
Ciao, un grande abbraccio.
Antonella

Mago di Oz ha detto...

Infatti non cambio il mio pensiero su wikipedia per nessuno.
ciao :)

N4ND0 ha detto...

Problema:
WiKipedia

Dati:
Libertà di espressione
libertà di approfondimento
coscienza di chi post e di che legge

Svolgimento

Ho letto il post 1 e 2, e ho notato che si è aperta una discussione accesa. Wikipedia, come i social network possono essere intesi come forme d'arte, liberi di esporre qualsiasi pensiero, che sia vero o no, che sia giusto o no. Wikipedia è un impero dove forse sarà iniziato con buona fede di cercare di trasmettere virtualmente informazioni. Ma purtroppo ciò che lo rende effimero sono le fonti, infatti chiunque può scrivere li dentro, io stesso potrei scrivere che "gli indiani hanno la pelle rossa perchè sono timidi" e qualcuno al mondo potrebbe prenderlo per vero...... Io uso Wikipedia, ma cerco sempre di approfondire, praticamente non do mai per scontato che WIKI, sia perfetta in tutto e per tutto (io non ci studierei mai anche se conosco qualcuno che lo ha fatto), Wikipedia, vuole esistere, ebbene lo faccia, nessuno gli vieta di esistere ma nessuno deve dire che sia un sostituto ai libri con fonti attendibili, è appunto tutto basato sulla coscienza di chi posta e di chi legge gli articoli di WIKI.
Inoltre, per principio, dare ignorante ad un altro è di per se una forma di ignoranza, è come se il bue da del cornuto all'asino. Si poteva dire "io non condivido, ma rispetto la tua opinione" .

Fioredicollina ha detto...

ciao ho letto con interesse questo tuo 'sfogo' , ma sai un blog è uno scambio anche di pareri, non penso che uno scriva fine a se stesso e poi si rilegga e basta, per cui a volte qualche scontro di pareri è inevitabile, cio' che non mi va è la mancanza di rispetto, perchè una persona può benissimo pensarla diversamente da me, da te, o da chissà chi, ma deve sempre esprimersi nel rispetto, penso che debba essere cosi sia nel commento/ blog , come nella vita di tutti i giorni, purtroppo al giorno d'oggi vale molto la prevaricazione , il voler imporre il proprio parere in modo arrogante, questo non mi piace. ad essere sincera a volte ho consultato w. ma come frutto di ricerca arrivando magari da google. Per quanto riguarda lo studio x me sono passati i tempi in cui studiavo a scuola... ai miei tempi solo libri , enciclopedia o altri testi in biblioteca!!! :-)
ciao Mago!

Anonimo ha detto...

Io invece avevo bisogno di un vocabolario tuscolano-italiano non disponibile neanche su Marte, guarda caso l'UNICO sito era Wikipedia... miracolo!
ciao
Marco

Mago di Oz ha detto...

Ciao Fiore,
come ben sai io non voglio impormi nè impedire a nessuno di avere una sua opinione, non è da me ma vorrei che fossero anche rispettate le mie opinioni.
Ho come l'impressione che chi usa wikipedia costantemente cerchi l'approvazione altrui per farlo, ma perchè?
E poi la cosa che mi ha ferito è stata la mancanza di rispetto, se la mia idea non collima con quella degli altri non mi si può dire "scendi dal piedistallo, sei aggressivo, saccente, irrispettoso"...
Discutere significa confrontarsi, non che quando ci sono opinione discordanti uno deve prevaricare e mancare di rispetto all'altro.
Grazie per il tuo commento, mi ha fatto piacere.

Mago di Oz ha detto...

Hai centrato uno dei punti: chiunque può scrivere su Wikipedia mettendoci dentro quello che vuole, spesso le correzioni sono tardive o assenti.
Ma sai quanti ragazzi avranno studiato che il Monviso si trova sugli Appennini prima che questo madornale errore venisse corretto?!

Inoltre nel mio post ho scritto che l'uso sconsiderato e unico di wikipedia può generare ignoranza e che spesso scegliere di essere ignoranti è una propria decisione: perciò non capisco questo insultare me e i lettori che non amano wikipedia, come se fosse un reato non approvare wikipedia.

Sam ha detto...

Discutere si può, mancare di rispetto no anche se sta diventando una nuova moda.

Jene ha detto...

In casa d'altri si rispettano le regole che ci sono: ricordarsene non sarebbe male.
Un saluto

Mago di Oz ha detto...

Spero che come moda passi presto perchè non è un bel modo di comportarsi.

Mago di Oz ha detto...

Appunto, ma a quanto pare soffrono di smemorinite...