Followers

20/07/12

Mi stanno togliendo il gusto di perdermi le cose con soddisfazione



Questo non è il post che avevo programmato di far uscire, ma di fronte a esternazioni come queste ho preferito farmi prestare il computer da mio padre (fingendo di dover fare dei compiti!) e scrivere subito perché non si può fare finta di niente di fronte a certe affermazioni.
Ciao Gigante!

Per Marcello Dell'Utri, anche se non bisognerebbe trattare con la mafia, "La trattativa andava fatta, per evitare guai peggiori", e solidarizza con Napolitano "Ha fatto benissimo a sollevare il conflitto di attribuzioni, è inaudito quello che è successo con le intercettazioni".
Il florilegio di Dell'Utri prosegue con farneticanti dichiarazioni sulle commemorazioni delle stragi di mafia "Io non sono mafioso, però andare a via D'Amelio mi sembra una stronzata" (testuale), e attacca, prima senza nominarli i pm della procura di Palermo "Se ci fossi andato mi avrebbero massacrato, attorno a queste cose ci sono approfittatori inutili  che si fanno grandi". 
Poi però, il pregiudicato e plurinquisito cofondatore di Forza Italia non si trattiene e attacca pesantemente il procuratore aggiunto Antonio Ingroia "Un fanatico, un ayatollah, ma lo vedete com'è fisicamente? Con quella barba, si mette un caffetano ed è perfetto. Un persecutore capace di fare le peggio cose. Ha rovinato la mia vita e quella della mia famiglia".
E'in perfetta sintonia con il suo padrone, il senatore, quando definisce Antonio Ingroia, come "Non è normale, non può esserlo" di berlusconiana memoria.
Ed ecco l'affondo finale contro il nemico mortale "Certo che Ingroia scenderà in politica, inaugura giornali di sinistra, libri di sinistra senza vergogna, cosa volete che altro faccia".
(Articolo tre)

Chi è Marcello dell’Utri? Ho fatto sì un po’ di compiti. Marcello dell’Utri è nell’ordine:
-Fondatore di Forza Italia
-ex deputato di Forza Italia ed Eurodeputato
-ex Senatore di Forza Italia
-Senatore del PDL
Ma ora arriva il meglio:
-condannato per concorso esterno in associazione mafiosa (purtroppo assolto dalla Cassazione, ma non potendo leggere le motivazioni non sapremo mai perché; probabilmente le buste saranno state molto pesanti);
-indagato nell’inchiesta Trattativa Stato- mafia
-condannato per frode fiscale e false fatture (ed è Senatore e noi lo manteniamo, poi se uno si dimentica di fare lo scontrino fiscale per un caffè viene massacrato)
-condannato in primo grado per tentata estorsione nel caso Pallacanestro Trapani
-processato per calunnia pluriaggravata
-indagato nell’inchiesta sulla P3 e ancora per mafia
Un curriculum di tutto rispetto, pensando che poi i soldi con cui questo “signore” si mantiene sono i nostri.

Chi è Antonio Ingroia?
Nato nel 1959, si forma professionalmente nel pool dei giudici Falcone e Borsellino, diventa nel 2009 Procuratore aggiunto della procuratura distrettuale antimafia di Palermo, è anche giornalista e pubblicista.
Di cosa si sta occupando in questo momento Antonio Ingroia? Tra i suoi molteplici casi, sta indagando il signor Dell’Utri, che aveva fatto condannare nell’anno 2004.

Forse anche voi vedete come me un oscuro disegno astrale che collega Dell’Utri e le sue cazzate alle indagini di Ingroia?
Riflettiamo insieme su alcune parole di Dell’Utri: "Io non sono mafioso, però andare a via D'Amelio mi sembra una stronzata".
La prima parte, alla luce dei fatti, mi sembra una verità di Pinocchio (che era famoso per essere un cazzaro di dimensioni cosmiche); la seconda oltre che un insulto alla memoria di Borsellino e allo Stato, mi sembra un chiaro invito a fregarsene di tutta la lotta contro la mafia.
"Se ci fossi andato mi avrebbero massacrato”: allora perché non ci sei andato? Non avremmo certo sentito la tua mancanza e avresti fatto risparmiare un sacco di soldi a noi contribuenti.
Riguardo al procuratore Ingroia ha detto: "Un fanatico, un ayatollah, ma lo vedete com'è fisicamente? Con quella barba, si mette un caffetano ed è perfetto. Un persecutore capace di fare le peggio cose. Ha rovinato la mia vita e quella della mia famiglia". Oddio Dell’Utri, tu sei né bello fuori ma dentro fai pure schifo al cazzo e il tuo curriculum fa invidia a quello di Totò Riina: pure la merda ti schiferebbe.
"Non è normale, non può esserlo": ma si stava riferendo a se stesso o al Procuratore? Perché nel secondo caso non è “normale” uno che a tutti i costi vuole fare giustizia e non si fa intimidire da queste cagatine di mosche come Dell’Utri.
In conclusione: Dell’Utri, perché hai esternato? Certo che non puoi collegare il cervello alla bocca, perché il cervello ti manca; sei in odore di mafia, sei corrotto dalla testa ai piedi e sei pure Senatore. Più parassita di te chi vuoi che ci sia?
Mi piacerebbe dire nessuno, ma purtroppo l’elenco sarebbe troppo lungo per un solo post.

Consiglio per dell’Utri:
C'è chi commette lo stesso errore all'infinito, e a lui diremo:
"Se non capisci che sei imbecille, leggi almeno il labiale: vaffanghala.”






6 commenti:

Melinda Santilli ha detto...

hai ragione, avrei preferito mille volte non sentire le puttanate di Dell'Utri ma purtroppo in questo paese c'è ancora la libertà di espressione. Ho tuttavia apprezzato la sua battuta: io non sono mafioso.
"Non solo", ecco le parole chiave che Dell'Utri ha dimenticato di inserire nella frase. Avrebbe dovuto dire "io non sono solo mafioso: infatti sono anche un ladro, un calunniatore e un grandissimo figlio di p..."

RainMan ha detto...

pensavo l'avessero fatto santo: san Dell'Utri, protettore dei Berluscoidi, animali in via d'estinzione. Per fortuna.

Antares ha detto...

e a noi ci stanno togliendo il gusto di poter prendere questi politicanti a pietrate, perchè per abbatterli tutti finiremmo persino le pietre delle cave di Massa Carrara!

Olòrin ha detto...

Questo è il problema...
Sentire gente che parla di "combattere la mafia", quando i primi mafiosi sono dentro lo Stato è come sentire Lapo Elkann che parla di prevenzione allo spaccio di cocaina....

Jene ha detto...

se Dell'Utri si mettesse un cazzo in bocca la smetterebbe di dire certe cazzate

Nando ha detto...

Ma se sta gente pensa col culo, il cervello questa caga!!