Followers

13/07/12

Ma dove vai se il Nintendo non ce l'hai?


La notizia è stata diffusa in rete un po’ di tempo fa: Nintendo 3DS e il film gay in 3D, lo scorso luglio, formarono un binomio che fece letteralmente impazzire i curiosoni. Qualora non lo sapeste, Nintendo 3DS è una console sviluppata da Nintendo che permette di giocare sfruttando tutte e tre le dimensioni, per dei titoli che sono dei veri e propri capolavori; i film gay in 3D, ovviamente, non sono da meno e stanno pian piano diffondendosi nel mercato. 
Dominic Ford, uno dei più esperti in fatto di film gay e lesbo a tre dimensioni, proprio a luglio propose a tutta l’utenza una nuova sezione nel suo sito, interamente dedicata proprio ai lungometraggi (molto lunghi e poco metraggi) sviluppati per la console portatile.

Gli amanti del cinema impegnato esulteranno: adesso potranno ammirare banane e sederi anche in versione 3D. Volete mettere la differenza tra farsi una sega con un film 2D e una sega con un film3D?
Cambia la visione del mondo e intanto la Nintendo, che stava in crisi, ha trovato il modo per fare un sacco di soldi.
Ma perché c’è questa strana necessità di dover sempre passare per i film porno quando ci si approccia al sesso?
Non posso credere che siano tutti ragazzi repressi, che hanno paura di fare sesso e quindi si buttano sul porno; non posso nemmeno credere che non abbiano abbastanza fantasia e quindi debbano cercare stimoli nel porno; non voglio poi pensare che nelle loro menti la vita sia esattamente come un film porno.
Cosa da il film porno?
Io non lo so, perché non li ho mai visti e mai li vedrò, ma da quello che leggo nel web il porno spopola: ci si stringe la mano e poi ci si chiede ti è piaciuto l’ultimo porno con...?
Ragazzi, il porno non si può neanche definire cinema, quali sono le battute più intelligenti che si possono dire? Ah sì, ah ancora, ah vengo? Complimenti, bella trama, molto impegnata. Per l’amore del cielo, gli attori sono impegnati ma a fare ben altro, tanto non gli viene richiesto un diploma alla Actor Studios ma basta che abbiano una particolare attitudine a prendere e dare.
Ma i malati di porno riescono a vivere una vita sessuale soddisfacente nella realtà? Questo è un problema perché in base alle idee che si fanno sui film, spesso le loro aspettative vengono deluse.
E alla fine di chi è la colpa di tutto questo circolo vizioso?
Sempre della morale: se fossimo stati liberi come i nostri antenati latini non ci sarebbe stata nessuna persona malata di pornografia, perché il sesso non era un tabù, ma poi è arrivata la chiesa con la dannazione dell’anima, il peccato della fornicazione e cos’è accaduto?
Che adesso si possono vedere bananoni sullo schermo Nintendo, in 3D.
Ma bravi, i miei complimenti!


3 commenti:

Melinda Santilli ha detto...

e bravi i proprietari della nintendo, col caz.. ci si guadagna sempre!
Parlando di porno, non comprendo l'utilità di avere il sesso sbattuto in faccia, poi passa anche la voglia di farlo.

Nando ha detto...

ma che si inventano...............!!!!!!!! manca solo che un giorno faranno dei "giocattolini" che si muovono in simultanea con il film.....Quella si che è una presa per il culo!!!!

Antares ha detto...

cos'avranno i porno gay 3D di diverso dai 2D è difficile da immaginare, pensavo che un porno alla fine fosse tutto uguale... Però che brutta cosa la dipendenza da porno, alla fine non hai nemmeno la fantasia per fare un solitario!