Followers

30/07/12

Di quell'Amore


Semplici i tuoi occhi
intravisti appena
in una fotografia
sono lo spazio
dei tuoi domani.
Vibrante il suono
ora si muove,
quello che era silenzio
ora commuove.
Intrappolato nei colori dell'arcobaleno
un bacio solo
a scandire il tempo
mentre il sole sussurra alla luna:
ti bacerei lieve
come la neve che sfiora il tuo viso,
come le foglie portate dal vento.
Mentre danziamo
in questa notte buia
 ti bacerei
con quell’amore
che non è per i mortali,
con quell’amore
che non conosce ragione,
che toglie il senno
e l’illusione.
Con quell’amore
che non è più per me,
che non è più per te,
che vive immortale
tra le pieghe del cuore.
(Xavier)


3 commenti:

Nando ha detto...

BELLISSIIIIIIIIIIIIIIMA!!!!!!! WOW WOW WOW

Melinda Santilli ha detto...

Mago, è una poesia davvero incantevole!

Sam ha detto...

che dire, leggere una tua poesia è sempre un'emozione nuova e sconosciuta