Followers

01/05/12

Primo Maggio festa del lavoro? No.

Sono un Mago distratto, dimenticavo che oggi è il Primo Maggio. Voi direte "e allora? Il Primo Maggio torna tutti gli anni come la peperonata".
Solo che questo Primo Maggio ha qualcosa in più degli altri.
"Cosa?" vi starete chiedendo.
Questo Primo Maggio è iniziato con due morti sul lavoro. Girando in rete ho letto cose allucinanti: l'Italia che un tempo dava lavoro e garantiva la sicurezza dei lavoratori è diventato un paese dove la vita di chi lavora non vale più niente.
Bisogna risparmiare sui costi, sui materiali, si assume sempre meno gente e quei pochi che lavorano sono costretti a sobbarcarsi orari assurdi e la stanchezza può trasformarsi in una trappola mortale.


Dal primo gennaio ad oggi 1 maggio sono morti SUI LUOGHI DI LAVORO 163 lavoratori ( tutti documentati in appositi file) e 325 con i lavoratori morti sulle strade e in itinere (stima minima). I MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO sono per il 31% in agricoltura, il 23% in edilizia, il 12,3% nei servizi, l'8,9 nell'industria. L'autotrasporto il 5,8%. Il 13,7% dei morti sui luoghi di lavoro sono stranieri. Il 23,5% hanno un'età compresa tra i 30 e i 50 anni. Il 33% ha più di 51 anni. L'8,9% meno di 30 anni.


Sono numeri impressionanti e se penso che coprono solo un periodo di pochi mesi mi vengono i brividi. Perchè la vita di una persona deve valere così poco?
Come si fa a voltarsi dall'altra parte e a far finta di niente? E' proprio il nostro governo che invita i datori di lavoro ad abbassare i livelli di sicurezza: un governo che sostiene l'illegalità che governo è?
Mi dispiace ma oggi non c'è proprio niente da festeggiare.









Nessun commento:

Posta un commento

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut