Followers

24/05/12

Ma dove vai se l'ironia non ce l'hai e magari sei anche gay?


Non tutte le persone amano il cioccolato, non tutti i gay sono dotati di ironia: questa strana malattia colpisce un omosessuale su cento ed è altamente contagiosa, ecco perché gay e lesbiche ricorrono spesso al vaccino.
Giustamente vi starete chiedendo: ma perché scrivi tutto ciò?
Al tempo e vi spiego: c’era una volta in un paese lontano lontano una principessa che amava scrivere libri e un giorno pubblicò un libro intitolato Come diventare gay in cinque settimane.
Il libro parla di strani personaggi detti omosessuali che vivono in strani posti chiamati città e hanno altrettanti strani usi e costumi: vestirsi con boa di struzzo e andare a strane cerimonie chiamate Pride, assumere comportamenti da camionista per assomigliare a un uomo, usare il portentoso gay radar per trovare altri gay (in caso di nebbia diventa inaffidabile), partecipare al misterioso rito del coming out in una notte di luna piena e ululando tutti insieme sono gay, imparano a camminare come un modello di Vogue tutti ritti e impettiti dissertando su colori, trucchi, tagli di capelli alla moda, scarpe e modelli di vestiti improponibili.
Hanno dubbi esistenziali come vestirsi di rosa è gay, vestirsi coi jeans strappati fa etero, meglio la matita o l’eye liner, il lucida labbra alla pesca o alla ciliegia, la rucola e il sushi sono gay e il finocchio è etero (strano a credersi, vero?)...
Su tutto questo i dotati di ironia ridono riconoscendosi in qualche pagina, perché ogni gay ha le sue piccole manie (altrimenti che gay è?).
Invece non è così, un tale Moro di Venezia (non Otello) si è altamente scandalizzato, evidentemente non è stato contagiato dal virus dell’ironia e ha lanciato i suoi strali gridando quanti alberi avete ammazzato per scrivere questo libro che è un pattume e la gente lo legge, è un libro scritto da una zitella etero gay friendly e no non lo leggerò.
Il che è comprensibile, dal momento che il Moro di Venezia in genere è avvezzo a letture di più elevato genere, come Topolino, e inoltre si considera uno scrittore al par dei bardi (solo nella sua testa) perché considerare erotico uno pseudo porno richiede un atto di incosciente “coraggio” che per fortuna non tutti possiedono.
Fatto sta che l’ira del Moro non è affatto placata e così temo che anche quella dei gay non ammalati di ironia lo sia, ma poco importa.
Per quelli dotati di ironia che vogliono prendere la vita con un pizzico di leggerezza, che non si prendono troppo sul serio, la lettura di questo libro sarà piacevole e divertente.
Per tutti gli altri... Beh in farmacia vendono sempre Preparazione H e vaselina, fatene buon uso.



3 commenti:

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut