Followers

07/05/12

Declino


Lentamente il giorno scivola
Avvolgendo la città morta,
Muri contorti come radici
Nascondono odore di muffa e di peccato.

Chino sul mio passato dolente
Schiacciato da un presente falsato,
Cammino trascinando le membra stanche.

Ora inciampo, ora cado
Ora il respiro diventa pesante
Gli occhi fanno male, la voce assente.

Respiro polvere e sudore
Mangio pane e veleno,
Bevo odio e rancore.

Striscio su pietre aguzze,
Oh dolce dolore, amato e anelato
Oblio della mia anima nera
Strazia la mia carne, spacca le mie ossa.

Goccia dopo goccia, il mio sangue
Si mescola alle lacrime e al riso
Reso folle dall’allettante
Letto di morte che mi chiama.

E’ tempo di dormire, è tempo di fermarsi
E’ tempo che le rose nere con le loro spine,
Avvolgano il mio corpo in un sudario gelido.

Ecco ora mi lascio andare, vieni Morte
E’ tempo che gli amanti si congiungano
In una danza senza fine.
(Xavier)


Nessun commento:

Posta un commento

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut