Followers

27/02/12

Salvatemi

In questo periodo la sfiga ha deciso di farmi spesso visita: dopo l'asportazione delle tonsille e il relativo periodo di convalescenza ero spiritualmente pronto per tornare a scuola ma ieri la signora ha colpito ancora.
Sono stato travolto da uno sciatore molto, molto, molto maldestro e mi sono rotto un piede. Così mi tocca rimanere a casa un'altra settimana prima di poter camminare con le stampelle.
Ma se quel tizio non sapeva stare sugli sci, perchè è venuto sui miei monti a rompermi... ?
Ma va beh, lasciamo perdere, bisogna trovare pur un modo per ammazzare la noia e così ho fatto. Ho preso il giornale e ho letto la prima pagina e mi si sono rizzati i capelli in testa: anatema dei vescovi su Monti, che dicono no all'IMU sulle scuole cattoliche e chi guida la rivolta? I frati salesiani.

Nel frattempo la prescrizione salva Berlusconi, perchè il tribunale di Milano decide il non luogo a procedere e ora l'ex premier ha gonfiato ancora di più la ruota (che potrebbe fare invidia a quella di un pavone) e dichiara di voler riformare la giustizia italiana.
Ma come? Gildo che ruba la mela va in galera e il signor Berlusconi che era stato accusato di corruzione in atti giudiziari (e molto altro) no?
Ma dove sta la giustizia?
Sta dove Mills dice: meglio così che la condanna, l'Italia cattolica perdonerà.
Io faccio parte dell'Italia laica e non perdono!
E non è ancora finita!
Il segretario Bersani chiede a Berlusconi di rinunciare alla prescrizione. Bersani, ma chi vuoi far ridere? Secondo te Berlusconi è così scemo da rinunciare a un salva culo? Va in galera solo per te? Suvvia...

Cerco così di cambiare articolo e mi imbatto in Monti: non metteremo le mani nelle tasche degli italiani, lacrime e sangue per tutti ma pensate che sia così?
No, perchè con 10 aumenti di imposta che vanno dalla casa alle addizionali la pressione fiscale è salita e chi ne fa spese? Ovviamente chi ha meno soldi!
Bravo signor Monti, ma lei è sicuro di voler risollevare l'Italia? Sarà...

Poi mi imbatto in un'altra notizia: tagli alle scuole pubbliche, le private sono in crisi.
Eh? Non ho capito, spiegatemi il nesso logico. Se le scuole private sono pagate dagli alunni stessi, mentre le pubbliche non vengono finanziate dallo Stato, come fanno le private a essere in crisi?

Chiudo questo excursus notiziario con il titolo di un libro di Stefan Zweig che credo sia molto significativo: Com'è fragile il Paradiso della civiltà.







3 commenti:

  1. Maghetto, il mondo fa schifo: basta vedere le notizie sui giornali come hai appena scritto!

    RispondiElimina
  2. Dichiarerò casa mia luogo di culto, così l'Imu eviterò di pagarla. Quello che hai scritto è davvero scoraggiante, ci fa capire come in questo paese le cose non funzionano mai per il verso giusto e che a metterle a fuoco sia un ragazzino che dovrebbe pensare a divertirsi e a cose più leggere è sconcertante. Ma che adulti siamo?

    RispondiElimina
  3. In certi momenti evito anche di leggere il giornale, sembra un campo minato pieno di stronzate commesse dai nostri governanti. Ormai abbiamo toccato il fondo del fondo del fondo.

    RispondiElimina

Un commento fa sempre piacere.
A comment is always nice.
Un commentaire est toujours agréable.
Un comentario es siempre agradable.
Ein Kommentar tut immer gut